post

L’eremita (Parte seconda) (Scena unica – parte quarantanovesima)


Albero su ponte Negrone


L’eremita
Gli Angeli soffrono per le nostre privazioni? Voglio dire…come reagisce  l’Angelo custode quando si rende conto che la nostra vita è in pericolo oppure che la stiamo buttando via…oppure che so…che stiamo patendo la fame o la povertà…che ogni nostro sforzo è vano…che siamo depressi e soli… vecchi ed abbandonati…malati e agonizzanti…

Abelardo
Te l’ho detto… gli Angeli pregano Dio con un fervore che non può rimanere inascoltato…

L’eremita
Sì…ti ho sentito…ma il mio cuore è rimasto sordo e perplesso, dato che i risultati delle Loro preghiere non mi sembrano poi così clamorosi…scusa il sarcasmo, ma a me pare che il mondo sia composto da tanti piccoli Giobbe…anonimi però, perché di Giobbe lodiamo ancora la pazienza, di loro invece…mi sembra che siano tanti steli secchi tutti uguali, tanto uguali che nemmeno il vento riesce a distinguere…

Abelardo
Da una persona come te mi aspettavo davvero meno luoghi comuni…dei luoghi comuni hanno bisogno coloro che non credono… per illudersi di essere sulla strada giusta…ma senza Dio non può esistere una strada giusta…senza Dio c’è il buio…anche se ci sono le stelle e la luna…anche se conoscessimo tutte le rotte del’universo ed avessimo astronavi così potenti da raggiungerle…non potremmo aggiungere un solo secondo alla nostra vita…ma Dio lo può…ecco di che cosa si interessano gli Angeli, della nostra Vita…quella eterna…non pregano di certo per le nostre necessità terrene… sarebbe ridicolo visto che esse durano lo spazio della vita di una farfalla di fronte al Tempo che conta… non è questo il Loro compito…Dio è stato chiaro nel Paradiso terrestre, dolorosamente sincero con l’uomo e non ha inviato gli Angeli a mutare il destino dei figli di Adamo… semmai ha inviato Cristo che ci ha insegnato a morire in santità, non certo a soddisfare i bisogni del corpo che in Lui non è mai stato così maltrattato e fragile…Cristo ci ha chiesto di perdonare e gli Angeli pregano Dio di infonderci la forza…la forza di staccarci dalle esigenze effimere e di perdonare chi ci ostacola nel percorso terreno…anche perché spesso, seppure inconsapevolmente, non fanno altro che il nostro bene…ma non è facile comprenderlo… ci vogliono dei traduttori celesti che sappiano riportare a Dio il linguaggio delle cose per quel che è… per quel che veramente ci sta facendo…non è facile interpretare i fatti per chi non si sente un destinatario privilegiato…per chi si sente un escluso… e così gli Angeli pregano Dio quasi per ricordare a Lui che c’è un progetto…
Ed il progetto è soprattutto condivisione… gli Angeli pregano l’umano ed il Divino affinché condividano la Salvezza…perché Dio non può salvarci se non lo desideriamo dal profondo del cuore…ed ogni nostra preghiera fa da eco in un certo qual modo a quella celeste… c’è l’armonia tra le corde, il suonatore e la cassa armonica…così nasce la musica, la melodia che vince la morte.

L’eremita
Insomma mi vuoi dire che avremo un Angelo custode anche in Cielo e che questa è solo una breve ed insignificante tappa?

Abelardo
Pensa di essere sul ponte di una grande nave in mezzo alla tempesta… e che il sole non stia più nel Cielo…che non esistano le stelle…né le carte di navigazione,  e nemmeno le bussole o i sestanti…se ti accadesse di trovarti in una situazione simile che cosa faresti? Ti lamenteresti con Dio o cercheresti di sopravvivere? Io credo che ti ingegneresti per sopravvivere pur avendo la sensazione che il tuo destino non dipenda da te… che la nave insomma non debba affondare per non pregiudicare definitivamente i tuoi sforzi…
Se ben ti ricordi all’inizio dei Tempi c’era il buio…il buio circonda ancora la luce… e la luce ha bisogno di una nave solida per sorreggere chi ha intrapreso il cammino luminoso…la nave si muove in questo percorso infinito e la Salvezza non può certo dipendere da un breve tratto di mare e dalla nostra caparbietà… ci vogliono dei marinai capaci che sappiano eseguire gli ordini del comandante con sollecitudine ed il massimo zelo… questi sono gli Angeli, mentre noi siamo solo fragili passeggeri di un eterno viaggio. Non possono certo evitarci il mal di mare se abbiamo bevuto e mangiato troppo… possono solo indicarci il pane secco e le acciughe sotto sale… ma sta a noi credere e vivere nell’impossibile semplicità.

Comments

  1. renatoscrepis says:

    l’esegesi della volontà divina non fa per noi…a noi è dato solo di accettare, non di capire, almeno non pienamente!Gli ostacoli avranno di certo un loro senso nel progetto che Dio ha su ognuno di noi

    Mi piace

  2. carlocuppi says:

    Il progetto è soprattutto condivisione:quando facciamo qualcosa, qualsiasi cosa, è importante condividerlo con quanti più amiamo:l’eremita necessita di un progetto di vita e necessita di poterlo condividere con qualcuno che lo ami.

    Mi piace

  3. in effetti spesso capita di buttar via il tempo, di non cogliere le occasioni al volo, di sprecare le opportunità che ci vengono offerte per imparare a vivere…tanti sono gli ostacoli, ma alla fine essi servono a farci capire che la strada giusta è una sola. Federico

    Mi piace

  4. renatoscrepis says:

    “quando stiamo buttando via la nostra vita” mi pare importante per i giovani lettori di questo blog prendere coscienza che anche nei momenti più difficili il nostro angelo ci protegge!

    Mi piace

  5. mi pare importante che tutti possiamo intraprendere un cammino di santità, traendo forza dal nostro angelo custode…non si pensa spesso a questa opportunità che abbiamo tra le mani. rossana

    Mi piace

  6. l’unica cosa che può vincere la morte è l’Amore. salvatore

    Mi piace

  7. ..spero solo che l’Angelo che non mi abbandono mai! Marta

    Mi piace

  8. alberossia says:

    L’ostacolo scatena la pazienza, la tenacia, la caparbietà. L’ostacolo mette a dura prova la vita:quante volte gli imprevisti ci mandano tutto all’aria…eppure, la vita continua. L’ostacolo è sempre presente, spesso rompe le uova nel paniere, aguzza l’intelligenza, ci porta a soluzioni che pensavamo inaspettate..altre volte porta solo all’abbandono fiducioso, al raccogliersi in preghiera e ad affidarsi a Dio con speranza!

    Mi piace

  9. se fossi su una nave in mezzo al mare in tempesta francamente non so proprio che farei, forse pregherei, chiederei perdono per tutte le mancanze…ringrazierei Dio per tutti i dono di cui ha colmato la mia vita! Furio

    Mi piace

  10. ha ragione Emilio:la condivisione è fondamentale per costruire il regno dei cieli:qui sulla terra possiamo fare moltissimo, iniziando proprio dalla nostra famiglia e dal nostro coniuge, per condividere le nostre giornate, i nostri dolori e le nostre gioie e costruire con chi abbiamo accanto lo specchio di ciò che Dio ci ha riservato nella vita eterna…è il mio augurio per tutti voi! Filippo

    Mi piace

  11. emilioconte says:

    mi pare importante che come tra gli uomini anche tra Dio e gli Angeli il progetto sia condivisione:noi siamo in realtà un microcosmo, un cosmo imperfetto di ciò che avviene nelle sfere celesti e mi confortano molto le parole di Abelardo:sapere che condividere certe cose importanti qui sulla terra con mia moglie mi dà speranza perchè mi pare che in qualche modo si costruisca insieme il regno dei cieli riprodotto qui sulla terra!

    Mi piace

  12. Dio non può salvarci se noi non lo desideriamo dal profondo del cuore…il libero arbitrio è sempre presente, ma ripeto:a volte si pecca non con l’intenzione di peccare ma per amore. Voi mi direte che sempre di peccato si tratta ed avete ragione, ma io credo che gli Angeli da questo punto di vista intercedono per noi!

    Mi piace

  13. Io credo che quell'”impossibile” semplicitá sia proprio in quell’eco, in una preghiera che si fonde in una melodia celeste, cosí che gli ostacoli che si presentano non siano piú pensati come ostacoli ma come una piú dinamica possibilitá di guardare alla nostra vita, come una possibilitá di capire un poco di piú di noi stessi e degli altri, una possibilitá di provare il nostro istinto di sopravvivere e di lottare o di semplicemente abbandonarsi ad una forza che si riconosce ben superiore alla nostra, pregando. L’ostacolo é per far si che prendiamo conoscenza di quello che siamo, della nostra impotenza ma anche della nostra pazienza,accettazione e incredibile forza, per farci arrivare a quell’eco…e sembra proprio un’impossibile semplicitá il poterci arrivare, almeno per me, ma l’angelo mi é vicino, aspettando una prima nota per dare inizio alla melodia. Alberta

    Mi piace

  14. carlocuppi says:

    oggi è un delirio commentare! Volevo solo dire che sono d’accordo con quanto scritto da tutti:gli angeli ci sono, sono presenze e ministri divini, credo che ci seguano in cielo ed in terra e sono convinto che soprattutto i bambini hanno la possibilità di parlare con loro!Forse per via di quella semplicità che con l’età adulta inevitabilmente perdiamo

    Mi piace

  15. alessandrarisso says:

    Senza Dio non può esistere una strada giusta ma spesso sono gli angeli ad indicarcela…essi hanno un volto ed una voce, ci camminano al fianco e noi spesso non li riconosciamo!

    Mi piace

  16. alessandrarisso says:

    Senza Dio non può esistere una strada giusta e la strada spesso ce la indicano gli Angeli che ci camminano accanto…hanno a parer mio un volto e parlano…siamo noi a non riconoscerli!

    Mi piace

  17. ci sono Angeli qui sulla terra e in Cielo…noi stessi possiamo diventarlo per il nostro compagno di viaggio e farci intermediari tra lui e Dio…basta volerlo!E crederci!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: