Le elezioni nel 1860


395

Nel 1860 i deputati erano 443.

Si eleggevano su base provinciale.

Le province di Milano e Napoli ne eleggevano 18, quella di Torino 19, seguivano Firenze con 14 e Genova con 13.

Roma non era ovviamente nominata.

I funzionari o impiegati dello Stato (impiegato regio) di norma non potevano essere eletti (in ogni caso non più di 1/5 dei membri del Parlamento: se fossero stati di più si provvedeva a sorteggio per escludere i sovrabbondanti) e così gli ecclesiastici.

Se un deputato fosse diventato impiegato regio oppure se lo fosse già e avesse avuto un aumento di stipendio cessava all’istante di essere deputato.

Non potevano essere elettori né essere eleggibili coloro che fossero condannati a pene criminali, che fossero in stato di fallimento o di interdizione giudiziaria, coloro che avessero fatto cessioni di beni sino a che non avessero soddisfatto integralmente i loro creditori, coloro che fossero condannati per furto, truffa o attentato ai costumi.

Decreto 17 dicembre 1860 dato da Vittorio Emanuele[1]


[1] Raccolta degli atti del governo di Sua Maestà il Re di Sardegna, Volume 29,Parte 4, p. 3661.

Annunci

Pubblicato da

tieniinmanolaluce

Sono attualmente avvocato, mediatore civile e commerciale, formatore di mediatori e mediatore familiare socio Aimef. Per undici anni sono stato docente di letteratura italiana e storia antica al liceo classico. Sono accademico dell'Accademia Internazionale di Arte Moderna. Scrivo da sempre senza privilegiare un genere in particolare. Ho pubblicato diversi libri anche in materie tecniche. Tra quelli letterari ricordo da ultimo: Un giardino perfetto, Poesie 2012-2016, Carta e Penna Editore, novembre 2016. La condizione degli Ebrei dai Cesari ai Savoia, Carta e Penna Editore, aprile 2017 La confessione, Dramma in quattro atti, Carta e Penna Editore, aprile 2017 Ho iniziato questo blog nel febbraio del 2006 e mi ha dato grandi soddisfazioni. Spero continuino anche su questa piattaforma. Tutto ciò dipende fondamentalmente dalla interazione con tutti voi, cari lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.