Annunci

L’eremita/Abelardo


L’eremita

Piegato
dal non essere
mi accontento
d’essere vivo.

 Erma sul ponte Fabricio

Abelardo

Respiro la gioia
d’esistere
ad ogni palpito
d’amore in cui
mi anniento

Annunci

  1. Sulla citazione di Shakespeare vorrei sottolineare come il dubbio amletico sia imperniato sull’interrogativo esistenziale del vivere (essere) e del morire(non essere). Da questo punto di vista è molto lontano il testo del tragediografo dal nostro post, perchè in realtà l’idea del suicidio che è sottesa alle parole di Amleto non è affatto presente nelle due liriche…pur avendo un tempo l’eremita pensato al suicidio (questo è vero!).

    Mi piace

  2. mi pare spettacolare questa chiacchierata simposiaca! Ma anche la letteratura ha preso spunto dall’essere e non essere. Vediamo se i ragazzi hanno qualche idea….

    Mi piace

  3. Platone supera i divieti di Parmenide, egli aveva vietato di pensare che il non essere in qualche modo sia, laddove per Platone esiste un “esere del non essere”:il non essere come diverso, come altro, dialetticamente correlativo all’identico.Enrica

    Mi piace

  4. profondamente diverso è il discorso che fa Platone: egli afferma infatti che per determinare che cosa è l’uomo io devo dapprima determinare che cosa esso non è. Per Platone infatti ogni idea è identica a se stessa, in quanto diversa, altra, rispetto a quella opposta.

    Mi piace

  5. L’essere per Anassagora non può venire dal non essere, nè finire in esso:per il filosofo non c’è produzione dal nulla, nè diastruzione totale delle cose, ma solo una loro perenne trasformazione

    Mi piace

  6. questa intuizione che noi oggi diremmo “embriologica” fornisce la base per una teoria filosofica più generale:ogni realtà deriva da semi in cui era già contenuta “implicitamente”. Enrica

    Mi piace

  7. Anassagora spiega lo sviluppo del seme come crescita delle parti distinte e la loro separazione progressiva, quindi come differenziazione di ciò che prima era omogeneamente mescolato. Paola

    Mi piace

  8. Anassagora, come Empedocle e Democrito, accetta il principio eleatico per cui l’essere non può derivare dal non essere, nè finire in esso:la nascita non può venir concepita come opassaggio dal non essere all’essere, nè la morte come annichilirsi di ciò che è. Esse sono invece processi di combinazione e divisione di enti che già da sempre e per sempre sono. Enrica

    Mi piace

  9. più tardi con Empedocle si verrà a costruire una teoria del divenire in cui essere e non essere non siano posti contraddittoriamente come identici. A tal proposito nel suo poema Sulla Natura egli spiega la varietà e le trasformazioni dei fenomeni naturali a partire dalle quattro radici (terra, acqua, aria e fuoco) e le due forze dell’amore e dell’odio.

    Mi piace

  10. questa attenzione che la filosofia rivolge all’essere delle cose verrà chiamata nel corso della storia della filosofia con il termine di ontologia, che vuol dire appunto discorso sull’essere. Essa parte con Parmenide e sarà poi il riferimento principale delle due ontologie principali del pensiero antico:quella platonica e quella aristotelica.

    Mi piace

  11. gli enti sono tutto ciò di cui possiamo dire:CHE E’, di cui affermiamo l’essere. L’acqua è, il fuoco è, l’aria è. Con Parmenide la filosofia si accorge delle cose non in quanto cose, ma – come dirà Aristotele – delgli enti in quanto tali. Noi possiamo conoscere le cose solo se le comprendiamo innanzitutto in quanto esse sono.

    Mi piace

  12. solo con Eraclito e in modo compiuto con Parmenide la filosofia diventa invece DISCORSO SULL’ESSERE. Essa non cessa di riferirsi alle cose concrete, agli elementi della physis, ma li pensa in quanti essi sono, cioè li pensa in quanto enti.

    Mi piace

  13. per i filosofi ionici i termini to eon e ta eonta non vengono distinti da altre che nella lingua greca indicano cose reali e concrete (ad es. pragmata). Volti alla ricerca dell’archè essi danno per scontato che le cose su cui indagano SIANO.

