Annunci

Calypso/Ogigia


Calypso
(Tu, mio sole, mio vento)

Dimenticata
vivo
come un’isola
senza approdi.
Striduli uccelli
beccano una terra
santa non solcata
e sempre
prego un dio
che porti il sole
che porti il vento

Scogli
Ogigia
(Così siamo noi)

In fondo
ti giurai
di partire
e neppure il sole
ti portai
ed il vento fu
per me una rovina.
Ma ti portai
l’amore
scampato alla morte
e la solitudine
come un demone
da accarezzare.
La verità
è del mare
irresistibile
che mi circonda.

Annunci

  1. cìè da chiedersi come mai nessun tragediografo si sia mai ispirato al dolore di Calypso…forse perchè è una dea, ma sarebbe stato interessante vedere questo mito rielaborato in tragedia…chissà, magari sarà stata pur scritta una tragedia su questo argomento e probabilmente è andata perduta…Grazie per questo gran bel post che ci avete donato. Ncola P.

    Mi piace

  2. e alla povera Calypso, beata non felice, non rimane che guardare il mare, così come per sette anni lo ha guardato in lacrime Odisseo, e lanciare benedizioni a quel mare che glielo ha portato, lanciare maledizione a quello stesso mare che glielo ha portato via. EnricaF.

    Mi piace

  3. nella lirica credo che l’amore sia solo Ulisse, è lui che rappresenta per Calypso l’amore, ed è lui ad esser scampato alla morte, ma comunque destinato a morire…ma in Ulisse i Greci videro sicuramente quell’amore eterno sul quale un uomo può contare…e questo solo grazie a Penelope….la quale non può competere con Calypso, non è una dea, ed Ulisse lo sa bene…ma preferisce sua moglie, l’amore della sua donna fedele, all’immortale amore di una ninfa

    Mi piace

  4. può l’amore scampare alla morte? Al di là di ogni elisir di lunga vita, io penso di sì…penso che l’amore possa scampare alla morte…l’amore di una madre per i suoi figli sicuramente perdura anche dopo la morte

    Mi piace

  5. mi piace pensare che Ulisse da lontano volga almeno il suo pensiero a Calypso…almeno in segno di riconoscenza per l’amore e l’accoglienza che la dea gli ha offerto…l’ospitalità per i Greci era un vincolo immortale! Costanza

    Mi piace

  6. e dopo averlo accettato bisogna amarlo, il proprio destino, altrimenti è una vita solo apparente la tua! La vita è meravigliosa nelle sue bellezze e spietata nella sua crudeltà…auguro a tutti di non essee mai soli come Calypso nell’affrontarla…essere in due aiuta sicuramente ad amare il proprio destino

    Mi piace

  7. se pure è arrivato per Calypso il sole ed il vento, in realtà questi sono solo amore e solitudine e lasciano la dea esattamente come prima dell’arrivo dell’eroe greco…la verità sta nella condanna di un destino che bisogna accettare

    Mi piace

  8. stupisce che una divinità possa soffrire, che Calipso in quanto dea possa fare esperienza del dolore che è prettamente umano…in Omero gli dei sono sì antropomorfizzati, ma nessuno di loro è così umanamente vicino al sentire di Odisseo…forse è anche per questo che Calipso lascia partire il suo amato…

    Mi piace

  9. Vedo in Calypso l’immagine di una donna incompleta, in attesa di essere completata. E’ come se fosse creatura in fieri, come se ancora qualcosa mancasse , una tessera musiva importante per completare il mosaico…forse è l’arrivo di ulisse, ma lui giurò di partire…ed allora la tessera mancante sparisce di nuovo….e Calypso è forse destinata per sempre a non essere donna

    Mi piace

  10. guardando l’immagine ho pensato a Calipso, al suo corpo di dea inaccessibile per un uomo, anche quando ad offrirlo è lei…ho pensato alla diffidenza di Ulisse che non si fida di lei…come potrebbe fidarsi ancora del mare o degli scogli perigliosi? Di quel mare color del vino a cui Calipso lo affiderà con la sua zattera? L’amore e l’immortalità vengono rifiutati come rifiuta il mare…ma poi, senza mare Ulisse non sarebbe chi è, l’eroe che è…forse è questa la verità…

    Mi piace

  11. quindi c’è un collegamento tra quel “santa” e quel “giurai”…i due termini sono vincolati da una certa inviolabilità semanticamente intrinseca. Marta

    Mi piace

  12. il termine santo deriva dalla radice SAK che si presenta anche nel verbo SANCIO,IS,SANXI,SANCTUM,IRE che significa “rendere inviolabile”, “ratificare per legge” e presuppone un’interdizione prescritta dagli uomini. Questo è evidente anche dal termine SANCTIO-SANCTIONIS che è la “pena” che colpisce il trasgressore della legge e dal participio perfetto SANCTUS che vale come “inviolabile”. Calipso è inviolabile! e noi definiamo SANCTA le cose che non sono nè sacre nè profane, ma stabilite da una certa sanzione, come le leggi sono SANCTAE (Digesto, I,8,9, par.3)

    Mi piace

  13. è una Calipso diversa quella della prima lirica, una ninfa che prega un dio, che sa di essere “umana”, consapevole di questa sua inferiorità rispetto agli altri dei….fprse proprio per questo si sente come dimenticata, come dimenticata era la sua isola, Ogigia era nell’ombelico del mare….e la cosa più originale è che la terra è santa e non solcata…

    Mi piace

  14. certo…lo fa Calipso, paradossalmente, perchè Ulisse non si fida del suo aiuto. E cos’ la ninfa giura inviolabilmente e chiama a testimone della sua buona fede la terra, il cielo e l’acqua dello Stige:ha a cuore la giustizia e la vita dell’eroe, e non certo possiede un animo di ferro. Enrica F.

    Mi piace

  15. tra i poeti italiani che si sono ispirati all’antichità classica merita un posto di assoluto rilievo Pascoli, che nella raccolta Poemi conviviali dedicò molto spazio ad Odisseo. Il poeta immagina che l’eroe, ormai vecchio, lasci Itaca per ripercorrere a ritroso le tappe del suo viaggio. Ma l’esperienza, che altro non è che una continua ricerca di se stesso, è destinata a fallire:l’eroe non è più riconosciuto e non si riconosce più, fino all’ultimo, definitivo approdo sull’isola di Calipso, dove il mare depone il corpo ormai senza vita di colui che aveva rifiutato l’immortalità.
    Ed è bellissimo l’urlo di Calipso:”Non esser mai! Non esser mai! più nulla, ma meno morte, che non esser più”

    Mi piace

  16. Ulisse sa molto bene che mortalità ed immortalità non possono essere messe a confronto e che forse chiunque altro non esiterebbe ad accettare con gioia l’allettante proposta di Calipso, ma ciò non fa per lui, per lui che è la vivente incarnazione dell’eroe che desidera sempre nuove esperienze e che, pur consapevole dell’esiguo tempo concesso alla mortalità, si identifica nella brama di conoscere:l’amore di Calipso ed il dono dell’immortalità lo priverebbero di tutto questo, relegandolo sulla “breve sponda” dell’isola di Ogigia, accettabile solo a patto di una completa rinuncia di sè e della propria dignità di uomo, soggetto di scelta, di conoscenza e di libertà

    Mi piace

  17. certo che no…rimanere con Calypso significherebbe rinnegare la propria particolarissima umanità, l’eroismo che Ulisse incarna e che nasce dal perenne adeguamento alla polutropia della realtà oggettiva, che si manifesta anche nella vecchiaia e nella morte

    Mi piace

  18. e chi la conosce la verità? Bisogna avere il coraggio di tuffarsi, talvolta, prendere fiato e scendere giù in apnea…puoi vedere qualcosa di bellissimo, un fondale stupefacente, ma un pesce ti può anche mordere…. La verità ci circonda, tutti ne siamo circondati e ad esse nessuno scampa…non c’è scampo, c’è solo da accettarla! Riccardo

    Mi piace

  19. Pensando all’essere Calypso mi é venuta in mente la falicitá raggiunta di Montale, spero di non dire una stupidata, se cosí fosse scusatemi. E’ quasi come se fosse l’arrivo stesso di Ulisse a trasformare l’isola in una donna. Come isola viveva nella speranza dell’attesa un’attesa fatta di vento e di sole. Divenuta donna é convinta che il suo destino sia cambiato perché di certo l’arrivo di Ulisse é visto come un segno chiaro inequivocabile di quel cambiamanto tanto atteso…ma nulla paga il pianto del bambino a cui fugge l’aquilone tra le case. Ora Calipso non puó piú tornare indietro, non puó piú tornare isola appagata dal sole e dal vento..é terribile, persino un segno inequivocabile si é preso gioco di lei, il suo destino, quello vero, é di restare infelice, un destino senza possibilitá alcuna di redenzione, o forse no…la veritá é nel mare.Alberta

    Mi piace

  20. mi sono immaginata quell’Ulisse omerico seduto tra quegli scogli…che sgomento all’idea di non poter raggiungere Itaca…che sgomento per Calypso sapere di essere condannata per volere degli stessi dei ad essere solo e sola come quegli scogli….Marta

    Mi piace

  21. nel racconto di Omero poi Ulisse appare determinato, risoluto, consapevole di sè…è un uomo che preferisce vivere affrontando il peso della mortalità piuttosto che non vivere più, perchè da immortale in realtà Ulisse non vivrebbe. Fabio

    Mi piace

  22. e dall’altra parte abbiamo un Uisse che ci viene presentato nel momento in cui davvero ha toccato il fondo delle sue sventure:prigioniero, scoraggiato, consumato dalla nostalgia che gli divora l’animo e che lo rende indifferente persino all’amore di una dea ed al dono dell’immortalità

    Mi piace

  23. In effetti il personaggio di Calipso è degno di nota anche dal punto di vista poetico:è caratterizzata da una viva umanità (nella lirica è la fecondità ad essere spia di questo tratto omerico) a tratti malinconica, molto più adatta alla psicologia di una donna innamorata e privata dell’oggetto del suo amore che a quella di una temibile dea

    Mi piace

  24. ma a me piace come personaggio…è una buona! aiuta anche Ulisse…non sarebbe mai riuscito a salpare e gli promette amore ed immortalità…lo ama davvero. Alice

    Mi piace

  25. ma indipendentemente da questi interrogativi ai quali è impossibile rispondere la presenza di Calypso è fondamentale per la struttura del poema, piuttosto che per il suo contenuto. Infatti l’intreccio narrativo esige che Ulisse debba raddoppiare gli anni di esilio e la funzione di Calypso è proprio questa

    Mi piace

  26. tale supposizione sarebbe avvalorata anche dalla posizione geografica di Ogigia, situata nel punto più occidentale del mondo (nella mitologia mediterranea l’occidente, là dove tramonta il sole, è spesso identificato con il regno dei morti) e coperta da una vegetazione che ricorda quello dell’eliseo

    Mi piace

  27. Non so se sapete che questo episodio dell’Odissea rassomiglia ad altre storie di provenienza mediorientale (ad esempio la storia di Sinhue, che si sviluppa intorno ad un nucleo storico e di cui è protagonista il dignitario del faraone Amenhemet I, vissuto intorno al 1990 a. C.) ed ha fatto pensare che Omero abbia rielaborato materiale assai antico. L’ipotesi non è improbabile, dal momento che spesso in questo testo Omero utilizza spunti derivanti da favole e leggende;ma non appare del tutto sufficiente per spiegare la funzione del personaggio di Calypso nell’economia del poema. La figura della figlia di atlante appare di per sè piuttosto misteriosa;essa compare per la prima volta in questo episodio e non è ricordata in nessun altro racconto mitologico, nè risulta che, pur essendo una dea, sia mai stata oggetto di culto.

    Mi piace

  28. si costruisce una zattera il tre giorni…pensate al dolore di Calypso, all’ubbidienza di una dea al volere degli dei, al fatto che debba piegare il capo agli dei olimpi…fornisce all’eroe il legno, affinchè col legno egli possa salpare e lei rimanere lì, in compagnia di striduli uccelli che ancora beccheranno una terra, terra senza frutto.

    Mi piace

  29. L’immortalità vera e propeia per l’eroe polytropos è ansia di vita, è fatica, curiositas, rischio di vita! E il vero amore per Ulisse è solo quello della sua donna, è il talamo della sua casa che egli costruì su un ulivo…così Odisseo parte!

