L’eremita (Seconda parte) (Scena unica-parte novantaseiesima)


Vicolo di Pompei

L’eremita

Tu hai soluzioni sempre sorprendenti e apparentemente semplici… vorrei avere la tua fede e la tua fiducia… mi consolo pensando che sei già tra i beati… e quindi che non posso pretendere da me stesso più di tanto… il paragone sarebbe impari per forza di cose… peraltro posso ancora migliorarmi in questa vita seguendo i tuoi insegnamenti e tenendo sotto controllo le mie molte paure… almeno lo spero.

Abelardo
Io sono soltanto una scintilla per un fuoco che deve ardere nel tuo cuore…sei disponibile ad accettare il fuoco?

L’eremita
È difficile per me sperimentare una così grande e definitiva passione… l’unica esperienza totalizzante è la paura… la paura di morire di fame in povertà…non sono ancora pronto ad affrontare la morte che pure mi è capitato di invocare.

Abelardo
Non sei ancora pronto per affrontare la vita… per capire che non sei solo nella prova… che il Cielo vigila con attenzione sul tuo capo perché nemmeno un capello vada perduto. Se tu avessi questa consapevolezza non parleresti di morte laddove ti è richiesto soltanto di vivere con un minimo di entusiasmo e di curiosità per ciò che ti circonda. Ecco tu non sei curioso di conoscere il cammino e ti guardi sempre indietro, è naturale che inciampi sempre!
È davvero faticoso il tuo percorso… se tu fossi cieco sarebbe più facile, perché almeno tasteresti il terreno che ti separa dalla meta… tu invece tasti gli errori ed i rimorsi, i peccati e le mancanze, le occasioni perdute ed i rimpianti… con tutte queste preoccupazioni il tuo cuore langue sotto un peso insostenibile e la mente non trova sbocchi, si perde in ciò che più non esiste, in ciò che devi valutare con attenzione, ma non certo adorare nell’immobilità…
Non devi mai ritenere che il cammino sia concluso, perché il cammino non finisce mai, è eterno come la tua anima… è la tua anima in fondo che si purifica sempre di più…che si fa sempre più simile al Suo creatore pur essendo dall’eternità della stessa sostanza.
Annunci

Pubblicato da

tieniinmanolaluce

Sono attualmente avvocato, mediatore civile e commerciale, formatore di mediatori e mediatore familiare socio Aimef. Per undici anni sono stato docente di letteratura italiana e storia antica al liceo classico. Sono accademico dell'Accademia Internazionale di Arte Moderna. Scrivo da sempre senza privilegiare un genere in particolare. Ho pubblicato diversi libri anche in materie tecniche. Tra quelli letterari ricordo da ultimo: Un giardino perfetto, Poesie 2012-2016, Carta e Penna Editore, novembre 2016. La condizione degli Ebrei dai Cesari ai Savoia, Carta e Penna Editore, aprile 2017 La confessione, Dramma in quattro atti, Carta e Penna Editore, aprile 2017 Ho iniziato questo blog nel febbraio del 2006 e mi ha dato grandi soddisfazioni. Spero continuino anche su questa piattaforma. Tutto ciò dipende fondamentalmente dalla interazione con tutti voi, cari lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.