Solitudine/Sorriso


Solitudine

Guardo in un sorriso
come un esile
filo luminoso
prendo vita
e nitida
solitudine
custodisco.

 lampadina

Sorriso

Con la magia di un dono
illumina
e sorprende il giorno

Annunci

Pubblicato da

tieniinmanolaluce

Sono attualmente avvocato, mediatore civile e commerciale, formatore di mediatori e mediatore familiare socio Aimef. Per undici anni sono stato docente di letteratura italiana e storia antica al liceo classico. Sono accademico dell'Accademia Internazionale di Arte Moderna. Scrivo da sempre senza privilegiare un genere in particolare. Ho pubblicato diversi libri anche in materie tecniche. Tra quelli letterari ricordo da ultimo: Un giardino perfetto, Poesie 2012-2016, Carta e Penna Editore, novembre 2016. La condizione degli Ebrei dai Cesari ai Savoia, Carta e Penna Editore, aprile 2017 La confessione, Dramma in quattro atti, Carta e Penna Editore, aprile 2017 Ho iniziato questo blog nel febbraio del 2006 e mi ha dato grandi soddisfazioni. Spero continuino anche su questa piattaforma. Tutto ciò dipende fondamentalmente dalla interazione con tutti voi, cari lettori.

25 pensieri su “Solitudine/Sorriso”

  1. prima di entrare in classe ho riletto questa bellissima pagina…è un sussulto nel cuore. Giacomino oggi non sta bene, ma l’ho salutato con un sorriso e lo stesso sorriso spero di donare agli alunni. Buon lavoro e buona giornata a voi tutti!

    Mi piace

  2. mi accade quando guardo una fotografia in particolare:ritrae un volto che sorride. Ogni volta che il mio sguardo si posa su quel sorriso io sento dentro come un tuffo, un lampo, un colpo di bacchetta magica e mi immergo nei ricordi, rivivo alcuni momenti, certe emozioni, risento determinati profumi:tutto è nitido, chiaro, i contorni precisi…prendo questo dono fatto di ricordi e sorrisi e lo custodisco nel cuore e la sua luce illumina l’intera mia giornata. Forse quel sorriso illumina l’intera vita mia, mi sostiene nei momenti di debolezza, mi consola quando tutto mi pare privo di senso…è un sorriso materno, che accoglie e si dona al tempo stesso, il sorriso che tutti custodiamo nel nostro cuore, il nostro sorriso, quelllo che abbiamo quando guardiamo in faccia la vita con la fiducia e la serenità di chi ha voglia di dare più che di prendere. Grazie per questi versi bellissimi e colmi di speranza.

    Mi piace

  3. Solo ora scopro questa meravigliosa pioggia di sorrisi; personalmente é proprio l’amore dolce che mi lega alla mia solitudine, che non é negativa, anzi, é intesa come un saper vivere con me stessa, che mi porta ad apprezzare il sorriso per quello che esso contiene, che mi porta a scoprire il sorriso nel filo luminoso di una lampadina e a stupirmi ogni volta come la prima quando un sorriso si dona proprio a me, si accende proprio per me. Se non custodissi la mia solitudine non credo che la magia del sorriso mi farebbe vibrare cosí, allo stesso modo, con la stessa intensitá. Questa pagina mi ha riportato indietro ad un’altra pagina, non ricordo di quando, quella sul bacio…baci e sorrisi, il mondo ne ha cosí bisogno!!!!!!!!Bravissimi! Alberta

    Mi piace

  4. veramente una splendida pagina, minimalista, essenziale, nitida per le immagini nette e precise, lo stile musicale e la metafora sottesa…la poesia può essere fatta da un’icona piccola, piccolissima, qualcosa che ha in sè un bagliore e con pochi tratti scatena un’emozione! Bravissimi.
    Nicola P.

    Mi piace

  5. Grazie per quella lampadina:s’accende un’idea, s’accende un sorriso, s’accende lo slancio verso chi abbiamo dinanzi, con la gioia dell’incontro! Nicola

    Mi piace

  6. Grazie per averci richiamato alla memoria che anche oggi abbiamo tante possibilità per donare un sorriso ed altrettante opportunità per riceverlo! Cristina

    Mi piace

  7. riportiamo di seguito passi dell’Anonimo citato, solo per ricordare a noi stessi quanto grande sia il valore di un sorriso:
    Un sorriso non costa nulla e produce molto, arricchisce chi lo dona senza impoverire chi lo da.

    Mi piace

  8. quella lampadina, un solo “tac” e si illumina, improvviso, come all’improvviso un sorriso si accende ed intorno a me non è più solitudine! Nicoletta

    Mi piace

  9. Qualcuno ha parlato di idillio…è vero:due quadretti, netti, rapidi, precisi, immagini ed emozione si rincorrono in un girotondo di stupore! Alberto

    Mi piace

  10. la prima lirica potrebbe essere stata scritta dall’eremita! La seconda da Abelardo!
    E’ bello questo dialogo, bello soprattutto se letto in questa chiave che vi sto proponendo:ciò che rimane custodito è uno stupore magico, la Bellezza, quella Bellezza che spesso non vediamo e che accende il giorno.
    Complimenti vivissimi! Rossana

    Mi piace

  11. forse è davvero così:un sorriso è un qualcosa in cui si guarda dentro, lascia trapelare l’anima di chi ce lo sta donando, è magico perchè contagioso, quando sincero, ci porta a fare i conti con il nostro “fanciullino” tante volte dimenticato o soltanto celato per paura di essere ancora capaci di stupire e lasciarci stupire!

    Mi piace

  12. il solo guardare, perdersi in un sorriso può illuminarci,può illuminare la giornata, possiamo sorprenderci dinanzi al fatto che esso è contagioso…un sorriso vero, quello spontaneo che nasce gratuito, non una smorfia che poi si cela dietro a una solitudine che ha il sapore nostalgico di una innocenza perduta…
    due splendidi idilli!

    Mi piace

  13. forse non è sufficiente un sorriso al poeta per riprendere vita, nitida egli conserva la sua solitudine e non sa, crepuscolare com’è, godere della magia di quell’imprevisto, una luce inaspettata che s’accende e cambia l’ottica di un intero giorno!

    Mi piace

  14. anni fa lessi “valore di un sorriso”, un breve testo che spiegava il perchè di questo magico dono che scalda il cuore, anche quello più immerso nella solitudine:spesso il sorriso rigenera proprio, e capita di tenersi la sua magia dentro al cuore, per evitare quasi che scappi…

    Mi piace

  15. anche la solitudine può far sorridere, o meglio, un sorriso può donare magia alla stessa solitudine, sorridere di se stessi, della propria solitudine, dell’incapacità di relazionarsi , talvolta, del desiderio di avere silenzio e luce fioca intorno a sè, per poter scrutare meglio in se stessi e sorridere di sè…nella solitudine nasce un sorriso, ed è una sorpresa, quella tipica di un dono inaspettato, forse solo un ricordo, un pensiro fugace..chi lo sa…eppure sul nostro volto le labbra magicamente si piegano e regaliamo qualcosa di bello di noi alla vita!
    particolarissimo ed originale post, nel quale l’introspezione sposa la spontaneità con grande efficacia!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.