    Mi piace

  30. proviamo a soffermarci un po’ sul mito omerico.
    Ogigia era veramente – e lo dice Omero – sprovvista di porti ed era assai difficile quindi potervi approdare, aaltrettanto difficile dipartire di là per andare alla ricerca del mondo.
    E’ un’isola incantabile ma Ulisse non se ne cura e tutto il giorno guarda quella distesa di acqua e piange…sogna solo di veder spuntare dai flutti la sua terra, la sua Itaca , vedere il fumo che esce dai camini delle case della sua gente.
    Nel nostro post la situazione è così descritta:nella prima lirica c’è una Calypso in attesa di qualcuno, nella seconda lirica c’è un Ulisse arrivato e già partito.
    Ed in mezzo?
    cosa sta nel mezzo?
    Nel mezzo sta il mito, nel mezzo stanno per l’appunto le lacrime di Odisseo e le promesse della dea…quali?

    Mi piace

  31. così siamo noi….come siamo? due che si amano e che non si possono amare? due costretti a vivere distanti? Qual è la verità? Che ci si ama nonostante tutto? faccio fatica a comprendere la replica oggi. Federico

    Mi piace

  32. Nella seconda invece c’è un Ulisse che disillude Calypso…nessuna fecondità, nessuna consolazione, niente sole, niente vento…la verità, doorosa, sta nel mare:il mare conduce ognuno alla sua terra:Ulisse grazie al mare torna ad Itaca, Calypso rimane inapprodabile in mezzo al mare!
    E non porta amore Ulisse…porta solo solitudine!
    Semmai nel mito è Calypso che ha proposto amore ad Ulisse, un amore che l’eroe con determinazione e fermezza ha rifiutato.
    Bellissimo post.
    Complimenti. Nicola P.

    Mi piace

  33. Veniamo ora alle liriche.
    La prima si apre con quella similitudine, al punto tale che Calypso ed Ogigia coincidono:Ulisse approda ad Ogigia, ma di fatto approda a Calypso. La terra e la donna coincidono.
    Bella allitterazione della “s” che incide maggiormente sullo stridore degli uccelli, sul beccare metallico una terra santa che aspetta di darto.
    Questo è l’aspetta più importante:Calypso aspetta di essere feconda!

    Mi piace

  34. due note tecniche. Ottima foto:quesgli scogli cos’ invisi e perigliosi sono proprio come si sente di essere Calypso:irraggiungibile, inaccettabile, nel senso più doloroso del termine….tuttu di nascosto fa calypso, nasconderà anche quell’uomo, l’unico giunto ad Ogigia, non è dimenticata perchè è abbandonata, è dimenticata come la mela di Saffo…sta troppo in alto ed i raccoglitori di mele non poterono coglierla:è un testo, questo, con tanti richiami letterari, come ad esempio il corpo di donna visto come terra da solcare (vedi Pavese)….questi confronti, queste miscellanee mi piacciono sempre molto e danno prova di una grande cultura.
    L’immagine, quindi, dicevo, aiuta molto già a figurarsi nella mente una condizione:ed il bello che è la condizione psicologica sia di Calypso che di Ulisse:uniscono le loro solitudini in quei sette anni. Nicola P.

    Mi piace

  35. fate anche caso a quella terra che è santa e non solcata:metafora bellissima di un corpo che è intatto, sacro!pronto ad offrirsi, come il dono più prezioso, a un naufrago forse,chissà…

    Mi piace

  36. ma da accarezzare….come se alla fine, solo per ritornare a quanto avete detto inizialmente, Calypso imparasse ad amare la sua condizione di donna destinata a vivere come un’isola. Enrica F.

    P.S….torniamo più tardi

    Mi piace

  37. Ed è forte quell’immagine di uccelli che striduli beccano la terra…non è una visione solare, quanto senti quasi il male che fa una beccata nella carne viva….sembra che la divorino quegli uccelli Paola

    Mi piace

  38. Ma vive come un’isola senza approdi…è inaccessibile Calypso:lei sa che non ha porti, che è destinata, lo sa in cuor suo, a rimanere un’isola abitata solo dalla sua presenza…Fabio

    Mi piace

  39. per me vive bene…quasi è riceracata la sua solitudine:è in attesa di una precisa persona e mi pare paziente, ha la certezza che prima o poi egli (Ulisse) giungerà. Elisabetta

    Mi piace

  40. Kalupto, io nascondo! Calypso è una ninfa dal nome parlante, colei che sta nascosta nell’isola di Ogigia, e vive lì, dimentica e dimenticata da tutti, colei che nasconde per sette anni Ulisse…invano. Nella prima lirica Calypso è una donna in attesa, in attesa di qualcuno. Dimenticata dagli deie dagli uomini vive sulla bellissima Ogigia, vive come una ninfa, una dei beati, anche se la sua dimora non è tra immortali dell’Olimpo. Come vive la nostra Calypso?

    Mi piace

  41. due similitudini:vivo come un’isola senza approdi e la solitudine come un demone da accarezzare….Calipso è l’incarnazione di queste due forti ed esplicite immagini: l’isolamento e la dannazione.

    Mi piace

  42. Grazie per questi versi…non avevo mai pensato a Calypso come alla sua stessa isola, mai avevo pensato alla verità irresistibile come il mare…la verità è sempre stata un qualcosa che mi ha spaventato…non è mai stata irresistibile…io l’ho toccata…quando la tocchi la fai tua e non la lasci più…e in tal modo non è più irresistibile operchè tu stesso la incarni attraverso i tuoi affetti.
    E’ irresistibile la sua forza, ed una volta che hai ceduto ad essa riconoscendo la verità dentro di te è inutile fingere, inutile scappare, partire…si va solo verso la verità. Ulisse è tornato alla sua verità e Calypso resta con la sua verità…le loro verità non si sono mai incontrate…scontrate, sì, come i venti che si accaniscono sull’uomo, sull’isola…ma la donna, la donna solo può, sa fornire zattere per l’uomo che ama…e a naufragare è lei!

    Mi piace

  43. Ma l’amore scampa alla morte ed è quindi immortale…quindi forse è Ulisse che ha donato a Calypso l’immartalità…un’immortalità maledetta, perchè Calypso sarà ossessionata dall’amore per Ulisse come da un demonio, un daimon che non riuscirà mai ad odiare, ad allontanare tanto ha amato l’eroe…
    Accarezza la solitudine Calypso…l’accarezza…accarezza il nulla…Ulisse ormai è già approdato ad Itaca…a che serve la verità se non a far soffrire? se non a illuderci? se non a farci sentire ancora più soli, dal momento che in realtà così siamo noi?

    Mi piace

  44. Tu, mio sole, mio vento…di che cosa può vivere un’isola se non di sole e di vento? L’isola viene scaldata dal sole, erosa dal vento, quel vento di mare, a volte tempestoso, a volte brezza leggera e amabile, vento che porta acuq, che porta semi…vento che semina e con il sole ecco i germogli…e l’isola si fa “abitata”…pur senza approdi!
    Tu, mio sole, mio vento….ecco cosa prega l’isola:là, in mezzo a quel mare vasto della verità (e la verità spesso spaventa e fa sentire ancora più paura ) non vuole l’amore e la solitudine, vuole il sole ed il vento, vuole l’amore e la presenza!

    Mi piace

  45. ma forse il bello sta nel fatto che la prima lirica può essere intesa come il ritratto di Calypso prima dell’arrivo di Ulisse ma anche dopo la sua partenza. La sua condizione di solitudine non muta…nessuna traccia lascia l’eroe:amore e solitudine e lei non può scappare…è una dannazione…ma santa prega sempre un dio….e questo dona al mito un tocco di grande originalità. Corrado

    Mi piace

  46. due modi diversi di trattae il mito:nella prima lirica c’è una Calypso ritratta prima dell’arrivo di Ulisse…nella seconda non c’è più Calypso…c’è solo Ulisse..Calypso è a Ogigia ed è nell’esatta situazione della lirica iniziale…

    Prima del mito, mito, prima del mito:circolarità

    Mi piace

  47. ho sempre pensato alla sofferenza di Calypso come a quella di un dio minore, una divinità inferiore che non è del tutto beata, che ha fatto esperienza di cosa significhi dipendere da qualcuno:dio non dipende da nessuno, non ha bisogno di nulla, di nessuno…gli dei omerici sono per lo più antropomorfizzati, ma assolutamente liberi dal provare necessità:semmai hanno sfizi da soddisfare. Calypso no:Omero ce la presenta come una donna, sì…sarà pure una ninfa, ma come Prometeo ha imparato a sue spese una dura lezione:”lo stolto impara soffrendo” diceva Esiodo e lei, stoltamente, impara che l’amore non si può comprare, nè elemosinare…non c’è merce di scambio che regga…neppure l’immortalità!
    Com’è vera questa Calypso, come è umana…Corrado F.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare partendo da Lucca

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

mediaresenzaconfini

ADR a 360 gradi Conciliazione, mediazione , arbitrato, valutazione neutrale, medarb e chi ne ha più ne metta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: