post

L’eremita (Seconda parte) (Scena unica-parte settantatreesima)


Mare di zoagli


L’eremita
Forse mi rimane solo questa confessione e mi sono già messo a riflettere… ho abbandonato il mondo che mi aveva già abbandonato… non un grande sforzo dunque… la mia vita è sempre stata dettata dalla necessità o da uno stato di impotenza che le si avvicinava… E anche Dio arriva proprio quando non Ne posso fare a meno… come un amico che si può chiamare all’ultimo minuto e che si trova sempre in casa… insomma quando la malinconia o la paura si fanno più struggenti ed il cuore ha smesso di ribellarsi…
Sarà forse per questo che preferisco l’eterno riposo e che me lo recito spesso… devo cambiare un po’ le parole, ma è il prezzo dell’essere vivo… è affascinante poter pregare per la propria anima, quando è ancora trattenuta dal corpo… come se si potesse negare una contaminazione inevitabile… e Dio sa quanto il mio cuore abbia bisogno di essere pulito!

Abelardo
Il mare è un continuo ritorno… nessuno può dire dove inizi e dove finisca… è la spiaggia che dà origine alle onde o la profondità marina? Non c’è un confine netto tra la vita e la morte… non è il corpo che decide la dimensione del cuore, ma lo spirito… non stupirti se senti il desiderio del riposo eterno… tu non puoi sapere che cosa significhi, ma il tuo spirito invece lo sa ed in alcuni momenti sente la nostalgia della sua immortalità… per dir così… pensa che bello poter respirare la prossima ricongiunzione… è una altro privilegio che Dio ha dato all’uomo… certo talvolta può essere angosciante, perché il corpo vuol vivere di qua come del resto gli è stato richiesto, ma lo Spirito sa interrompere il ciclo naturale delle cose del mondo, e lo fa così bene che per brevi momenti ci convince a sognare l’eternità e non siamo nemmeno spaventati… come Cristo possiamo sperimentare il passaggio… ed in fondo a buon mercato… perché non abbiamo chiodi o spine conficcate nella carne… certo il malessere morale è molto forte talvolta, ma non è paragonabile, perché involge la nostra sola persona… Lui aveva in sé il desiderio di eternità di tutti gli uomini… pensa al peso che dovette sopportare… invece tu puoi concentrarti sulla tua sola anima e sentirne le più segrete aspirazioni… abbandonati alla preghiera perché essa non ti abbandonerà mai… è uno scudo che ti accompagna in ogni momento… rimane intorno al tuo corpo che tutto ha dato… rimane a conforto dello spirito, quando solo lo spirito esiste… e si espande infinito nell’aria eterna del perdono

Comments

  1. alessandrarisso says:

    una pagina sull’importanza del ricongiungersi e del riconciliarsi, nel rapporto con Dio, con noi stessi, con gli altri. L’incontro è tale solo se c’è relazione, scambio, confronto, crescita…questo è l’incontro. L’incontro con Dio ci rende ogni volta migliori, più saggi, più sereni, più portatori del la Parola. Foto mweravigliosa!!!

    Mi piace

  2. pregare per la propria anima forse equivale a fare un esame di coscienza. Bisogna essere obiettivi, lucidi e umili e ricominciare dai nostri punti di forza. Ricominciare. Cadere e poi rialzarsi, salvare quello di buono, la purezza che c’è in noi e dare a queste cose spazio, spazio e tempo…infinito come il mare, come il perdono che sempre dal Padre arriva. Grazie per queste parole. Salvatore

    Mi piace

  3. Anche io come Alberta ho visto in queste parole la prosecuzione del post precedente….solito fil rouge che lega questa meraviglia di blog corale. S devo concentrarmi sulla anima e percepirne le aspirazioni vedo solo pace. Pace e armonia. Non è giusto pensare che ciò sia possibile con la morte. Voglio credere che anche in vita, quando il mio corpo è in vita, sia possibile un atomo di tutto questo SEMPRE che è non solo un’aspirazione, ma un impegno da assumerci qui, ora!

    Mi piace

  4. renatoscrepis says:

    sapete, questa pagina mi fa venire in mente il dramma interiore di Edipo, di colui che commette colpa e si acceca proprio per quel cuore impuro che ha contaminato l’intera città di Tebe. Ma so che se Edipo fosse stato cristiano si sarebbe salvato perchè avrebbe potuto chiedere perdono, cosa che non era concessa nei confronti delle antiche divinità. L’aria eterna del perdono possiamo conoscerla noi…gli antichi Greci non avevano questo privilegio!

    Mi piace

  5. alberossia says:

    mi ha colpito il SEMPRE DI CUI PARLA pAOLO E CHE BEN SPIEGA LE PAROLE DI aBELARDO. Dio è strettamente connesso all’idea del SEMPRE, all’idea del TUTTO. Noi invece pensiamo al TUTTO e ORA! Quel Tutto è un niente, è nella goccia di quel mare, nel granello di sabbia di quella spiaggia, è nell’azzurro del cielo e nel bianco delle nubi…non è nel possesso. Nel possesso non c’è SEMPRE, non c’è TUTTO. Il possesso genera paura e quindi la non libertà. Bella quella considerazione tra paura e fede…Grazie a Filippo per la sua illuminante opinione e grazie a cARLO PER AVERMI DONATO ANCORA UNA VOLTA UNO SPUNTO IMPORTANTE SU CUI RIFLETTERE PER TUTTA QUESTA GIORNATA. aLBERTO

    Mi piace

  6. emilioconte says:

    la paura di morire non è tanto legata al corpo, quanto a quella di veder morire la purezza primitiva e originale dell’anima, del cuore. La paura di morir dannati…ma non è possibile se sappiamo chiedere perdono, se sappiamo rivolgerci a Dio con l’umiltà di chi ha imparato a pregare e a mettersi nelle Sue mani.

    Mi piace

  7. Leggo questa bellissima pagina come continuazione della precedente e allora, l’abbandonare il mondo combacia con il sentirsi granello di sabbia, un granello infinito in un mare del divenire.
    Quante volte noi donne ci siamo chieste se sia giusto o no mettere al mondo un nuovo essere, in un mondo in cui forse piú dell’ottata per cento dei bambini soffrono la fame, le violenze della guerra, le violenze di menti malate, eppure ci abbandoniamo alla procreazione, eppure so che se avessi iniziato la mia famiglia qualche anno prima non mi sarei fermata a due figli…e comunque sono pronta alla volontá di Dio…perché la vita é breve, tanto breve, perché é nel pregare per loro che riesco con piú facilitá a pregare per la mia stessa anima, a chiedere perdono, ad esprimere la mia gratitudine. Grazie a tutti e se non potessi piú tornare sulla pagina vi abbraccio, tutti quanti, perché si parte per un mese d’ítalia, si parte per tutti quegli affetti che mi rendono quella che sono…una donna molto fortunata!! Alberta

    Mi piace

  8. innanzitutto complimenti per la fotografia mozzafiato, che ben rappresenta le parole di Abelardo…incredibile come parole ed immagini posano trovarsi in sintonia…anche questa è un’espressione d’arte! Mi ha colpito il ciclo naturale delle cose del mondo, il ciclo eterno, che noi uomini abbiamo in tanti modi voluto cambiare per nostra utilità, per meglio vivere, ma solo apparentemente. E spesso è proprio da questa apparenza che siamo ingannati:vediamo un’utilità, un interesse senza scorgere dietro la catastrofe con la quale dovremo fare i conti. Alteriamo questo ciclo eterno per convenienza, ma in quanto ciclo esso non può essere deviato e tornerà sempre al punto d’origine per poi ricominciare. E’ il SEMPRE, L’ETERNO di cui si parlava prima. >Credo che talvolta all’uomo facia un po’ paura tutto ciò. Preferisce, l’oggi, il definito, il contingente!

    Mi piace

  9. più che uno scudo credo che la preghiera rappresenti l’abbandono di ogni difesa per affidarci, anima e corpo, nelle braccia del Signore. Si torna così al discorso iniziale: per paura si imbraccia uno scudo. Con la fede ci si dona totalmente senza timore e remore. Ed il perdono arriva sempre, perchè Dio sa vedere come è pulito il nostro cuore. Sa vedere al di là delle apparenze, dei fatti. Egli legge i perchè delle azioni, sente il bisogno che l’uomo ha di raggiungerLo, di raggiungere la verità e la pace. Per comprendere ciò bisogna mettersi in ascolto. La preghiera è ascolto, non solo richiesta; è far penetrare in quel nostro cuore non lindo gocce dell’amore di Dio per renderci più saggi, più vicini all’Eterno, più parte somigliante del Tutto a cui ritorneremo.

    Mi piace

  10. Sono così pochi i momenti che ciascuno di noi dedica alla scoperta di ciò che realmente siamo e della nostra sostanza eterna! Ecco il senso delle parole del filosofo. Avete mai pensato al SEMPRE? A ciò che c’è da sempre a ciò che per sempre ci sarà. Questo è il mio Dio, il Dio che vive nello spirito eterno di ciascuno dei Suoi figli. C’è un legame strettissimo tra tutti gli aspetti di un essere vivente:il fisico, l’emotivo e lo spirituale. A questi tre aspetti bisogna guardare per ricercare l’armonia che riconduce a Dio. Siamo esseri eterni. Incarniamo il SEMPRE, che è l’immagine di Dio.

    Mi piace

  11. carlocuppi says:

    che fotografia!!! Così deve aver immaginato Dio lo spirito dell’uomo, come questo mare che sempre lambisce il Padre…per la vita intera. A mio parere qui l’eremita non sente il desiderio di morire, ma di iniziare finalmente a vivere. Vuol far morire le angosce che sente forti e predominanti e vorrebbe risorgere, farsi di nuovo mare e lambire ancora la spiaggia. E’ uno spirito, quello dell’eremita, che anela a Dio. Come il mio, come il tuo, come quello di tutti noi. E’ un messaggio universale il suo!

    Mi piace

  12. Dio è sempre presente. Tu non lo vedi, non lo percepisci, ma Lui è presente. La tua anima è ricolma di Dio, il tutto che ti circonda parla di Dio. E la paura….la paura è forte laddove non c’è la fede. L’eremita parla di paura, forse paura della morte, paura per la propria anima….oggi viviamo in un mondo di paura, minacciamo i nostri figli, abbiamo bisogno di leggi coercitive e di galere. La potenza di un Paese si misura sulla quantità di armi con le quali può minacciare altri Paesi. Il problema è che noi non abbiamo più la percezione di quel mondo che Dio ha creato ed ha voluto per l’uomo. Abbiamo dimenticato che l’universo non è un qualcosa di pericoloso, ma un disegno di eterno divenire. E la nostra anima, il nostro spirito è parte di Dio:basta provare a riconciliarsi con la Natura, a sentire profondamente ciò che essa sempre recita ai nostri occhi, alla nostra anima. Non paura, ma fede. Questo è l’atteggiamento di chi ha riconosciuto Dio dentro sè. E chi l’ha riconosciuto non può far altro che pregare e ringraziare Dio per il dono preziosissimo della vita.
    Grazie per questa bellissima pagina. Filippo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: