Annunci

Volo/Nausicaa


Gabbiano a Cavoli

Da Giulia…

Volo

Mi afferri tra
le labbra e le ciglia
sbatti e schiocchi:
al ritmo di un volo
io mi libro

E da Carlo…

Nausicaa

Non temesti
la nudità
ed il desiderio
di condurmi
alla Casa del Padre.
Una sola spiaggia
sognai
per riscoprire
la vita.

Annunci

  1. buonasera a tutti, mi chiamo Corrado Fadda e sono un collega di Renato, volevo esprimere i più sentiti complimenti per il lavoro che si sta svolgendo su questo blog, per l’amore con cui i due autori non solo trattano determinate tematiche ma fanno continui e spesso celaTI RIFERIMENTI AI TESTI di autori classici. Trovo questo lavoro di grande stimolo culturale per quanti vi si avvicinino e utile per chi studia, ma anche creativo e spunto di riflessione profonda per quanti invece amino la poesia. Grato per tutto ciò porgo i miei più cordiali saluti. Corrado

    Mi piace

  2. qualcuno ha parlato di
    rhusmos archilocheo, qualcuno della libra…in realtà il lirico greco insisteva appunto su quest’equilibrio dell’anima umana, riguardo alla sopportazione del dolore…nei vostri versi l’equilibrio c’è tra trascendente e contingente, tra sacro e profano, tra eros e psiche in un’ossimorica danza di versi e richiami al mito frammisti alla realtà di oggi…crudele realtà spesso! Marta

    Mi piace

  3. forse per riuscire a comprendervi bene, per gustarvi in tutta la vostra genuità d’ispirazione bisogna lasciar perdere le categorie razionali ed avventurarsi nel territorio dell’inconscio..fare questo volo, immergersi in una condizione quasi onirica..Luciano

    Mi piace

  4. e se il volo non fosse altro che un sogno? solo voncendo la paura di può volare e sognare, solo affidandosi a chi si ama è possibile il sogno così come il volo. Carlotta

    Mi piace

  5. trovo queste due poesie molto in sintonia per quanto diverse come struttura e ispirazione…mi pare che entrambe sottolineino la continua ricerca che l’uomo fa nel corso della vita, una ricerca spirituale che lo porta ad accettare in primis se stesso e poi chi lo circonda…sento come l’influsso di una saggezza orientale! Maria

    Mi piace

  6. due metafore per scoprire la vita: il volo e la spiaggia!…volo d’amore e spiaggia intesa come porto sicuro in cui essere accolto tra braccia amiche che un domani faranno il possibile per aiutarti a spiccare un altro volo. Paola

    Mi piace

  7. mi sono sempre chiesto se nausicaa avesse provato terrore o piacere, sorpresa forse dinanzi al corpo nudo di ulisse e penso forse che avrebbe desiderato essere afferrata tra occhi e bocca per volar via dal paese dei feaci in cerca di avventure. federico

    Mi piace

  8. il verbo librare mi piace parecchio, penso alla libra, alla bilancia, al sapiente bilanciare di amore e conoscenza, ratio ed istinto…a quanti voli ci vogliano per a pprendere tutto ciò. Enrica F

    Mi piace

  9. Il desiderio di afferrare potrà forse corrispondere al desiderio di condurre alla casa del padre? il gesto dell’afferrare è conseguente a quello del desiderare il meglio per una persona o è solo un atto egoistico?…ma se la conseguenza è un volo allora è liberatorio e non frutto di un egoismo…quindi, morale della favola, desiderare ed afferrare, desiderare di afferrare, desiderare di salvare e di volare coincidono. rossana

    Mi piace

  10. ottime le considerazioni che ho letto sinora, dal punto di vista stilistico e metrico. Che cosa aggiungere? Il non timore di Nausicaa e di fatto il non timore di librarsi in volo, la gioia della conoscenza, così come la gioia di andare incontro ad un qualcosa a qualcuno di sconosciuto che però sappiamo inconsciamente ci porterà alla scoperta di noi stessi: ancora una volta un sotteso e celato gnothe seauton, e la lirica di giulia mi ricorda Apuleio e la favola di amore e psiche, questa psiche afferrata da Cupido ed il suo volo verso la conquista di chi l’ha punita con le sue frecce, il suo volo verso l’olimpo, verso se stessa. Non aveva paura Psiche così come non ne aveva Nausicaa. La nudità ci riporta a noi stessi, a ciò che di più autentico serbiamo nell’anima.

    Mi piace

  11. librarsi in volo e sognare sono qui sinonimi, sinonimi di una vita da riscoprire o perlomeno da rinnovare. Ed attraverso il vostro sogno come gabbiano mi libro nel vostro volo. Daniele

    Mi piace

  12. afferrare tra le labbra e le ciglia, tra i baci e gli sguardi, aferrare l’attenzione, captare i desideri, leggere tra le rughe e le pieghe della fronte…il viso è come una spiaggia erosa dal vento dove la memoria non ha tempo e Nausicaa ancora gioca a palla. Sono versi che eccitano la fantasia! Cris

    Mi piace

  13. io credo che non temere la nudità di qualcuno significhi non temere la sua essenza, non temere la sua conoscenza, significa afferrarlo tra labbra e ciglia e farlo volare, farlo librare in volo verso la conoscenza di se stesso, aiutarlo a prendere coscienza di sè e di ciò che egli è accettando la sua nudità come un dono e riconoscendo il Creatore in questa stessa nudità che si libra in volo sino a Lui

    Mi piace

  14. vorrei tirare un po’ le somme soffermandomi sul fatto che occhi e bocca sono sede dei due sensi, la vista e il gusto, che da neonati sono insieme al tato i sensi più svilupppati e quelli che permettono la conoscenza, una conoscenza che per giulia avviene tramite il folle volo di Ulisse e così posso trovare il collegamento alla lirica di carlo, un volo folle, ma attraverso l’amore si può dopo la follia ritornare alla casa del padre e riscoprire quale è la vera conoscenza! Una buona domenica Salvatore

    Mi piace

  15. credo che il librarsi in volo sia la stessa cosa che sognare una spiaggia: il volo e l’approdo pur essendo così in antitesi portano comunque alla scoperta della vita attraverso l’amore. Riccardo

    Mi piace

  16. un uccello vola per conoscere per esplorare: il volo di giulia è un volo che è finalizzato alla conoscenza di se stessa, dell’amato, di Dio…in questo l’amore gioca un ruolo fondamentale perchè esso è il motore del volo, il volo che porta alla casa del padre, la casa della vita

    Mi piace

  17. io le trovo molto diverse e poco in sintonia: Giulia descrive qualcosa di molto concreto, un uomo che focalizza la sua attenzione sul volto, su labbra e ciglia, bacia e guarda e catalizza tutta la parte cerebrale della donna, mentre Carlo fa della donna un mezzo per giungere a Dio dopo aver vagato invano…infatti dice riscoprire, come se ritornasse ad uno stadio di primitivo abbandono e primitiva pureza, lo stadio del volo, volo verso Dio…e i due allora si incrociano nel loro stare in stallo! Ecco, così le due liriche non mi paiono più molto lontane. Buona domenica

    Mi piace

  18. Io penso alla bellezza del mondo vista ed esplorata attraverso gli occhi e le labbra di un bambino, o meglio di un uomo che si fa bambino…basta guardare il cielo per giocare con le nuvole, nudi, senza vergogne, come una spiaggia, disarmata, che si lascia bagnare dall’onda, l’assorbe e la lascia andare, aspettando con trepidazione e abbandono la successiva.

    Mi piace

  19. chiasmo e onomatopea ai versi 2 e 3 della lirica di Giulia contribuiscono ancora a dare l’idea di quel ritmo…mi ricorda il rhusmòs archilocheo, quel ritmo che governa gli uomini è il ritmo dell’amore, lo stesso amore che

    Mi piace

  20. guardate che buffa alternanza metrica: nella lirica di giulia si alternano quaternari a senari, quasi a dare il ritmo del volo…senbrano versi esplosi dal nulla e poi si inciampa in un labor limae per descrivere il ritmo del volo. Carlo si rifà ad Omero, a Dante, il desiderio di Nausicaa e quello che lil Poeta credeva che Beatrice nutrisse per sè…non più un Ulisse da sposare, ma un Dante da salvare

    Mi piace

  21. I versi di Carlo oggi anelano ad una pace, la casa del padre in realtà non è la reggia di Alcinoo ma la morte, come se foscolianamente il poeta desiderasse una quiete eterna dopo il travaglio di codesta vita e la spiaggia a cui allude è la battigia di una esistenza ultraterrena, l’unica sabbia a offrirgli la percezione netta di cosa significa veramente vivere. I versi di Giulia invece sono molto meno mistici, dinamicissimi, anche in quel mi libro, raccontano con rapidi fotogrammi l’estasi dell’amore, in cui violenza, passione e tenerezza sono un tutt’uno e alla fine la spiaggia dove termina il volo c’è anche per lei, ma la vita per lei è nel volo, sulla terraferma non trova pace, nel volo invece si realizza in tutta la sua femminilità creatrice

    Mi piace

  22. bella ripresa del mito, la figura della giovane e pura Nausicaa che non teme Ulisse ignudo ma lo guida alla casa di Alcinoo per poter offrire all’eroe la possibilità di tornare ad Itaca…mi fa pensare al folle volo di Odisseo, quel volo di cui parla giulia, un volo che ha un ritmo, ritmo scandito da schiocchi e battiti, la frenesia, la curiositas dell’amore è quella propria di Ulisse, il planare e la pace dopo l’amore è quello del suo nostos….grandissimo dialogo!

    Mi piace

  23. Molto erotica la lirica di Giulia molto mistica quella di carlo:come se i poli opposti potessero attirarsi inevitabilmente…penso al volo di un un gabbiano:prima sbatte le ali rapidamente poi più lentamente fino a planare…è così anche in amore!Lo stallo prima o poi finisce e di nuovo le ali si brattono per atterrare alla realtà, ma nello stallo c’è la magia del volo, un qualcosa che non si può descrivere a parole. Costanza

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare partendo da Lucca

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

mediaresenzaconfini

ADR a 360 gradi Conciliazione, mediazione , arbitrato, valutazione neutrale, medarb e chi ne ha più ne metta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: