Inter ubera mea commorabitur


donna

Carissimi oggi mi siete mancati tanto e non ho potuto pubblicare nulla perché  il pc era morto: l’hard disk mi ha lasciato…

Ma ora sono di nuovo qui e vi svelo la soluzione per bocca e commento della stessa amata poetessa che mi ha mandato la seguente mail.

Inter ubera mea commorabitur è tratto dal Cantico dei Cantici, primo libro, versetto 13. Nel duetto dell’incontro la donna dice: <<Il mio amato è per me un sacchetto di mirra che riposa tra i miei seni>>. Le donne usavano portare un sacchetto di mirra tra i seni in modo da avvolgere tutto il corpo col suo profumo penetrante. Mi piaceva rispondere a quel volo a croce con l’immagine più tenera di un uomo abbandonato sul corpo della donna, inebriato di profumi e stretto in un abbraccio proprio come un sacchetto di mirra. In ebraico il linguaggio ed il lessico è ancora più efficace e si dice che l’uomo addirittura pernotta tra i seni dell’amata, rifugio dolcissimo in cui si placa ogni affanno cullati dal respiro che abbraccia e avvolge.
Tutto qua. Solo per spiegare la genesi di un titolo così bislacco che potesse far da replica al tuo capolavoro.

Approfitto per salutare i vecchi ed i nuovi amici: questa esperienza grazie a voi sta diventando davvero stupenda

Annunci

Pubblicato da

tieniinmanolaluce

Sono attualmente avvocato, mediatore civile e commerciale, formatore di mediatori e mediatore familiare socio Aimef. Per undici anni sono stato docente di letteratura italiana e storia antica al liceo classico. Sono accademico dell'Accademia Internazionale di Arte Moderna. Scrivo da sempre senza privilegiare un genere in particolare. Ho pubblicato diversi libri anche in materie tecniche. Tra quelli letterari ricordo da ultimo: Un giardino perfetto, Poesie 2012-2016, Carta e Penna Editore, novembre 2016. La condizione degli Ebrei dai Cesari ai Savoia, Carta e Penna Editore, aprile 2017 La confessione, Dramma in quattro atti, Carta e Penna Editore, aprile 2017 Ho iniziato questo blog nel febbraio del 2006 e mi ha dato grandi soddisfazioni. Spero continuino anche su questa piattaforma. Tutto ciò dipende fondamentalmente dalla interazione con tutti voi, cari lettori.

2 pensieri su “Inter ubera mea commorabitur”

  1. Origene!!! E chi mai ci sarebbe arrivato! Siete proprio dei burloni…son diventato matto col vostro “latinorum”…però…che bel titolo come risposta alla croce! La risposta sta proprio in quel versetto. Mi avete ancora una volta stupito…ora leggerei volentieri un po’ del suo dramma…e non prendetemi in giro perchè ho pensato a Virgilio!! Lo sapete che gioco con i numeri tutto il dì. Salvatore

    Mi piace

  2. Gentile avvocato, leggo L’eremita con grande interesse come ho già detto e mi riservo un commento “decente” più avanti, per gustare meglio la lettura del suo dramma-dialogo filosofico. Ero certo che l’arcano non sarebbe stato svelato facilmente…davvero originali siete nel rispondervi a vicenda. Una buona serata e … il Cantico è davvero un libro di straordinaria bellezza.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.