post

La commutatio loci (parte terza)


Per terminare la nostra riflessione sulla tematica della commutatio loci nel mondo romano, vi propongo la lettura di alcuni passi di Seneca, filosofo stoico vissuto sotto Nerone.

Nel secondo capitolo del dialogo De tranquillitate animi, Seneca risponde al suo interlocutore Sereno, che si sente insicuro interiormente e nauseato dalla vita. Nell’Epistula 2 ad Lucilium dichiara all’amico Lucilio la sua soddisfazione perché egli non si fa trascinare dal desiderio di cambiare sempre luogo o lettura. La lettera 28 ribadisce ancora una volta il concetto che viaggiare non fa guarire l’anima e la lettera 104 è in gran parte impostata sul discorso dell’inutilità del viaggiare per evadere da se stessi e dai mali che ci rendono tristi.

 “Perciò si intraprendono errabonde peregrinazioni e si corrono senza meta lidi remoti, ed ora per mare, ora per terra fa sue prove l’incostanza, ostile sempre al presente. “Ora andiamo in Campania” Ed ecco che annoiano le dolci mollezze: “Andiamo a visitare terre desolate: andiamo alle balza di Calabria e di Lucania!” Ma in mezzo ai luoghi deserti si cerca qualcosa di piacevole, nei quali poter confortare dal lungo squallore di orridi paesi gli occhi avidi di lusso: “andiamo al famoso porto di Taranto, al soggiorno invernale di più mite clima e alla terra ricca abbastanza anche per contenere l’antica folla”. “E’ tempo ora di volgere il cammino a Roma: da troppo tempo le orecchie non odono il fragore di plauso, giova ormai godere anche del sangue umano.” Dopo un viaggio se ne intraprende un altro e si muta spettacolo con spettacolo. Come dice Lucrezio “così ciascuno sempre fugge se stesso.” Ma che giova, se non sfugge? Segue se stesso e sta alle proprie calcagna, compagno insopportabile”. (De tranq. an. II, 13-14)

Ex his quae mihi scribi set ex his quae audio, bonam spem de te concilio: non discurris nec locorum mutationibus inquietarsi. Aegri animi ista iactatio est: primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et secum morari. ( Ep. 2,1)

“Da ciò che mi scrivi e da quel che sento dire ho buone speranze su di te: non corri qua e là né ti dedichi a irrequieti cambiamenti di luogo. E’ proprio di un animo malato questa agitazione:primo indizio di una mente equilibrata io considero il saper star fermo e trattenersi con se stesso.”

Anche Seneca quindi, come Orazio,  riprende il motivo lucreziano dell’inquietudine che spinge a spostarsi continuamente di luogo in luogo come un sintomo di una malattia dell’anima. La iactatio è tipica di un aeger animus, di un animo malato, mentre la composita mens, l’equilibrio mentale che connota il saggio stoico, è al contrario provato dalla capacità di fermarsi e di stare in compagnia di se stessi.

“Credi proprio che questo sia capitato soltanto a te e ti stupisci, come di un fatto strano, di non essere riuscito a dissipare la tristezza ed il tormento del tuo cuore con un viaggio così lungo e con la varietà dei luoghi da te visitati? Devi mutare l’animo, non il cielo. Anche se attraverserai l’immenso mare e, come canta il nostro Virgilio, si allontaneranno dal tuo sguardo regioni e città, dovunque andrai i tuoi vizi ti seguiranno. Ad un tale che rivolgeva la stessa domanda Socrate rispose:” Perché ti stupisci che i viaggi non ti rechino alcun giovamento dal momento che porti in giro te stesso? Lo stesso motivo che ti ha spinto lontano dalla tua casa non smette di tormentarti.” Che sollievo può dare visitare nuovi paesi, conoscere nuove città e contrade? Vana è questa agitazione. Tu domandi perché, pur girovagando da un luogo all’altro, non ti senti meglio? Perché vai in giro con te stesso. Dovresti deporre il peso da cui è oppresso il tuo animo: prima nessun luogo ti risulterà gradito. ” (Ep. 28, 1-2)

“Non esiste viaggio, credimi, che ti possa mettere al riparo dalle passioni, dall’ira e dal timore. Se esistesse probabilmente tutti gli uomini in schiera lo intraprenderebbero. Questi mali non ti daranno pace e ti tormenteranno nel tuo vagabondare per terra e per mare, finchè porterai in te le cause dei mali stessi. Ti stupisci che il fuggire non ti giovi affatto? Ciò che fuggi è dentro di te. Pertanto correggiti, scuoti di dosso ogni peso e contieni in limiti vantaggiosi per la salute dell’anima i desideri che devono essere repressi: cancella dal tuo cuore ogni traccia di cattiveria.” (Ep. 104, 19-20)

Anche per Seneca dunque è inutile viaggiare per guarire l’animo, bisognerebbe allontanarsi da se stessi, mutare il proprio carattere, essere un altro uomo per stare meglio! In realtà a Seneca preme soprattutto ammonire il lettore che è cosa illusoria cercare rimedi ai nostri mali fuori da noi stessi. Bisogna anzitutto ricercare e poi curare le cause dei nostri mali, che sono interne a noi, paradossalmente liberandoci della nostra stessa compagnia.

Come abbiamo visto, i passi di Seneca che vi ho proposto riprendono e ampliano i motivi lucreziani ed oraziani sia nei toni che nello stile consueti al filosofo: ai modi vivaci della diatriba Seneca aggiunge espedienti stilistici che colpiscono il lettore (ripetizioni, antitesi, giochi di parole e uso di termini chiave).

Prima di passare al motivo della commutatio loci nelle letterature moderne vi riporto ancora un passo tratto da La tranquillità dell’anima di Plutarco, autore greco vissuto tra il I e il II sec. d. C. per mostrarvi come anche nel mondo greco questa tematica fosse sentita come attuale.

Come quei pusillanimi che navigando soffrono il mal di mare e credono di poter star meglio se passeranno da una scialuppa ad un vascello, e poi da questo a una trireme, ma non ottengono alcun risultato e portano sempre con sé la loro rabbia e vigliaccheria, così che il cambiar modus vivendi non toglie all’anima le cause che l’affliggono e la turbano. L’inesperienza delle cose del mondo, la non riflessione, il non potere e il non sapere far buon uso dei beni di cui si dispone: ecco i difetti che tempestano ricchi e poveri, che affliggono celibi e sposati; per causa loro si fugge la vita pubblica, ma poi non si sopporta l’inattività; si cerca di farsi strada a corte, ma, una volta giunti alla meta, subito se ne prova disgusto. (Plutarco, La tranquillità dell’anima, 3)

Giulia Del Giudice

Per approfondire :

G. Bruno, La strenua inertia oraziana e un’interpretazione della iunctura in Seneca, in Letture oraziane, Venosa 1993, pp. 43-54.

P. Donini, G.F. Gianotti, Modelli filosofici e letterari. Lucrezio, Orazio, Seneca, Bologna 1979.

A. Grilli, Il problema della vita contemplativa nel mondo greco e romano, Milano 1953.

A. La Penna, Saggi e studi su Orazio, Firenze 1993, pp. 344-350.

A. Traina, Autoritratto di un poeta, Venosa 1993

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato

Monica Poletti Interiors

Essential Living

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Idee per godere ogni giorno. Arte Cibo Viaggi

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: