post

La verità/La falsità


reperti pompeianiCi sono momenti della vita in cui ci si sente così come poi leggerete. Scriverne è liberatorio talvolta e talvolta non lo è. Ma la condivisione di questi frangenti (perché di frangenti si tratta anche se possono durare per tanto tempo) rende tutto più sopportabile e addirittura consolatorio per noi e per gli altri. Al Salone abbiamo conosciuto tante persone provate veramente dalla vita, eppure non si sono arrese, dinanzi alle loro macerie hanno fatto a pugni con Dio e sono ripartiti con una scommessa nel cuore:una scommessa d’amore! Diciamo insieme una preghiera per gli istanti difficili, non tanto perché stiano lontani, essi sono necessari, ma perché l’angelo custode che ci sta vicino si manifesti in tutta la sua potenza e bellezza.

Da Giulia…

La verità

Ti respiro
per vivere.
Per non morire
ti amo.
Ti sogno…
perché si muore.

E da me…

La falsità

E la calce
corrode i mattoni
e la terra
inghiotte
le macerie:
non c’è più dimensione
nella mia casa.
Per correre intorno
ad un cratere
l’amore ha fatto
l’erba amara
ed io ci passo
attraverso
come i bruchi.

Comments

  1. ti sogno perchè si muore: forse uno dei versi più belli e sconfinati, più dolci e disarmanti, come disarmante è la nostra fragilità. Mario

    Mi piace

  2. io credo che i vostri dialoghi abbiano uno sfraghìs, come lo chiamavano i Greci, un sigillo, un timbro di fondo che li rende unici e riconoscibilissimi, sono inconfondibili ed autentici. Il vostro è un parlare sommesso, dalla tonalità piana e discreta, e ciò che caratterizza il vostro dialogare è la capacità di unire la leggerezza delle parole, la brevità e la snellezza del verso alla profondità dei contenuti: ho riletto un po’ di dialoghi e desideravo comunicarvi queste considerazioni pubblicamente, perchè dinanzi alla genuità di ispirazione, dove le parole sembrano essere pronunciate per la prima volta, noi lettori ci troviamo in un mondo incontaminato, come l’eden primogenio che spesso voi vorreste ritrovare! A domani. Paolo

    Mi piace

  3. sono rossana….ho lasciato un messaggio ma non pubblica…ha ragione salvatore, oggi è un delirio…

    Mi piace

  4. caro Salvatore non adirarti…anche per me oggi è un’impresa e i miei colleghi hanno gettato la spugna…lascio io un segno per tutti: intanto grazie per averci coinvolti come attori in questa bella avventura insieme a voi. Poi un bacio a Giulia perchè la sua poesia è sconfinatamente bella, bella e basta e un bacio a Carlo perchè il vesuvio è il nostro vulcano e intorno al suo cratere l’erba non cresce:c’è solo un mare di lava, come a dire che è terra bruciata, come a sottolineare che non c’è posto per l’amore, non c’è posto per la vita, ma un po’ più giù, lungo le falde la lava lascia posto a qualche filo d’erba e le farfalle svolazzano. Anche la casa conserva sempre un progetto, un mattone, anche se demolita…bisogna essere in due per tirarla su dopo il terremoto. Un abbraccio da tutti noi. Rossana

    Mi piace

  5. …oggi è un dramma lasciar traccia qui sopra: la terra inghiotte le macerie…forse è l’amore a inghiottire le nostre macerie, forse non è un’erba amara, ma un ‘erba medica (che è in effetti amara!)…forse senza quell’erba non saremmo bruchi ma condannati a rimanere crisalidi in eterno. Come del resto è l’eternità ciò che canta giulia: un amore eterno che non ha confini, nè barriere. Senza sosta, neanche di notte, perchè i sogni straripano di lui. Paola

    Mi piace

  6. sentite io provo così perchè col mio nome non riesco a pubblicare, non si apre la pagina e sono venti minuti che ci impazzisco sopra: vorrei solo dare una lettura diversa della lirica di giulia: ho pensato che fosse dedicata a Dio ed allora il senso acquista una sfumatura diversa: per vivere abbiamo bisogno di respirare Lui, per non morire abbiamo bisogno di amare Lui, ed abbiamo bisogno anche di sognarLo, perchè anche di notte non ne possiamo fare al meno…si morirebbe. Ecco, è una lettura in chiave mistica, ma a me piace così. Un abbraccio. Salvatore

    Mi piace

  7. renatoscrepis says:

    anche in Carlo c’è una nota metrica: l’incipit della poesia procede con due decasillabi (avete presente marzo 1821 di Manzoni?)…e poi c’è lasmetafora della casa come vulcano, che è un vulcano spento, ma forse, come il vesuvio, qualche brontolio lo emette ancora! La lirica di giulia mi è piaciuta molto per quanto è scarna, perchè la verità è così: nuda e limpida! Disarmante al tempo stesso.

    Mi piace

  8. oggi ho capito che cos’è il sublime! Grazie ad Alberto le parole dell’Anonimo sono più chiare, ma ho anche compreso meglio il senso di queste liriche, sono andato oltre il chiasmo, oltre l’anafora (TI), oltre gli ottonari, per fare i conti con le macerie della mia ignoranza e capire che la poesia nasce da un’anima che anela comunque e sempre a Qualcosa di alto. Anche io mi sento un po’ figlio di questo blog! Federico

    Mi piace

  9. ti respiro, ti amo, ti sogno…la mia preghiera è per tutti noi di aver una persona a cui dire ogni giorno tutto ciò. Maria

    Mi piace

  10. alessandrarisso says:

    GRAZIE …mi fate sentire parte di un tutto bellissimo! Parte di un mondo che palpita di parole:grazie davvero, finalmente non c’è più solo Carlo, ma una coralità di voci a presentare questo bellissimo blog: grazie davvero Carlo..anche a nome di Giulia che prima davvero non sapevamo dove collocarla, se tra le ombre o i fantasmi…ora ha tutto più senso. Il vero e il falso, la verità e la menzogna: bella tematica scottante, come ha sottolineato Alberta. La verità è solo una amici miei: è che abbiamo una vita sola e tutte le occasioni che abbiamo per amare non vanno sprecate, perchè poi siamo noi a morire, e non rimangono nè i sogni nè i bruchi!

    Mi piace

  11. emilioconte says:

    Io trovo molto legate le due liriche: all’idea della morte conclusiva della poesia di Giulia si contrappone l’idea della nascita (sempre nel finale) della poesia di Carlo: il bruco alla fine si trasformerà in farfalla fino a volar via dalle macerie, fino a vivere in libertà il suo amore…ma del resto la stessa cosa dice anche Giulia, perchè nel sogno l’amore rinasce ogni volta che ci addormentiamo e sognamo di lui.

    Mi piace

  12. la calce è la falsità, le bugie che raccontiamo a noi stessi…è pirandelliana la poesia di carlo, mentre giulia mi rcorda gli ermetici, quelle poche ma sentite parole, quel verso che scava dentro l’anima si fa specchio e tu hai paura di vedere riflessa la sagoma del tuo volto, perchè la verità fa male ed è talmente insostenibile che lo specchio si rompe. Alice

    Mi piace

  13. La lirica di giulia è un pugno nel cuore, io la leggo così: si vive per amare, ma poi, desolatamente, si capisce che essere ricambiati non è scontato, che l’eternità non sempre tocca i sentimenti come invece accade col sublime ed allora non rimangono che i sogni ad alimentare la nostra fame di amore non più corrisposto, un amore che è un’erba amara…e tut ti svegli da un sogno un giorno e ti accorgi di avere intorno solo macerie, che la persona che ti sta accanto non è quella che ami, che i figli che hai generato sono tutti andati lontano e ti senti come un bruco che striscia TRA LE PIETRE IN CERCA DI UNA GOCCIA DI rugiada che rende la vita più sopportabile ed ancora dia una facciata ad una casa che da tempo non senti più tua. Dialogo straordinario questo, di grande respiro, di altissimo sentire, di profondo soffrire. Vi abbraccio. Paolo

    Mi piace

  14. Respirare una persona…un po’ come sentire durante il canto il suo battito, il suo palpito…e poi comprendere che tutto ha una fine….quanta nostalgia struggente c’è in questi versi! Quanto dolore nel constatare che la casa è solo un mucchio di macerie: ricostruire è possibile, il cuore ha risorse infinite, infinite come la passione che avete voi due per la scrittura. Vi abbraccio forte. Costanza

    Mi piace

  15. Fortissimo chiasmo e variatio delle due finali nella causale conclusiva. Tutto bene finchè non si sbatte il muso nella realtà, nella verità dei fatti: amarissima constatazione quella di Giulia, mentre più solare è Carlo, che comunque gioca tra le macerie come un bruco curioso, raccoglie i brandelli di se stesso e cerca uno spiraglio d’amore che possa ancora alimentare il suo cuore…a Giulia invece non rimane che il sogno, ma anche quello, ahimè, muore! Splendidi veramente, e bellissima l’osservazione metrica di Carlo nel precedente commento! Nicola P.

    Mi piace

  16. alberossia says:

    vorrei solo dire due parole sul concetto del Sublime riferito al modo di far poesia – vista la veste che i due autori hanno dato a questo blog. Le fonti da cui la sublimità dello stile deriva sono cinque: l’attitudine alle grandi concezioni;la passione profonda e ispirata; la foggia delle figure; la nobiltà di espressione; la composizione intonata a gravità e grandezza. Ecco, ciò che è più importante è la grandezza d’animo. Senza il primo punto non nasce poesia: il sublime è la risonanza di un grande animo! A parer mio quello che emerge da queste pagine è proprio questo, ed emerge dai testi e dai commenti, dagli alunni che vi lasciano traccia, dagli amici che si confrontano. La poesia di Giulia è molto curata nella forma e nel ritmo, ma è il senso profondo quello che unisce tutti: tutti riconoscono che amore, vita e morte sono comunque strettamente legati, come lo riconosce Carlo, che non ha più voglia di falsità, che strapperebbe le vesti da attore per volar via lontano, dalla verità che ama e che non gli è data di raggiungere totalmente.

    Mi piace

  17. carlocuppi says:

    che bella idea aver cambiato la presentazione del blog…ma nel profilo compare anche giulia? Vorrei soffermarmi su un aspetto della lirica di Giulia davvero singolare: solo apparentemente è scritta in versi liberi: in realtà si tratta di ottonari fantasmi, non scritti come tali, ma ogni proposizione (ogni coppia di versi) costituisce un ottonario, il metro tipico della ballata popolare. E mi pare un aspetto estremamente originale soprattutto dal punto di vista didattico. La lirica di Carlo forse voleva rappresentare una risposta al titolo: la verità sta nel fatto che tutto prima o poi muore, la falsità sta nel continuare a dire che siamo eterni, che l’amore è eterno quando siamo circondati invece da macerie e affamati d’amore vero, quello VERO, l’unico eterno e immortale, quello che pochi incontrato, e se lo incontrano capita solo una volta nella vita! Purtroppo!!! Carlo

    Mi piace

  18. non so se sia veramente falsità. purtroppo mi ci ritrovo parecchio.

    Mi piace

  19. la lirica di Giulia è straordinaria…dalla leggerezza alla profondità in un battito d’ali.Ci vuole così poco per comprendere che siamo effimeri come farfalle, che viviamo un giorno soltanto, il giorno in cui capiamo che significa amare. Il resto sono solo macerie. grazie di questi versi. Riccardo

    Mi piace

  20. forse anche i bruchi respirano, amano e sognano…forse la casa non è costruita sulla roccia…forse è proprio quell’erba amara, Carlo, a dare un senso alla tua vita:è ciò che ancora ti nutre…forse!…e magari ti salva! Daniele

    Mi piace

  21. ti sogno perchè si muore:sia che tu sia mia figlia, sia che tu sia mia madre, sia che tu sia mio marito, sia che tu sia Dio…ti sogno…per non perderti neppure durante il sonno! Cris

    Mi piace

  22. irlandiana says:

    Mi é difficile commentare certe poesie, ho paura di non riuscire a rispettare quello stato d’animo che l’ha generate. Come preghiera vorrei condividere con voi una conversazione che ho appena avuto con mia figlia, fará cinque anni tra quattro giorni e pochi minuti fa, dandole la buona notte, mi ha spiazzata con questi suoi primi pensieri su vita e morte:
    -mamma, ma le persone cattive vanno in paradiso?
    -quasi tutte vanno in paradiso, devi essere proprio cattivo, cattivo per non andarci
    -ma Gesú cosa fa?
    Non fa niente, ci ama e basta
    -sai quando siamo in chiesa, la suora dice che dobbiamo seguire Gesú, ma dove ci porta?
    -ci porta in paradiso
    -e cosa ci dice?
    -ci dice che dobbiamo amarci tutti come fratelli e sorelle
    -ma com’é la Sua voce, io non la sento!
    -ce l’hai dentro al tuo cuore
    -ma quando si va in paradiso il cuore muore?
    -no, si fa grande grande, tutto pieno d’amore
    -…e di mangiare…e poi scoppia…
    Buona notte a tutti

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: