Annunci

Preghiera/Preghiera


Preghiera

Vibri
in me
arpeggio
che nel ventre
culla
la vita

arpeggio

Preghiera

Con il
silenzio
vorrei
rimanere
a cucire
le mie mani
sulle Tue

Annunci

  1. Dio è un arpeggio, una vibrazione nel cuore, qualcosa che non si può descrivere, si avverte e basta, dona ristoro e spessso anche risposte ai nostri perchè…tante volte invece ci mette dinanzi a situazioni che non comprendiamo, non ne capiamo il senso: in quei momenti dovremmo cucire la nostra mano sulla Sua e sentire che il nostro limite di comprensione può essere superato dalla vastità dell’amore che Egli nutre per ognuno di noi. Egli che sempre culla la vita! Straordinario questo post! Salvatore

    Mi piace

  2. dal punto di vista contenutistico avete già detto molto…stilisticamente aper me sono perfette:due perle. Il suono riporta alle immagini, le immagini vengono interiorizate e il lettore si ritrova a pregare. Avete ottenuto il massimo dei risultati con questo post:la concisione lascia spazio all’immaginazione e il lettore spegne il pc non prima di aver reitato una preghiera. Bravissimi. Nicola P. ( a me mancano tanto gli alunni!!!Tutti amiamo le vacanze ma vi giuro che non vedo l’ora che sia settembre per ritrovarci a fare quelle bellissime conversazioni che coinvolgevano discenti e docenti!)

    Mi piace

  3. non so il perchè ma il dialogo ha comunque nella mia testa un’eco coniugale: vedo un marito e una moglie, un’unione che porta alla Vita, un’unione che è fedeltà. Il ventre, la mano cucita mi trasmettono queste emozioni che io vivo con Tiziana ma che comprendo possono essere vissute anche con Dio. Del resto Dioniso possedeva le baccanti, no? Se pensassimo che questa fedeltà di Dio per noi è assoluta ci renderemmo conto di quanto noi Lo tradiamo ogni giorno: Egli ci desidera, desidera che siamo un tutt’uno con Lui, ma la mente umana non è in grado di ascendere a tanto, almeno non quella del ventunesimo secolo! E’ un dialogo molto originale, che mostra bene l’eros e l’agape in chiave umana e divina.Alberto

    Mi piace

  4. trovo assai riconoscibile il tocco femminile e quello maschile: nella prima lirica la preghiera mi riporta all’immagine della madre, nella seconda a quella di un monaco nel deserto. In entrambe è indiscutile che questa relazione sia indispensabile per sopravvivere, è una fonte inesauribile che ristora l’anima afflitta. La vostra sensibilità si mostra bene in questi versi che esprimono come l’uomo non possa vivere senza trovare uno spazio per la sua interiorità, perchè venga fuori prepotentemente quella spiritualità che oggi è spesso solo latente. Grazie per avermi fatto iniziare così bene la giornata. Filippo

    Mi piace

  5. che cos’è la preghiera se non un dialogo d’amore tra Dio e l’uomo? Abbiamo l’opportunità di pregare da soli, in silenzio e solitudine, di pregare in due, in tanti nella coralità della Chiesa, abbiamo la possibilità di scovare quel Dio dentro di noi o nel volto dei più lontani dei fratelli. Quando l’uomo prega è comunque una Vita che nasce, è un riconciliarsi con la sua Immagine più alta:è un riconoscersi specchio di quell’Immagine e avvertire che ci riflettiamo in Dio nei momenti di gioia e di disperazione, Lo riconosciamo nel sublime come nel terrore e nella paura…quando siamo fortunati o quando abbiamo fede. Nella maggiorparte dei casi non preghiamo più, non ne sentiamo più il bisogno, presi come siamo da tante cose, mille responsabilità, faccende ben più importanti…volgiamo gli occhi al Cielo per chiedere solo quando ci rendiamo conto di non avere, ma raramente ringraziamo per quanto invece abbiamo e consideriamo scontato e non come un dono….è un arpeggio la preghiera, una vibrazione dell’anima, un sussulto che ci eleva al Cielo, una mano sul capo che guida i nostri passi, una mano che stringe la nostra…peccato che non l’afferriamo con lo slancio giusto…il più delle volte la sfiliamo come un guanto, presuntuosi come siamo di saperne fare a meno…che bella nicchia interiore oggi mi regalate! Una buona notte a tutti.

    Mi piace

  6. una preghiera la si porta nel ventre come un bimbo, come un figlio ed essa culla la nostra ansia, la nostra paura facendoci sentire amati come figli che possono sempre contare sulla mano del Padre da stringere forte, una mano che sorregge, che salva, che dona conforto nei momenti di disperazione. tiziana e alberto

    Mi piace

  7. …del resto se recitate un Padre Nostro tenendo per mano qualcuno non sentite forse alla fine, in quella stretta finale, un arpegggio nella pancia, un fremito che vi fa sentire un tutt’uno con Dio e con i fratelli? E’ il miracolo della preghiera e la sua sinfonia!

    Mi piace

  8. la preghiera è qualcosa di interiore, a volte si sente, a volte si recita nel proprio cuore in silenzio. Qui io la vedo concretizzata, prende forma in un arpeggio all’interno di un ventre e vedo due mani che si stringono forte, quella di un uomo e di un suo fratello oppure quella di un uomo e una donna, di un padre e di un figlio, di un uomo e di Dio.

    Mi piace

  9. io vedo due persone, un uomo e una donna, si amano e il loro amore è un arpeggio che riporta ai cori angelici, si stringono le mani e sono un’unica cosa con Dio. Vedo l’amore connesso alla preghiera, come se si pregasse per ringraziare il Signore della vita. Costanza

    Mi piace

  10. La prima lirica è una bellissima definizione della preghiera, come se la preghiera fosse un qualcosa di uterino, un qualcosa che nasce dal profondo, di intimo. La seconda lirica mi fa immaginare due fratelli che in silenzio si tengono per mano e affidano la loro vita a Dio. Sicuramente la vita è in questo dialogo connessa alla preghiera, non ai soldi, non al successo, non alla carriera…cambia l’ottica!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare partendo da Lucca

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

mediaresenzaconfini

ADR a 360 gradi Conciliazione, mediazione , arbitrato, valutazione neutrale, medarb e chi ne ha più ne metta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: