Il viaggio nel regno di Ade


P1100101

L’XI libro dell’Odissea  vede la discesa di Ulisse nell’Ade.

Tutto il viaggio è preparato dagli dei e alla partenza Ulisse piange e desidera morire, perché è spaventato all’idea di essere il primo uomo che compie un simile viaggio. Un viaggio, peraltro, velocissimo. In poche ore la nave di Odisseo entra nell’Oceano (questo immenso fiume che  ha in sé la virtù della vita e della fecondità eterna: ad ogni tramonto il sole vi si tuffa per riemergerne ogni mattina!) e a sera, dopo aver circumnavigato la parte settentrionale del globo, giunge all’Ade, luogo della sterilità e della morte irrimediabile.

Al crepuscolo la nave tocca le sponde della terra dei Cimmerii, sempre grigia e avvolta dalle nubi, e nessuna luce illumina l’eroe quando arriva nell’Ade, ma egli viene avvolto dall’odore acre della morte.

Nei boschi di Persefone scorge pioppi e salici, alberi infecondi, pianta che la medicina classica utilizzava per procurare la fine del desiderio erotico e l’aborto.

Tutto intorno uno scorrere di fiumi, ai quali il testo omerico mai allude, ma il lettore deve sapere di quale fragore l’intera scena è impregnata: Acheronte, Pirifligetonte, Cocito, Stige, “il fiume del dolore”, “il fiume brillante come il fuoco”, “il fiume del lamento”, “il fiume dell’odio e del brivido”, che si intrecciano, mescolano le loro acque l’uno nell’altro…l’acqua…ciò di cui le anime sono prive.

Anime secche, aride, dopo il rogo. Anime asciutte, sterili, volteggiano come spettri, sono pietrificate nella morte.

Sono èidola, fantasmi, immagini riflesse allo specchio, sono simili ai sogni, inafferrabili. Ulisse vorrebbe abbracciarle ma esse fuggono via, come fumo scivolano dalle mani dei vivi. E rimpiangono quel regno dei vivi al quale sono appartenute. Come lo rimpiangono! Con quale nostalgia si gettano sulle offerte dei vivi, latte, miele, vino, acqua e sangue, questo “sangue che scorre come nube fosca”, per ritornare semivivi, per riprendere la loro coscienza, la loro memoria, almeno per pochi minuti.

Giulia Del Giudice

Annunci

Pubblicato da

tieniinmanolaluce

Sono attualmente avvocato, mediatore civile e commerciale, formatore di mediatori e mediatore familiare socio Aimef. Per undici anni sono stato docente di letteratura italiana e storia antica al liceo classico. Sono accademico dell'Accademia Internazionale di Arte Moderna. Scrivo da sempre senza privilegiare un genere in particolare. Ho pubblicato diversi libri anche in materie tecniche. Tra quelli letterari ricordo da ultimo: Un giardino perfetto, Poesie 2012-2016, Carta e Penna Editore, novembre 2016. La condizione degli Ebrei dai Cesari ai Savoia, Carta e Penna Editore, aprile 2017 La confessione, Dramma in quattro atti, Carta e Penna Editore, aprile 2017 Ho iniziato questo blog nel febbraio del 2006 e mi ha dato grandi soddisfazioni. Spero continuino anche su questa piattaforma. Tutto ciò dipende fondamentalmente dalla interazione con tutti voi, cari lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.