    Mi piace

  14. bravissimi:il pensiero pensa per Parmenide obbligatoriamente ciò che è (to eon) cioè l’essere delle cose;mai invece pensa il non essere, cioè le cose in quanto non essenti (to me eon). Pensare il non essere equivale a non pensare. Pertanto solo ciò che è, l’essere, può essere pensatoed espresso con il linguaggio. Viceversa ciò che non è non può essere vero, non può in realtà venir pensato ed espresso con il linguaggio. esso non esiste:è il NULLA

    Mi piace

  15. Per il filosofo di Elea ogni nostra affermazione, giudizio e pensiero sono in primo luogo un dire ed un pensare che ciò che si giudica e afferma E’: Elena

    Mi piace

  16. Parmenide individuò due linee di ricerca, due modi opposti di pensare, che ritiene i soli logicamente possibili: uno “che dice CHE E’ e che non è possibile che non sia”, l’altro “che dice CHE NON E’ e che è necessario che non sia”. Enrica F.

    Mi piace

  17. la partenza è da Parmenide di Elea, il filosofo di Elea, il filosofo della alètheia che con la sua ontologia procedette alla definizione dedd’essere e delle sue proprietà fondamentali.

    Mi piace

  18. Essere o non essere, questo è il problema: se sia più nobile d’animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna, o prender l’armi contro un mare di triboli e combattendo disperderli. Morire, dormire, nulla di più, e con un sonno dirsi che poniamo fine al cordoglio e alle infinite miserie naturale retaggio della carne, è soluzione da accogliere a mani giunte.
    Morire, dormire, sognare forse: ma qui é l’ostacolo, quali sogni possano assalirci in quel sonno di morte quando siamo già sdipanati dal groviglio mortale, ci trattiene: é la remora questa che di tanto prolunga la vita ai nostri tormenti.
    Chi vorrebbe, se no, sopportar le frustate e gli insulti del tempo, le angherie del tiranno, il disprezzo dell’uomo borioso, le angosce del respinto amore, gli indugi della legge, la tracotanza dei grandi, i calci in faccia che il merito paziente riceve dai mediocri, quando di mano propria potrebbe saldare il suo conto
    con due dita di pugnale? Chi vorrebbe caricarsi di grossi fardelli imprecando e sudando sotto il peso di tutta una vita stracca, se non fosse il timore di qualche cosa, dopo la morte, la terra inesplorata donde mai non tornò alcun viaggiatore, a sgomentare la nostra volontà e
    a persuaderci di sopportare i nostri mali piuttosto che correre in cerca d’altri che non conosciamo? Così ci fa vigliacchi la coscienza; così l’incarnato naturale della determinazione si scolora al cospetto del pallido pensiero. E così imprese di grande importanza e rilievo sono distratte dal loro naturale corso:
    e dell’azione perdono anche il nome…
    Vorrei poter scrivere il mio nome, ma, come ben tutti sapete é Shakespeare che parla e lascio a voi la parola. Alberta

    Mi piace

  19. sono due aspetti, questi, che richiedono esperienza, sofferenza, non sono scontati:è la vita che insegna tutto ciò, è la vita che insegna a vivere, ad annientarci, ad accontentarci

    Mi piace

  20. quello che mi colpisce da una parte è la sobrietà, la maturità del sapersi accontentare, dall’altra l’umiltà di sapersi annullare nel dono gratuito di sè al prossimo. Costanza

    Mi piace

  21. ed il palpito non lo avverti solo dentro te, perchè questo accade quando si è piegati, quando respiri è perchè avverti il palpito della Bellezza di cui tu sei parte integrante:è q

    Mi piace

  22. annientati nell’amore, sentiti un nulla nel momento in cui avverti in te questo palpitp universale di cui anche tu sei parte…qui è la gioia! Patrizia

    Mi piace

  23. non annientare te stesso senza finalità, se vuoi sentirti un nulla, fallo dinanzi a Dio, a chi ti ha voluto perchè fossi qualcuno, qualcosa, perchè potessi rappresentare anche solo un atomo di Lui su questa terra

    Mi piace

  24. si pensi solo al linguaggio ascetico, come ad esempio al fatto che la vera santità consiste nell’annullarsi in Dio. Qui il vivere consiste nell’annullarsi nell’amore! E mi pare assolutamente in linea con quanto detto sinora da Abelardo! Coerentissimo dialogo poetico!

    Mi piace

  25. beh…un po’ alla morte, anche se solo in apparenza e giocando sul lessico, ci si riferisce. Annientarsi significa in fondo essere niente, un nulla, un non-essere, ma qui il senso è molto diverso, perchè in quell’annullarsi c’è un annichilimento nell’amore

    Mi piace

  26. ed infatti dal respiro si passa ai palpiti, ed è il cuore la sede dei palpiti, è il cuore il muscolo dell’amore…questo amore che per una volta non viene associato alla morte!

    Mi piace

  27. mi piace quella metafora, respiro la gioia, mi piace pensare alla gioia come a un qualcosa che possa essere respirata, che entra nei polmono, che ossigena il sangue e arriva dritto al cuore:è una bellissima immagine, una lode a Dio!

    Mi piace

  28. ed è proprio la rassegnazione che non piace ad Abelardo: non piegarti, respira! Non chiuderti, apri il cuore! Non chiudere gli occhi, spalancali! Quante volte ha mostrato all’eremita la Bellezza, quella Bellezza inafferrabile che lo circonda e di cui non riesce a godere…ora l’eremita sta imparando, si accontenta di quel poco che ha. La vita! E vi pare poco la vita? Non è forse il dono più prezioso?

    Mi piace

  29. forse che nell’accontentarsi c’è un rifiuto di assumersi responsabilità? non credo…credo piuttosto che si prenda atto di una situazione…una situazione che non può essere cambiata, ci si rassegna e basta.

    Mi piace

  30. e vorrei far notare che “respiro la gioia” è tutto un verso, come a sottolineare che non solo è importante respirare , ma è importante prendere consapevolezzza di esistere! Questa è una vera e propria responsabilità.

    Mi piace

  31. nulla, d’altro canto, è più vitale della respirazione stessa: senza di questa saremmo morti, saremmo non-essere! L’apertura al mondo, al prossimo, al cambiamento è di vitale importanza, è questo che Abelardo risponde con quel “respiro la gioia”. Furio

    Mi piace

  32. è il discorso del cammino che ancora una volta prende forma: l’eremita ed Abelardo da tempo si sono presi per mano e procedono sulla stessa strada, fanno un cammino, sono partiti da un punto per raggiungere la meta. Mi pare assai bello che queste due liriche mostrino che da una situazione di difficoltà come quella del piegarsi si possa giungere ad una situazione di apertura, come quella del respirare…è un po’ un alternarsi di diastole e sistole questo post ed è spiritualmente elevato il valore di questo contrare e distendere!

    Mi piace

  33. è proprio la riflessione, il ripiegamento a mostrarmi i limiti, è dalla chiusura che si parte, ma poi bisogna giungere all’apertura! Questo è fondamentale se si vuole essere vivi!

    Mi piace

  34. al contrario nel piegarsi c’è un atteggiamento di chiusura, di ripiego su se stessi, di raccoglimento anche, di riflessione, questo solo per dire che non è comunque un atteggiamento negativo. Furio

    Mi piace

  35. il respiro implica una apertura, si aprono le braccia, i polmono, si lascia entrare l’aria, si ha un atteggiamento, per l’appunto, di apertura!

    Mi piace

  36. diversa è la posizione di Abelardo:intanto guardate solo la postura; nella prima lirica c’è qualcuno che è piegato, la seconda invece si apre con un verbo solare, respiro! Già in questo c’è una differenza sostanziale nel porsi dinanzi al destino stesso.

    Mi piace

  37. proprio in questo consiste la gioia:nell’accontentarsi, nell’essere appagato dal solo fatto di essere vivo…non importa poi se il destino farà di me un non-essere:io so che sono nel momento esatto in cui vivo e mi accontento di ciò

    Mi piace

  38. nella prima lirica vedo un uomo piegato, un uomo provato dal destino, un destino spietato che però lascia ancora una possibilità:l’accontentarsi!

    Mi piace

  39. vorrei dire che se l’eremita è piegato è solo grazie alla presenza di Abelardo, il quale è capace di annullarsi nell’amore per il prossimo…se così non fossse, l’eremita sarbbe non piegato, bensì spezzato. Corrado fadda

    Mi piace

  40. Che bello rileggervi tutti!, Anch’io, guardando l’immagine ho pensato subito alla Trinitá ed ho pensato anche che, viste dall’alto quelle tre teste sono proprio come il trifoglio che St. Patrick ha usato per spiegare tale mistero. Leggendo le poesie non ho visto tanto una domanda ed una risposta, quanto una continuazione ad un medesimo concetto, in quell’accontentarsi dess’esser vivo vedo l’istinto alla sopravvivenza, l’essere che vince sul non essere e divengono poi la medesima cosa tramite l’amore, la gioia di essere e l’annullarsi in essa.
    Non ci sono piú pensieri, la mente si é liberata di tutto, svuotata e in essa si puó ascoltare il mistero della Trinitá. Alberta

    Mi piace

  41. e nulla viene tolto ai personaggi, che appaiono anche nei versi con le medesime caratteristiche:l’eremita piegato e Abelardo rassicurante, un Abelardo che continua con l’esempio a mostrare una via, a indicare all’eremita un modo per non essere piegato, per fare del non essere un essere! ecco, per me la genialità del post sta in questo particolare! rossana

    Mi piace

  42. no, è un chiasmo…fateci caso:la replica procede per un chiasmo! Geniale! Se riflettere vedrete che anche in prosa Abelardo risponde sempre in questo modo…fedelissima anche la struttura interloquiare del dialogo…nulla viene tolto alla prosa! Bravissimi

    Mi piace

  43. ma ponete attenzione anche a come sono costruite formalmente queste due bellissime liriche, a noi maggiormente care proprio perchè parlano di due personaggi fittizi che ci sono cari…le parole non sono messe a caso…

    Mi piace

  44. ed infatti a parer mio queste due liriche sono molto sentite, nascono dal profondo del cuore, da un’umile constatazione di ciò che è la propria vita, dall’amarla, questa vita, con le sue difficoltà…contento solo di viverla, ma nello stesso tempo con l’aver capito che si vive veramente soltanto quando veramente si ama. Trovo il messaggio molto profondo!

    Mi piace

  45. la cosa di cui ringrazio più Carlo e Giulia è di aver creato un dialogo. Anche in poesia i due personaggi continuano a parlare, con le loro connotazioni, fedeli al loro modo di essere…l’eremita piegato, piegato e non spezzato…ma questo solo grazie alla presenza del filosofo…il filosofo che si erge, umilmente non si piega, si annulla, si annienta ogni volta che dona se stesso…straordinari davvero. grazie.

    Mi piace

  46. oppure quella terza figura sull’erma potrebbe rappresentare Dio, il disegno di Dio, la capacità dell’uomo di accettare tale disegno, di amarlo addirittura…

    Mi piace

  47. del resto il termine FORTUNA è vox media ed in quanto tale può essere positiva o negativa, favorevole o avversa, propensa a farci esserci oppure a farci sentire un non essere. Enrica

    Mi piace

  48. ma che bella cosa avete tirato fuori!! Mi concentro un attimo sull’immagine sull’erma che mostra tre volti…e vi esorto a dire la vostra…

    Mi piace

  49. Carissimi, sono innanzitutto felice di ritrovarvi:queste due liriche sono davveroo una SINTESI di ciò che sono l’eremita e Abelardo;siamo abituati a leggere di loro attraverso ragionamenti, attraverso una prosa che spesso prende forma attraverso similitidini e figure tratte dal concreto, dal reale…qui abbiamo un’astrazione, una sintesi, come dicevo prima di che cosa significa vivere per ciascuno dei due personaggi.
    E mi stupisco di come così pochi versi possano essere talmente fedeli alla psicologia tracciata in tanto tempo e con tante parole dei due interlocutori…davvero la poesia ha la grande capacità di lanciare messaggi incisivi e fedeli a ciò che siamo…ma cosa siamo? già, che cosa siamo? essere o non essere? Siamo oppure non siamo? e se non siamo perchè accade ciò? perchè sentirsi un niente? Oppure no:oppure forse l’annientarsi è essere pienamente….dite voi!

    Mi piace

  50. che piacere rileggervi! Ero in pensiero!!Davvero un post eccezionale che bisogna commentare con ordine: innanzitutto la brillante idea dei titoli….la prosa viene messa in versi liberi, le tante pagine che sinora abbiamo letto, commentato, le tante parole che nel cuore di ognuno hanno lasciato un segno , segnano ora una traccia lirica, il disegno preciso, il profilo di due personaggi che da mesi ci fanno compagnia. Che cos’è l’esistenza, come si sopravvive? che appigli abbiamo, che credo abbiamo? quante domande riassumono queste due poesie, quale sintesi di concetti!
    Lascio la parola ai ragazzi che sicuramente saranno spronati a dare il meglio di sè. Con ammirazione e stima. Nicola P.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare partendo da Lucca

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

mediaresenzaconfini

ADR a 360 gradi Conciliazione, mediazione , arbitrato, valutazione neutrale, medarb e chi ne ha più ne metta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: