post

Selene/Gioco notturno


“….perchè il poeta ogni tanto alza la voce perchè non può fare altrimenti, è il suo modo di essere e di vivere: nè gli importa che il suo canto sia udito da alcuno:la sua stessa voce è causa ed effetto insieme; la sua creatura, il canto poetico, è ricompensa fine a se stessa. E così il vero artista. Non quello che prostituisce l’Arte al miglior offerente, ma quello che se ne infischia di ricevere ascolto o applausi….” Giulia

Luna dal mio terrazzo

Selene

 Quanta solitudine
in quel disco d’argento.
Secoli e secoli
vegliandola
l’han colmata
di antico pianto,
catino bianco smaltato
Guardala:
è il tuo specchio.

luna doppia 

Gioco notturno

Come un gioco
di prestigio
passerà
il sangue
tra le nuvole
e le stelle
resteranno
nel cappello.
Solo
due lune
usciranno
dai polsini
della notte
per lo stupore
di un momento.

P.s. Così si è presentata sulla mia terrazza la luna nella notte dell’11 giugno 2006. Per una magia inspiegabile sembra quasi raddoppiata: o forse sono i lampioni sottostanti che illuminati  dalla luce rossastra mi hanno ragalato questa illusione. Chi lo può sapere… sognate insieme a noi.

Comments

  1. alberossia says:

    ma questo accade quando è l’arte ad essere pulita, quando lo è l’ispirazione, quando è tale il messaggio che l’artista vuol trasmettere…fosse anche solo la sua voce ad alzarsi, la vorrebbe cristallina e bianca! una buona serata a tutti da Tiziana, alberto e giacomo

    Mi piace

  2. bianca come le statue del Canova…pulito è questo blog, come il posto dove tutti noi vorremmo vivere, come il letto in cui vorremmo dormire, le braccia (bianche e pulite) in cui vorremmo addormentarci.

    Mi piace

  3. mi piace questo blog perchè è un posto pulito, una nicchia dove tirar e una boccata di aria fresca, pulita…se ne sente tanto la mancanza…anche la luna qui è pulita e pure se nella foto è rossa io me la immagino bianca, candida come lo smalto del catino che le nonne usavano nelle camere da letto, diafana come l’argento, trasparente come lo specchio, pulita come i polsini del prestigiatore, candida come gli occhi dei bimbi dinanzi allo stupore del prodigio. Enrica F.

    Mi piace

  4. e in questi due notturni quali trasfigurazini ci sono? forse quella della donna che lontano dal suo uomo si consola specchiandosi nella luna, come se si specchiasse negli occhi dell’amato, oppure quella dell’uomo che anche dinanzi a una luna magica che si raddoppia volge lo sguardo alle stelle, a quel pigolio di stelle che rappresenta forse la sua famiglia…così, un’interpretazione un po’ diversa! Luciano

    Mi piace

  5. emilioconte says:

    lo spazio della notte era particolarmente caro a Saffo che fa del notturno il campo metaforico capace di ispirare situazioni di analogia con situazioni reali e consuete che però noi lettori possiamo solo immaginare a distanza attraverso la lente deformante della trasfigurazione poetica!e così nel notturno ricordato da Maria in realtà Saffo loda una delle fanciulle del tiaso paragonata alla luna che fa sbiadire in cielo tutte le stelle

    Mi piace

  6. sarà per questo che si sente sola la luna, perchè le stelle nascondono il loro volto…e rimangono nel cappello! dai polsini escono due lune ma poi lo stupore del momento passa e la luna e si ritrova di nuovo sola a passeggiare sopra la nera terra…Mario

    Mi piace

  7. perdonate la banalità ma la citazione va fatta: “le stelle intorno alla bella luna nascondono il volto luminoso quando piena molto sfavilla sopra la terra”…credo che le due fotografie siano in realtà la riproduzione grafica di questi versi di Saffo…ed ecco che la poesia diventa tecnica fotografica! Maria

    Mi piace

  8. trovo originale il fatto che partendo dalla luna non siate arrivati a parlare del tempo…con leopardi mi pare che il processo sia proprio questo: qui invece si parla di illusione e realtà e dello scopo dell’Arte e mi fate pensare ai quadri che tappezzano la mia casa e a quanto ciascun artista abbia investito per alzare la sua voce in quei dipinti. Grazie. Paola sempre ammirata e grata per gli spunti di riflessione

    Mi piace

  9. …o forse è l’eternità a durare solo un momento, un’idea, un guizzo e l’artista scrive, compone, scolpisce, crea, dipinge…un attimo solo e ciò che esce dall’ispirazione si concretizza in eterno! Riccardo

    Mi piace

  10. a me capita così: la guardo, la luna, la guardo spesso riflessa nel mare, mi pare tanda, grande e solinga e mi viene malinconia di certi momenti, di certe persone, di quella che non sono più…e tutte le volto che ho l’occasione di ammirarla lo stupore sta nel constatare che certi momenti durano un’eternità. Rossana

    Mi piace

  11. il poeta alza la voce ma qui io non la sento mai alta, perchè in realtà sia carlo che giulia si esprimono in un “pianissimo” che intona un canto seguito poi da tutte le nostre voci…un costante dolce sottovoce il loro, crepuscolare, fatto di piccole cose di pessimo gusto – come celebra il poeta – catini, cappelli, polsini, specchi e dischi d’argento dalle quali nasce sublime il verso universale. Ed è poesia! Nicola P.

    Mi piace

  12. di fatto, carissimo Salvatore, è la differenza che c’è tra chi guarda il cielo e si sente come la luna e chi guarda il cielo e si perde tra le stelle…un profondo e diverso atteggiamento nei confronti della spritualità..perchè la solitudine non è mica solo quello che tutti pensiamo…solitudine è l’incipit dell’atto creativo! il tessuto della preghiera, il suo humus!

    Mi piace

  13. oggi ho letto il post ed ho pensato a questo, che forse non c’entra nulla, ma sento il bisogno di dirlo: certe persone pregano con gli occhi rivolti al cielo: esse cercano Dio fuori di sè. Ce ne sono altre invece che chinano il capo nascondendolo tra le mani…ecco, credo che quest’ultime cerchino Dio dentro di sè. Salvatore

    Mi piace

  14. alessandrarisso says:

    io so solo che carlo e giulia ci offrono la possibilità ogni giorno di alzare la voce e la alziamo perchè non ne possiamo fare a meno…hanno fatto di noi degli artisti senza saperlo e siamo noi la loro voce come loro sono il fiato che con prepotenza emettiamo quando sentiamo che dobbiamo e possiamo dire qualcosa di noi! E per questo, soprattutto per questo, sono davvero tanto tanto grata a loro!

    Mi piace

  15. è difficile questo post….da una cosa così apparentemente banale come la luna siete finiti a parlare dell’Arte…e qui bisogna aver studiato!!dirò solo che mi piacerebbe essere un prestigiatore e tirar fuori da me il meglio che c’è, come una seconda luna e poi rimanere da sola, il meglio che ho da offrire! Dov’è il cappello?? vedo solo lo specchio…ma se guardo bene là dentro…ecco che son doppia anch’io! Come la luna…eppure son una! Alice

    Mi piace

  16. alberossia says:

    e se l’arte fosse un gioco di prestigio? come voi due ci insegnate quando parlando della luna ci mostrate un interno e si passa dalle vastità di un cielo stellato ad una stanza immaginaria in cui solo pochi elementi connotano la semplicità della vita: un disco, un catino e uno specchio. Come fate voi quando ci mostrate due lune che però è una luna che si muove e le stelle non le guarda nessuno ma quelle stan tutte là e sono fisse…chissà perchè ci soffermiamo su particolari diversi e spesso ci si sofferma pure su particolari che non servono ad interpretare correttamente la realtà, ma ne danno un’immagine distorta e forse per questo più piacevole…forse cerchiamo consolazione in questo.

    Mi piace

  17. ed allora chi ascolta l’artista, chi si incanta davanti al prestigiatore perchè lo fa? per soddisfare di certo un bisogno, un bisogno di magia, di illusione, una necessità di fuga dal reale o forse solo il bisogno di comprendere meglio la realtà e di accettarla tramite l’arte. Federico
    p.s. se aveste pubblicato prima questo post ci facevo la tesina da portare all’esame!

    Mi piace

  18. emilioconte says:

    direi che un modo più originale per descrivere l’artista e l’arte non potevate trovarlo!

    Mi piace

  19. emilioconte says:

    quella Selene solitaria è in realtà la metafora dell’artista e della sua arte: l’artista che compone da solo dopo aver contemplato secoli e secoli di arte, dopo aver bevuto tutta l’arte di cui la vita lo ha ubriacato..cos’è l’arte se non un disco circolare, un piatto tondo, un catino, uno specchio in cui vediamo di fatto noi stessi…e per un attimo davvero ci sentiamo noi lettori o ascoltatori o visitatori gli artisti, tanto l’arte è nostra e ci sembra nata dalle nostre mani, ma in realtà è un unicum, è voce solitaria il capolavoro!

    Mi piace

  20. credo che la luna non ne possa più di vagare tutta sola ed è per questo che si è raddoppiata, che ha mandato un SMS:aiuto…che solitudine, venitemi a salvare! ed è arrivato il prestigiatore con lo specchio ed il catino smaltato, la luna si è riflessa e poi ha pensato che è meglio starsene da sola per altri molti secoli! Così vi leggo oggi! Marta

    Mi piace

  21. carlocuppi says:

    La luna di stanotte non è quella che vide Adamo: quanti uomini l’hanno guardata, senza ricordare Leopardi che è scontato, quanti al suo chiarore hanno composto e si sono ripiegati sulla loro anima in attesa di risposte, di versi o di note che danno celebrità ma che all’artista servono solo per sopravvivere al male di vivere che egli sente nel suo profondo. Perchè ha questo aspetto magico, la luna, di suscitare emozioni, di immortalare la nostra essenza in una poesia o in un’armonia che attraversa i secoli…Adamo è lontano, ma la poesia si ricorda, la musica si canticchia e le stelle stanno a guardare un artista che a mo’ di clown s’improvvisa prestigiatore della sua stessa vita…in realtà mendica carezze!Grande, grandissima armonia nel dialogare di quest’oggi, una luna, due lune forse, ma no…solo una, sempre la stessa!

    Mi piace

  22. l’illusione dura poco…la verità, la realtà rimane come le stelle, nel bene come nel male…anche se vuoi rimuoverla non basta! Essa rimane e tu ci devi fare i conti, come li fai con la solitudine, quando col capo chino ti ritrovi seduta sul marciapiede e tendi la mano…ma nessuno la vede! Costanza

    Mi piace

  23. è proprio così, anche se poi gli applausi non dispiacciono, ma non quelli fini a se stessi, quelli che ti fanno capire che sei riuscito a condividere qualcosa di tuo con qualcun altro, che un’altra persona si riconosce nel tuo canto e questo fa bene al cuore perchè tiene lontana la solitudine, quella della luna che nella lirica di Giulia (??? provo! mi pare che la prima sia di giulia e la seconda di carlo, come stile!) è un catino in cui ci metti l’acqua e ti lavi il viso, lo lavi da tutti i ricordi, ma tanto quelli rimangono, come le stelle! Le persone importanti rimangono nel cuore, gli incontri che sono valsi una vita non passano, ma sono lo specchio di ciò che siamo diventati noi. Ora!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: