Il sogno di Dio/Il carro del Sole

Carro di MedeaDiamo il benvenuto a Mario, a Luciano e a Federica.
Ogni giorno grazie a Voi tutti ci sembra di festeggiare il compleanno!
Se qualche mese fa ci avessero detto che dalle nostre parole sarebbero scaturiti tanti mirabili commenti, forse non ci avremmo creduto…
Ma oggi con l’arrivo di Enrica c’è addirittura una certezza in più, che insieme a Voi possiamo davvero fare qualcosa di buono per i giovani… ed è la più bella consolazione per questa Pasqua. 

Da Giulia…

Il sogno di Dio

In un rosario di stelle
stanotte Lo vedrai
nel dedalo dei desideri
ti dirà che tu sei
forma del Suo sogno
e come tutti, come Lui,
sei tanti e nessuno
ovunque e in nessun luogo.

 

E da me…

 

Il carro del Sole

 

Quasi fossi Tu
per una volta
a pregarmi
lascerai dunque
una litania
infinita di sguardi
nella mia piccola
stanza.
Ed io incrocerò
ancora una volta
le braccia
come per sognare
di guidare insieme
e senza paura
il carro del Sole.

 

L’eremita (Parte seconda) (Scena unica-parte trentesima)

Cristo risorto


L’eremita
E come si fa a capire quando arriva il momento?

Abelardo
Non si capisce. Capire è una parola forte che dovresti eliminare dal tuo vocabolario, anche se mi rendo conto che non sia una cosa facile. Deve essere un residuo dei momenti in cui Eva stava prendendo le sue decisioni… scherzo…ma la prima a sentire il bisogno di scegliere e di comprendere è stata proprio lei…forse per questo l’uomo ha continuato a punirla nei secoli…anche se la fame di sapienza lo aveva contagiato.
Che ti posso dire… il momento sarà quello in cui la tua essenza non avrà più nulla da recare al mondo… quando sarai un sacco completamente vuoto che Dio potrà riempire completamente di Sé, quando saprai rinunciare con fede al prezzo della tua fatica e non temerai di non avere più la forza di camminare nel mondo…quando ti accorgerai di non avere più la parola per recitare una preghiera e la preghiera si spezzerà a metà sotto alla tua impotenza e disperazione, così come il pane dell’ultima cena si spezzò.
È curioso… ma l’uomo conduce a suo piacimento una vita grama nella convinzione che alla fine potrà a suo piacimento ingannare Dio ancora una volta e chiedere perdono: questo è trattare Dio come se fosse solo un uomo, quell’uomo che si è… senza pentimento alcuno… flagellato e coperto di sputi per l’intera esistenza.
Ma Dio non è soltanto il Cristo crocifisso, Dio è il Cristo risuscitato… lo Spirito non è certo attaccabile dalla nostra mediocrità e limitatezza…

L’eremita
Mi stai spaventando… ma allora sono davvero destinato alla perdizione se non potrò pregare quell’ultima volta, se Dio non Si commuoverà più per me…

Abelardo
Al momento della tua morte Dio non sarà più un uomo con cui confrontarti… ascolta con attenzione le mie parole e non giungere a conclusioni affrettate… questo per te è solo un vantaggio, perché la sincerità del tuo spirito non si misurerà più con le parole, ma con il silenzio che sta in mezzo alla preghiera spezzata; è quel Silenzio che ti salverà perché simile allo Spirito di Dio, ma quel Silenzio dovrà poter condensare tutta la tua vita e non essere soltanto l’improvvisazione del momento… a quel punto Dio Si compiacerà del tuo dono e ti accoglierà nel Suo regno da cui peraltro non ti sei mai allontanato nonostante tutti i tuoi maldestri tentativi in proposito.

L’eremita
Quel che conta è allora la sincerità del silenzio finale…ora capisco perché anche i vignaioli dell’ultima ora hanno ricevuto la stessa mercede… Gesù si riferiva allo spirito di Dio e non ad un obolo terreno… lo spirito di Dio non è frazionabile… è eterno ed infinito e si mescola al Silenzio nella stessa quantità che è infinita…che non tiene conto della nostra umanità, né della stessa umanità del Cristo ormai è risuscitato