post

Sinite parvulos/Non omnis moriar


Amici carissimi sono a dir poco mortificato… Sono tornato a casa pregustando i Vostri commenti e non ho più ritrovato il post.

Non posso che ripubblicare quello che avevo salvato per la poetessa, insieme agli ultimi commenti che ho potuto leggere prima delle ore15.

Spero tanto che gli altri amici possano ricommentare…

domenica, 02 aprile 2006

Simone, Debby, Nicoletta,  Stefano e Costanza…
La nostra piccola comunità continua ad alimentarsi di nuovi amici e di contributi preziosi.
Ringrazio Dio per questo.
Sono tre notti che sogno una frase del Vangelo che si trova dipinta sopra alla porta della caserma dei Carabinieri davanti a Castel Santangelo.
Fateci caso se andate in Vaticano…
Dopo tanta rimuginazione sono fuoriuscite queste parole a cui la poetessa ha replicato in modo mirabile…

Checco e Tina
Da me…

 

Sinite parvulos…


Non abbiate rancore
perché sono vostro padre
io non vi volevo
e non vi ho voluto
e non vi voglio
ora
perché non siete miei
ma  siete in me
ed io in voi
fino alla fine
dei tempi

 


Dalla poetessa…

 


Non omnis moriar

Vai per lattee
trasparenze
con passi senza eco
nel nulla opalino.
Come un raggio
mi proietti
per la Tua
immortalità
ed è per questo che
Ti amo
mia ombra
su cui inciampo
come l’anima
tra i piedi

la prima è splendida. forse da me te lo aspetti: è la migliore che hai scritto negli ultimi tempi.
heathen

#2     03 Aprile 2006 – 09:56
ma vi volli! la seconda risponde in modo meraviglioso se si pensa alla realtà dei fatti!un Dio creatore per la sua immortalità è quanto di più vicino all’uomo si possa immaginare
feboapollo

#3     03 Aprile 2006 – 10:00
Orazio che risponde all’evangelista Marco! Quasi un ysteron proteron! Paternità mancata, forse rifiutata(la noluntas impazza!)ma comunque indelebile…un dio epicureo quello della seconda lirica, lontano e distaccato come il padre della prima poesia, ma entrambi i testi, alla fine, si chiudono nell’ineluttabilità dell’amore eterno. Molto sentite e particolari! Renato
utente anonimo

#4     03 Aprile 2006 – 10:05
non capisco tutti quei non voglio, non volevo, non ho voluto…come si fa a non provar rancore? ..meglio pensare ad un dio che è ombra su cui si inciampa. Cris
utente anonimo

#5     03 Aprile 2006 – 10:07
è ben buffo un dio creatore che non vuole creature ma che si proietta su di loro per raggiungere l’immortalità! sembra uno sporco egoista, sia esso uomo o dio…ma poi c’è qualcosa, qualcosa alla fine che mi fa riflettere sul fatto che in entrambe le liriche la verità sta altrove. daniele
utente anonimo


#6     03 Aprile 2006 – 10:13
alla fine ciò che conta, per noi e per gli altri, è che siamo per i figli un’ombra su cui volenti o nolenti essi inciampano…ma anche noi inciampiamo nei figli che non vogliamo…non c’è scampo dinanzi a tali verità
emilioconte


#7     03 Aprile 2006 – 10:24
Tutti cerchiamo l’immortalità, l’ha cercata Dio, la cerchiamo noi…per forza:siamo a sua immagine e somiglianza! Questo Dio che crea per la sua immortalità mi ricorda le pagine dell’eremita. Inizialmente appare algido e immerso negli intermundia…ma è un pescatore che si prende cura dei suoi pesci nella rete, è un pastore che come ombra segue le sue pecore…ed è incredibile come vi rincorriate…sempre, verso dopo verso…Nicola P.
utente anonimo

#8     03 Aprile 2006 – 10:27
la seconda è bellissima…è un’interpretazione della creazione assolutamente sublime. Alberto
utente anonimo

#9     03 Aprile 2006 – 10:34
Bentornati!!!Era ora…molto complessa oggi la faccenda: il rancore di un figlio nei confronti di un padre che li ha rifiutati non è cosa da poco…andrebbe poi presa in considerazione anche la figura della madre…è un ginepraio, dal quale possiamo scappare solo deviando l’interpretazione come Giulia fa magistralmente spostando l’attenzione ad una sfera più elevata e ci porta in cielo, là dove il Creatore pascola incurante del suo gregge….tutte pecore che donano al dio immortalità, sono un suo riflesso, il figlio un riflesso del padre, il padre un’ombra che per il figlio non si può non amARE…a parer mio la grandezza della seconda sta nella sensibilità con cui ha risposto al poeta.
alessandrarisso

#10     03 Aprile 2006 – 10:52
Dio è l’ombra, la nostra ombra sulla quale inevitabilmente inciampiamo….è straordinaria questa immagine, è delicatissima e possente nello stesso tempo, tormentatissima e serena, ossimorica nel suo intimo….Rossana
utente anonimo

#11     03 Aprile 2006 – 11:39
I FIGLI SONO NEL PADRE, COSì COME IL PADRE è NEI FIGLI…NULLA PUò EVITARE CHE QUEL SOTTILISSIMO FILO,QUELL’OMBRA SVANISCA…SARANNO LEGATI PER SEMPRE, COME L’OMBRA AL CORPO E COME UN’OMBRA SOLO A QUEL CORPO ESSI APPARTENGONO PER SEMPRE. cOSTANZA
utente anonimo

#12     03 Aprile 2006 – 14:35
forse il rancore lo si prova quando ci si sente abbandonati, quando in tante situazioni ci si domanda “Ma dove sei?” constatando che è solo il male a prevalere…queste due liriche sono in fondo un conforto per noi, uomini e figli, tutti allo stesso modo, tutti dello stesso Padre che ci segue ogni giorno, ogni ora, ogni minuto come la nostra ombra, con l’amore e l’appartenza di un’ombra
salvabar

#13     03 Aprile 2006 – 14:42
Ciò che conta è che siamo in Lui e Lui in noi, come un’ombra sulla quale inciampiamo anche (bella questa immagine!),ma che non si separa mai da noi. Grazie di essere tornati! Marta
utente anonimo

#14     03 Aprile 2006 – 14:50
vorrei soffermarmi sulla seconda lirica, su come viene descritta la dimora celeste, così lontana, fredda, sembra che sia un dio disinteressato quello che ci osserva da lassù, una sorta di Zeus egoista e antropomorfizzato che gode nel creare mortali a sua immagine proprio perchè da ciò ne ricava quasi sadicamente immortalità…è questo dio a recitare il verso di Orazio, quasi sottolineando che ha bisogno degli uomini per vivere, che ha necessità di creare per confermare a se stesso che lui stesso è vivo! E’ un’interpretazione straordinaria questa! Carlo
utente anonimo

#15     03 Aprile 2006 – 14:56
…ma ciò che è significativo è che questo sadismo è solo apparente: proprio per quest’atto creativo l’uomo ama Dio e si riconosce il Lui come si riconosce nella sua ombra, l’unica cosa che gli appartiene veramente…la similitudine è estremamente incisiva…queste due liriche vanno lette con attenzione perchè celano significati profondi…anche la prima sembra il trionfo della noluntas ma in realtà suggella un legame, tanto per riprendere Orazio (Giulia ne sarà felice) aere perennius!
feboapollo

Comments

  1. Carlo, questa poesia é straordinaria , é quella semplicitá disarmante che dice piú di qualsiasi parola, é il rapporto cosí umano tra padre/madre e figlio che in un istante si trasforma in Divino…é la Madre che rincuora il figlio con la semplicitá dell’amore assoluto…non aver rancore,non aver paura perché il tuo nome era scritto nel cielo prima ancora che le stelle lo illuminassero. Il nostro essere é al di lá del semplice volere.
    Siete fantastici e mi dispiace essere costretta a leggervi con la solita fretta, tra pannolini e pentole!
    Alberta

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: