Annunci

Se/Se



Sole che tramonta ad Arenzano

Perdonateci.

Da Giulia…

Se

Di sera
il bacio disfa
la notte
e ci bagna
una pioggia di lune.
Albeggeremo
domani
se ancora saremo
innamorati
e soli.

Da Carlo…

Se

Demiurgo
del nulla
rotolare l’uomo
non vedo
e ingrato a Dio
mi accontento
di un se certo
come se già
rosseggiasse
l’amore.

Annunci

  1. il platonico demiurgo del Timeo, l’artefice dell’universo….qui mi pare molto rivisitato e corretto! con un processo antifrastico Carlo ne fa il creatore del nulla, ne fa l’uomo contrapposto al dio, l’uomo che neppure tende a Dio in quanto ingrato, l’uomo che non ha certezze ma solo una speranza e qui sta la replica a Giulia…la speranza che un bacio possa disfare l’intera notte, disfarla e ricrearla, da demiurghi, ma non più io solo, in due, noi due, soli, a mettere ordine in una pioggia di lune che come un clinamen ci piove addosso….probabilmente è un’interpretazione bislacca e infedele, ma mi piace vedervi cosi filosofici oggi, democritea Giulia, platonico Carlo. una buona serata

    Mi piace

  2. la creazione avviene dall’alba al tramonto, ogni giorno noi siamo creati, nel nostro divenire ci trasformiamo e ciò che oggi siamo non corrisponde a ciò che eravamo ieri…il tempo ci trasforma, Dio ci crea, l’amore di certo di migliora e ci fa progredire..è per questo che siamo alba, è per questo che l’alba è la speranza di un nuovo giorno, di una nuova trasformazione, metamorfosi al progresso…a dare il meglio di noi, sempre, in ogni campo, in casa, sul lavoro, coi figli…nella nostra affettività che è poi quella molla che ci spinge a creare…senza quella non possiamo creare, senza amore non possiamo sentire, parlare, toccare…CREARE! Splendidi oggi i vostri versi e personalmente molto toccanti. Luciano

    Mi piace

  3. se ancora saremo innamorati, se l’amore rosseggiasse non avremmo più timore di nulla…l’uomo si salverebbe come avete spiegato bene nel post di ieri! ma di questo bisogna esser grati a Lui! Mario

    Mi piace

  4. il demiurgo se ne sta là, bagnato da una pioggia di lune e crea…me lo immagino così, una creatura piena d’amore che dopo aver fatto il bagno nella luce della luna disfa con un bacio la notte intera e ci dona un brillare di stelle come segni del suo incondizionato amore per noi. Alberto

    Mi piace

  5. mi accontento di un SE…il solo fato di poter sperare è già una gioia….la certezza viene dalla gioia, la gioia però viene dall’amare e dal sentirsi amati…senza questa condizione non si può creare. L’arte nasce comunque dal presupposto di provare amore per qualcosa o qualcuno…voi create, giorno dopo giorno, create un qualcosa che dona un’emozione a noi tutti che leggiamo e siete innamorati della vita, siete innamorati di Dio e da soli, voi due, come un demiurgo, avete raccolto un coro di anime che non si stanca mai di seguirvi nel canto. Grazie di cuore, Paola

    Mi piace

  6. la solitudine come condizione necessaria dell’atto creativo! La riflessione, il trovare se stessi, il ripiegarsi su se stessi come momento catartico prima di creare…l’idea e poi la realizzazione, soli nell’unione di due anime che pensano e sentono, sentono e amono, amano e creano….vi trovo straordinariamente creativi! Rossana

    Mi piace

  7. mi piace quel bacio che disfa la notte, la ribalta, come se i due amanti fossero artefici della notte stessa, la notte che ha un valore proprio perchè ci si ama…è un’immagine potente! Come potente è l’amore che rosseggia, che non ho inteso come “tramonta”, ma come un qualcosa che si stagli in cielo, un rosso acceso che si impone, come una certezza, sulle nostre labili quotidianità. Bellissimo post oggi! Riccardo

    Mi piace

  8. il più grande peccato credo sia quell'”ingrato a Dio”…l’omissione più grave, quella che non ci permette di avere occhi capaci di ricevere amore e mani capaci di donarlo. Il SE è un SE DIO VUOLE…se Dio vuole domani albeggeremo ed ancora insieme vedremo rosseggiare il giorno, ma il bene albeggia l’indomani! Salvatore

    Mi piace

  9. La lirica di Giulia mi ha fatto pensare alla Natura, così come se la immaginava Epicuro, Lucrezio, quel succedersi di albe e tramonti (per loro in un meccanicismo democriteo), quel clinamen che mette ansia e che non dà nulla per certo, il SE che ci tormenta…ma al contrario qui c’è l’uomo, anzi due persone, un uomo e una donna, senza la donna l’uomo non può essere demiurgo e così accade per la donna se le manca un uomo…la creazione è dapprima un gesto d’amore..quello che i filosofi antichi non avevano capito! Ingrati! Loro sì che erano ingrati a Dio! Marta

    Mi piace

  10. Ancora una volta mi ricordate gli ermetici e non solo quelli: con la vostra lirica frammentaria, le brevi espressioni e le note scarne ma incisive spesso mi fate venire in mente certi brani di Shumann e per questo vi ringrazio. Alice

    Mi piace

  11. perchè in realtà, Alberta mia carissima, queste due anime, ed una è suo fratello, quindi lei lo conosce bene, cantano la vita, la vita in tutte le loro sfaccettature e la loro bravura sta nell’offrire spesso le due facce di una stessa medaglia, quasi a voler sottolineare che il dolore non è mai dolore e bASTA MA è ANCHE SPERANZA, CHE IL TRAMONTO è ALBA DELLA LUNA, CHE L’AMORE COME COMUNIONE DI ANIME è CIò CHE OGNI GIORNO DEVE SORGERE PER NOI TUTTI. Vi voglio molto Bene. Paolo

    Mi piace

  12. …e comunque il solo fatto di pensare a Catullo o a Properzio è indice di un bel lavoro di richiami a distanza…è quel che conta: questo blog è un albeggiare! Enrica F. che vi stima ogni giorno di più per il vostro lavoro!

    Mi piace

  13. e proprio per questo leggendovi mi viene in mente Catullo da una parte e Properzio dall’altra!..tra le due la più triste in verità mi pare quella di Carlo..lui è al tramonto che pensa, mentre Giulia pensa all’alba! Carlotta

    Mi piace

  14. forse è quel soli finale che la rende triste, ma in realtà quando un uomo e una donna si amano non solo soli nell’atto di farsi demiurghi? Federico

    Mi piace

  15. Non so perché ma la poesia di Giulia mi fa sentire una profonda tristezza e malinconia, é bello peró leggere dai commenti quanto queste mie sensazioni possano essere trasformate in pienezza, speranza e persino certezza, proprio come il se puó trasformarsi in si e dare conferma al sole che sorge.

    Mi piace

  16. se ancora saremo SOLI…è una solitudine feconda, quella da cui parte l’azione di un creatore, da quella solitudine fatta di un dualismo nasce la vita, si genera il tempo stesso, rotola l’amore dell’uomo sotto una pioggia lunare, dopo il rosseggiare dell’amore e l’albeggiare di un Adamo ed Eva con il cuore gonfio di passione e gratitudone per il dono della vita ricevuto! Sento questo dialogo molto vicino, molto mio e mi colpisce la vostra capacità di interagire l’uno con l’altra attraverso il filo della sensibilità e della passione che dolce si srotola dalla tastiera di un pc e avvolge i cuori, i vostri e quelli di tutti noi…ne viene fuori un canto che è per noi tutti dolcissimo. Vi ringrazio a nome di tutti i miei colleghi che ogni giorno vi leggono senza commentare ma che godono di questo momento di pace. Costanza

    Mi piace

  17. la certezza è che SE domani saremo ancora noi due, un giorno saremo in tre, in quattro e saremo tutti demiurghi d’amore, tutti impegnati a fare del domani un’alba….mi piace l’idea di poter albeggiare, come i due innamorati che sono un sole che sorge, che illuminano il giorno con la passione che li ritrova a disfare la notte di baci..soli, soli perchè la creazione avviene in due, io e te, demiurghi di vita….sono due splendide poesie che danno una speranza a chi ha il cuore affranto…grazie di cuore!

    Mi piace

  18. la pioggia di lune in una notte che è come un letto disfatto dalla passione…il sole tramonta e domani i due amanti saranno sole, se saranno in grado di confermare il loro amore, l’unica certezza che l’uomo demiurgo ha tra le mani, così impotente dinanzi all’opera di Dio che è immensa e fa sentire piccoli e fragili…se ti amerò ancora, domani, sarò un uomo! E riprendendo il post di ieri, questo è ciò che ci salva! Grazie per questo bellimo dialogo impalpabile e sensibile. Nicola P.

    Mi piace

  19. Il bacio disfa la notte…è bellissima quest’immagine, l’amore disfa il tempo, manda all’aria le coordinate spazio temporali e dono un’aurea di eternità impalpabile….c’è un particolare curioso, quel soli in fondo è un SOLE! essere in amore è essere sole, farsi luce! ed è questa l’opera del demiurgo….quando si ama si vede rotolare la propria umanità tra le mani e si rimane come incantati da se stessi, come se creazione più alta Dio non avesse potuto concepire:l’uomo che ama, dall’alba fino al tramonto. Bellissimi versi. Emilio

    Mi piace

  20. è uno splendido dialogo a parer mio! Nella lirica di Giulia vedo due anime innamorate e sole, perchè in realtà gli innamorati godono di questa solitudine, solitudine che si staglia nel tempo, tempo che non è misurabile, i giorni passano illuminati solo dal desiderio di donare reciprocamente amore e questi li fa risplendere come il sole. Quel soli alla fine sta per unici…unici a poter condividere questa vita l’uno con l’altra e mi dona un senso di pienezza questa immagine, mi fa guardare con un sorriso ad un nuovo mattino. Nella lirica di Carlo invece vedo l’ho faber fortunae suae, l’uomo artefice di se stesso e di niente, l’uomo che dinanzi a Dio si sente un nulla (ricordate il nada, nihil nothing!) ma anche un tutto qualora Dio stesso gli doni un’Eva accanto, al suo fianco, per poter andare incontro al tramonto e risvegliarsi il domani raggiante come un’alba…straordinarie queste due immagini!

    Mi piace

  21. “Signore dammi la serenitá di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare quello che posso e la saggezza di distinguerle” cosí che io possa essere artigiano del tutto e del niente nell’oggi e nel domani.

    Mi piace

  22. è un bellissimo dialogo! Sembra la descrizione del giorno la lirica di Giulia, con tutte le fasi del sole, sera, notte, alba, domani…con la speranza di un’altra sera, di un’altro domani….più triste la lirica di Carlo, dove ci si sente artefice del nulla..ma forse è il nulla di cui parlava Giulia? perchè se così fosse allora sarebbe artefice del tutto….e l’interpretazione si rovescerebbe! Complimenti.

    Mi piace

  23. ossimoriche oggi queste due liriche…la certezza del “se”! ma anche la certezza del se stessi! la certezza della vita che di sera, di notte, all’alba porta con sè una gioiosa voglia di donarsi! Daniele

    Mi piace

  24. perdonare cosa? mica potevate sapere cosa viviamo noi!!!! la cosa importante è albeggiare e che ci sia un domani…sempre, anche se ci si sente demiurghi del nulla

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare partendo da Lucca

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

mediaresenzaconfini

ADR a 360 gradi Conciliazione, mediazione , arbitrato, valutazione neutrale, medarb e chi ne ha più ne metta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: