post

L’eremita Atto I (Scena unica-conclusione)


Confessionale


 Un uomo

Ma sì, tanto… morire in un modo o in un altro… posso anche aspettare. E dove mi consiglierebbe di andare?
Un confessore
C’è qui fuori un eremo famoso… ti dice niente il nome di Abelardo ed Eloisa?
Un uomo
Eccome se mi dice… lui è stato evirato come me… ma almeno da un convento all’altro con Eloisa… hanno continuato ad amarsi… trasformando il loro desiderio umano in un rapporto entusiasmante e profondo… è la storia d’amore più  affascinante del medioevo… direi un simbolo millenario
Un confessore
Perché dici che sei stato evirato?
Un uomo
Perché ho amato da impazzire… e colei che ho amato… ha preferito pensare che non fosse vero… o forse me lo ha fatto credere… non so… comunque sono stato spiritualmente evirato… in realtà mi sa che ho fatto il percorso inverso di Abelardo
Un confessore
Non capisco
Un  uomo
Lui è stato evirato fisicamente ma ha sublimato i suoi desideri e sentimenti… io ho perso il mio spirito ed ho cercato nel sesso fai da te o in altre donne… quello che avrebbe potuto donarmi solo lei… ora ho solo una gran nausea e voglia di morire…. grido alle stelle di venirmi a prendere… ma la notte mi fa sfogare e poi diventa ancora più profumata ed accogliente per la mia solitudine… per la mia sconfitta
Un confessore
Vorrei entrare nel tuo cuore per caricare un po’ di pena… ma ora ce n’è davvero troppa anche per me… hai bisogno di spurgare… facciamo così, fai conto che io e te siamo uomini del medioevo… ora non ti posso assolvere… ma se fai la penitenza… quando torni sarò felice di slegarti dal passato
Un uomo
Ciò presuppone che io sia ancora in vita… non ci giurerei… comunque proviamo… tanto è un’esperienza come un’altra… forse un fallimento da aggiungere agli altri… Abelardo del resto morì accusato di eresia  senza aver letto l’assoluzione scritta che l’abate di Cluny gli aveva fatto pervenire.
Un confessore
Ma morì comunque assolto…

L’uomo sorride e si alza dal confessionale con una certa fatica; poi con passo lento guadagna l’uscita.
Si chiude il sipario sul confessionale.
Fine atto primo

Comments

  1. Certo che é bello poter leggere il passato con il senno di poi, a volte mi rendo conto di essermi giá dimenticata memorie che pensavo restassero indelebili e inalterate, guardo le foto per esempio delle mie bambine, di soli pochi anni fa, e ho come l’impressione di vederle per la prima volta. Spesso é solo con il senno di poi che si puó distingure, che si puó capire la differenza per esempio tra l’essere innamorati e l’amare. L’eremita ha un gran dono nel ritrovare parte della sua vita scritta nero su bianco, puó ritornare al suo passato in modo critico, quasi distaccato e cercare in quell’inchiostro un percorso, il suo percorso e forse inizierá a vedere un senso anche fosse solo quello di non essere solo, qualcuno lo ha ascoltato, lo ha tenuto per mano…non é poco. Alberta

    Mi piace

  2. mi soffermo a fare alcune constatazioni su cosa vuol dire “amare da impazzire”. L’amore ha tante sfaccettature, ma è soprattutto dono continuo e gratuito di sè. La follia sta proprio nella gratuità, che al giorno d’oggi è sempre più rara e sempre rimane specchio della gratuità del Pagdre che ha mandato Suo Figlio per salvare gli uomini. L’amore non conosce incomprensioni, non conosce barriere, non conosce il non-perdono…non coosce finzioni l’amore. Quindi mi vien da dire che l’eremita forse non ha amato da impazzire, forse l’ha solo creduto, chissà…l’amore è molto diverso dall’innamoramento e temo che l’eremita stia facendo confusione tra i due concetti. Forse è stato follemente innamorato…ma ciò non significa affatto che abbia amato veramente!
    E probabilmente l’esperienza della gratuità in amore è quell’esperienza che ci avvicina maggiormente a Dio, alla gratuità che Egli esercita quotidianamente su di noi.
    Ad un anno di distanza da questo post vedo l’eremita cresciuto, anche il suo modo di esprimersi mi pare più maturo. La strada è lunga e lui procede con lentezza..in cuor mio vorrei che sentisse tutto l’affetto che oggi, 7 febbraio 2007, noi tutti nutriamo per lui.
    Che possa davvero amare, che veramente possa comprendere cosa è quella follia d’amore di cui qui parla senza comprenderne il vero significato. Donare la propria vita per qualcuno:in questo consiste la follia d’amore.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: