post

L’avvocato ed il mediatore


P1130009

A Donatella Ferranti, membro della II Commissione (Giustizia)

Ebbene giovedì sono partito di buona mattina per recarmi al rifugio Questa: la mia intenzione era quella di coprire un dislivello di 1000 metri in tre ore ed è ciò che ho fatto.

Mentre salivo ho iniziato a pensare che tutto sommato il cammino verso una cima è un po’ come quello di una causa.
Si guarda la cartina per individuare il percorso più agevole, si consultano le previsioni del tempo, si cercano anche dei compagni perché andare in montagna da soli può essere pericoloso, ci si attrezza a seconda della presunta difficoltà del percorso e poi si parte per quella che sarà probabilmente una salita, con la consapevolezza che il dislivello che si può coprire in una sola giornata è davvero limitato.
Il diritto è un ombrello che si porta nello zaino nella speranza che si riveli di qualche utilità: serve a poco però contro i fulmini ed anzi talvolta ne amplifica la forza; può aiutare forse se si incontra una pioggia poco insistente, purché non ci sia vento, si intende; a certe altezze però il vento c’è quasi sempre.
In definitiva l’ombrello si rivela sovente e semplicemente un peso che ci grava le spalle; oltretutto non mi consta che possieda dei sentimenti o che si possano provare dei sentimenti per lui, nemmeno la gratitudine.
Nel codice civile non esiste la parola “amore”, né il vocabolo “comprensione”; certo ci può essere un minimo di riconoscimento indiretto, ma spesso non corrisponde esattamente a quello che si pensava di ottenere.
Quando il mediatore accetta di mediare è invece consapevole che le distanze da percorrere sono siderali (altro che mille metri di dislivello!) ed incolmabili per le sue umane forze; mette in conto sin da subito che probabilmente non avrà a disposizione tutta la giornata per il cammino: il tragitto è avaro, spesso concede soltanto pochi minuti…
Il mediatore non può sapere con precisione come attrezzarsi: gli strumenti che servono confida di trovarli sulla via.
Non ha con sé poi una piantina topografica il mediatore, perché ignora dove lo parti lo condurranno; non c’è necessariamente da affrontare una montagna, potrebbe anche trattarsi di un oceano oppure di un labirinto o ancora di un cul de sac.
E se ci sarà davanti una montagna il mediatore non tenterà di conquistarne la vetta, ma farà il tifo per i sentieri su cui cammina: sono i sentieri che ad un certo punto del tragitto decidono, se lo ritengono opportuno, di unirsi per raggiungere la vetta.
Il mediatore rimane di solito stremato a pochi minuti dal rifugio e ne guarda con commozione la bandiera: è stata una gran fatica, ma pure un immenso piacere fotografare il cammino percorso.
I sentieri da imboccare all’inizio sono poi sempre due: l’avvocato alpinista ne ha invece uno soltanto e spesso si perde comunque d’animo perché gli esperti della montagna non esistono.
Il mediatore non può permettersi il lusso di scoraggiarsi, anche se sa perfettamente che per buona parte della sua opera dovrà camminare in contemporanea su mulattiere scomode che tra l’altro indicano direzioni di una divergenza apparentemente insanabile.
Il mediatore è consapevole che le sue gambe dovranno allungarsi a dismisura per non spezzarsi e che il migliore degli allenamenti potrebbe non bastare.
Devono essere flessibili le sue gambe e un ombrello aperto gli farebbe di sicuro perdere l’equilibrio.
Il mediatore non si preoccupa delle previsioni del tempo: nello zaino si porta una bacchetta da rabdomante.
Non è un mago, ma un uomo fiducioso e attento che pazientemente ricerca l’energia nei sentieri.
Sa che la pioggia è di aiuto quando contribuisce a smussare le curve a gomito e a ridefinire il cammino.
Sa che le frane sono inevitabili, ma pure che i massi rotolati sulla via servono a riposarsi quando si è stanchi.
Il mediatore non ha compagni di viaggio che possano tranquillizzarlo e non cerca alleati.
Il mediatore sorride sempre anche quando i suoi piedi sanguinano senza meta, il mediatore non ha obbiettivi, sono sempre i sentieri che decidono se avere una meta comune oppure no.
Il mediatore accarezza le strade con un guanto di lana e con un gesto delicato: non ripiana le ferite della terra, ci scende dentro e condivide l’oscurità nella speranza che si riduca e che sia la stessa terra a permettere uno spiraglio di luce.
Il mediatore non fa altro che augurarsi in cuor suo che i sentieri collaborino nel grande disegno di Dio.

Comments

  1. Vittorio Gubbiotti says:

    Splendida metafora, affascinante anche nei suoi paradossi. E’ ben vero che la montagna è una maestra severa…

    Mi piace

  2. Come sarebbe bello…che da subito si conoscessero…i diritti reali…come sarebbe bello conoscere da subito..la fatica della conquista dell’amore.. Nasciamo per essere costruttori di pace…è ci impongono di lasciare questo mondo in guerra..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: