Annunci

L’eremita (Seconda parte) (Scena unica-parte quarantatreesima)


Crocifisso a Corvara


L’eremita
Io mi sento spesso così inadeguato davanti alla Bellezza…non so davvero come ricambiarLa, né immagino vi sia qualcosa in me che Essa potrebbe desiderare…così mi limito a contemplarLa, perché come dici bene tu, ho paura di essere giudicato…e soprattutto La trovo quasi sempre fuori di me… quasi che fosse naturale la non appartenenza…poi penso che la Bellezza sia libera per definizione…che non possa neppure accettare di essere desiderata…che sia insomma una potenza inutile, seppure vagheggiata per tutta l’esistenza

Abelardo
Tu non ti ami abbastanza e di conseguenza non puoi amare gli altri. Per questo vedi la Bellezza come qualcosa di lontano…è una tua scelta ed il giudizio che ti prefiguri è solo una posizione di comodo per non aprire il cuore…Prova a fare ciò che fece Dio nel momento della Creazione… a vedere le cose buone e non soltanto belle e ti accorgerai che la Bellezza in fondo non è poi così lontana…quello di Dio è stato un giudizio d’amore, ne abbiamo già parlato…e quando ami non desideri possedere, ma piuttosto aggiungere alla Bellezza quel poco o quel tanto che sai trovare nel cuore e nella mente…la Bellezza non è perfezione, ma solo un pallido riflesso di quel che ti aspetta nel mondo di là…amaLa e rispettaLa e già ti sembrerà di costruire il Paradiso.

L’eremita
Ma come è possibile amare e rispettare la Bellezza?

Abelardo
Pensa alla Madonna e a Maria Maddalena. Queste due donne seppero amare e rispettare la Bellezza.  Tutto iniziò con la contemplazione del Mistero: la Bellezza è Mistero, soprattutto Mistero. Entrambe forse per ragioni diverse, noi non possiamo saperlo, dissero il loro sì, mentre il cuore tremava di paura e di inadeguatezza…mentre era in corso un giudizio sovrumano…davvero sovrumano…Cosa potevano aggiungere a Dio? Eppure Dio stesso aveva bisogno di loro, del loro sì…del loro amore…perché basta un sì detto con il cuore a sprigionare l’amore più potente anche nel cuore di Dio…”Prendimi, mio Dio, io sono qui, non so davvero cosa posso darTi, ma lo sai Tu, io so solo questo, che lo sai Tu e che la mia vita comincia oggi o forse finisce oggi, non so se il cuore reggerà…ma potrò dire finalmente di aver vissuto”…io credo che fosse l’unica maniera per accogliere il Figlio di Dio, con amore e rispetto, che in un solo istante Maria e la Maddalena abbiano raggiunto la massima purezza del pensiero…ma il loro compito non era certamente finito…l’Amore desiderava più amore ancora, la Bellezza più sublime richiese la rinuncia totale e definitiva.  E le Donne la videro inchiodata, videro la Bellezza trasfigurata nella morte.
Non a caso il Cristo risorto apparse alla Maddalena che così tanto aveva amato: chi saprà rinunciare alla Bellezza nel mondo di qua dopo averla amata la ritroverà nel mondo di là, proprio quando meno se lo aspetta…Dio non viene mai meno alle Sue promesse.

Annunci

  1. Dio è mistero ed il mistero non si può afferrare nè analizzare:lo si accetta semplicemente, in silenzio. Non possiamo toccare Dio, non possiamo possederLo, non possiamo farne ciò che vogliamo perchè Egli è essenzialmente gratuità. Il primo atto di fede è accettare la gratuità del Signore, perchè la fede è un continuo alzarsi e partire in cerca di Qualcuno di cui non potremo mai fissare il volto…ed il secondo atto di fede consiste nell’accettare in pace questo profondo senso di frustrazione che la Bellezza che ci sfugge dalle mani provoca in noi.

    Mi piace

  2. Credere significa donarsi e donarsi vuol dire camminare incessantemente dietro il volto del Signore. Abramo è in cammino da sempre, per sempre, verso una patria che altro non è che Dio. Credere è un continuo ripartire. Non credo ci sia cosa più difficile che l’incontro dell’unico e vero Dio al dilà delle parole, della confusione, ma solo da questo incontro possiamo giungere alla chiarezza del mistero.

    Mi piace

  3. il vero problema, il vero nostro limite è che abbiamo paura di pronunciare il nostro sì…non sappiamo rinunciare, il sacrificio è qualcosa che non è contemplato nel nostro mondo. Quanto mistero c’è dentro un sì, in un atto di devozione, d’amore, d’abbandono fiducioso…dimentichiamo anche di averlo pronunciato all’altare il giorno del nostro matrimonio!

    Mi piace

  4. questa pagina mi ha fatto venire in mente il Magnificat, il canto di Maria in cui tutta l’umanità è sorpresa dalla tenerezza di Dio. Entrando nelle sue parole noi comprendiamo davvero come lei abbia colto con stupore la grandezza e la bellezza di Dio che guarda a ciò che è povero, a ciò che è niente e fa di questo niente qualcosa di forte e potente, una realtà capace di generare forza, bellezza e verità. Rossana

    Mi piace

  5. E’ tutto il giorno che tento di scrivere qualcosa senza riuscirci, non so se concentrarmi sulla Bellezza, sulla commozione, sulla rinuncia… é come se in una pagina si potesse leggere l’infinito e oltre…come si puó commentare, come si puó pensare di aver capito… avevo ormai deciso di spegnere il computer e ho pensato alla vecchiaia. Mi riferisco ad una persona che ha amato tanto, che ha vissuto amando le espressioni dell’uomo, la musica, l’arte, la poesia, e le ha amate con tutti i sensi, con la mente e con il cuore. Adesso non puó piú sentire, vede a malapena…ha dovuto rinunciare a tutto quello che ha amato. Io credo che se la rinuncia é stata amata la rinuncia stessa diventa strumento di bellezza, non c’é niente di piú Bello al mondo del volto e delle mani di un vecchio che ha amato, che ha rinunciato per poter amare ancora, é un volto che commuove, come commuove un tramonto, un fiore, la Pietá di Michelangelo, il Requiem di Mozart… é un volto che é giá molto, molto vicino a Dio. Adesso pubblico queste righe anche se continuo ad aver la sensazione che ci sia qualcosa che mi sfugge, questa volta l’eremita mi lascia con una sensazione molto simile a quella che si prova quando si pensa di essersi dimenticati di fare qualcosa ma non si sa bene cosa, la notte porterá consiglio. Buona notte a tutti

    Mi piace

  6. è anche vero che la contemplazione, l’amore e l’ascolto si prolungano nella memoria fino a che io non scopro il significato del discorso divino rivolto a me ed alla mia storia. Credo che Maria vivesse la memoria degli eventi e del loro senso, col tempo penso che abbia interpretato il filo della sua vita ascoltandolo come un discorso tra lei e Dio. Da Nazareth alla croce Maria vive l’ascolto prolungato nella memoria, per questo può entrare in quell’universo di senso che è il piano di Dio su di lei e sull’intera storia umana…non mistero, ma una promessa!

    Mi piace

  7. Ecco quindi il mistero (di cui si parla) di ogni uomo e donna che si mette in scolto della Parola:”Capisco Te, o mio Dio, e capisco me. Tu ti riveli a me e riveli me a me stesso. Filippo

    Mi piace

  8. Che cosa significa essere uomini e donne? E’ scoprire il mistero di noi stessi nell’ascolto della Parola di uno, più grande di noi, che avendo fatto il nostro cuore, ce ne rivela i segreti.

    Mi piace

  9. vedi, Federico, ci sono persone nella nostra vita che rappresentano la Bellezza, che sono – come dicevo prima – strumento, segno della Bellezza divina. Noi vorremmo possederle, vorremmo attingere e dissetarci presso di loro ma la Bellezza appartiene a tutti, non possiamo stringerla solo noi…i figli così non ci appartengon, eppuresono segno della Bellezza di Dio, sono la Bellezza, la donna, l’uomo che amiamo è simbolo stesso della Bellezza…la Bellezza riempie la nostra giornata, crea armonia nel nostro cuore, ci fa ringraziiare Dio per il dono di esser vivi e ci spinge ad essere Suo riflesso…ma non è mai cosa che possiamo trattenere nel pugno della mono:la verità sta nel fatto che la Bellezza di un attimo, la purezza di un pensiero, la sublimità di un sentimento è qualcosa di anafferrabile ma che possiamo comunque testimoniare al prossimo. Carlo e Giulia e ci stanno provando in tutti i modi, forse anche inconsapevolmente. Rinunciare alla Bellezza non significa rinunciare a Cristo, significa rinunciare a trattenere qualcosa di bello solo per te:condividilo! Questa è la verità. La condivisione di oggi ti porterà a ricevere il centuplo domani…è una promessa d’amore! la Sua promessa!

    Mi piace

  10. ma perchè dovrei rinunciare alla Bellezza nel mondo di qua? Non è forse Cristo questa Bellezza? spiegatemi che significa questa frase….se mi sforzo di seguire la Bellezza già da adesso è probabile che nell’aldilà io possa davvero farne appieno esperienza…Federico

    Mi piace

  11. e come possiamo ricambiare la Bellezza se non aprendo le braccia, allargando il palmo della mano e offrendo tutte le nostre debolezze? Non è molto – lo so – ma in un gesto di umiltà sta tutta la Bellezza difronte alla quale ci commoviamo. Della semplicità dei gesti, della geniutà e della autenticità dei nostri gesti Dio si rallegra e ritrova la Sua immagine. Non si aspetta poi molto il Padre da noi, solo un atto di fiducia, un atto di abbandono, il camminare a fronte alta con la certezza che Egli non verrà mai meno alle Sue promesse

    Mi piace

  12. Proprio così:la donna è strumento, simbolo di Bellezza. Nel medioevo era associata al demonio, ma questa fu solo una distorsione:Dante ad esempio ne fa un angelo che lo conduce dritto a Dio proprio attraverso amore e contemplazione. Quell’amore e contemplazione che Adamo ed Eva dovevano aver ben chiari quando nel Paradiso terrestre potevano veramente godere della Bellezza di Dio. Quella Bellezza di cui si innamorarono Chiara e Francesco. Quando vediamo riflessa negli occhi di qualcuno la Bellezza di Dio allora possiamo dire di aver vissuto. Ed il cuore scoppia di gratitudine, perchè il dono che abbiamo ricevuto è talmente immenso che lì per lì ci fa sentire inadeguati, ma poi ci travolge d’Amore e siamo portati anche noi ad essere riflesso della stessa Bellezza che ci ha illuminato il cammino…è il percorso compiuto da Dante, pensateci!Una pagina, questa, che unisce a spunti teologici spunti poetico-letterari e sono certo che i nostri amici studenti avranno di che stupirci con le loro riflessioni! Un buon lavoro a tutti. Paolo

    Mi piace

  13. Dopo il peccato originale la grazia ha avuto origine in Maria, una donna. E nella Bibbia la donna è segno della vita:la sua vocazione è quella di costruire relazioni di vita, di interpretare ed esplicitare il rapporto tra l’uomo ed il cosmo, tra l’uomo e la natura, tra l’uomo ed il mondo degli uomini

    Mi piace

  14. è proprio così:quando non ci amiamo non amiamo neppure gli altri. Se non vediamo in noi un riflesso di Dio difficilmente riusciremo a scorgerlo negli altri. E qui non si parla di bellezza, ma di Bellezza, di quel divino che ognuno custodisce dentro di sè perchè creato a Sua immagine. C’è sempre qualcosa di buono e bello agli occhi del Padre che come figli serbiamo nel cuore:spesso Egli invia angeli a camminare accanto a noi affinche Bellezza e >Bontà ci siano rivelati, noi che da ciechi crediamo che la felicità ci sia preclusa, quando in realtà siamo infelici solo perchè non disposti ad affidarci al progetto d’amore che Dio ha tessuto per ciascuno di noi. Buona giornata a Tutti!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini

Bere e Mangiare partendo da Lucca

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

mediaresenzaconfini

ADR a 360 gradi Conciliazione, mediazione , arbitrato, valutazione neutrale, medarb e chi ne ha più ne metta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: