post

In uno specchio/Lazzaro


Siamo veramente inebriati da tante geniali ed ineccepibili interpretazioni.

Tutti voi recate un incredibile contenuto… Emilio ha proprio ragione! E spero tanto che ve ne rendiate conto sino in fondo e che possiate provare anche una minima parte della gioia che procurate a noi che stiamo sognando.

Il prossimo duetto che Vi propongo è arduo assai; o almeno così dice la poetessa che della mia povera lirica ha voluto un’interpretazione autentica. Io invece confido nella vostra bontà e nel Vostro impegno, ma se sono così indecifrabile, tiratemi le orecchie  e perdonatemi.

Dalla poetessa…

In uno specchio

 Lo specchio riflette
due corpi
ma se guardi bene
un’anima sola
vedrai:
si accarezza
si muove sinuosa
ed è occhi, mani, labbra
e la pelle profuma
di muschio.
Poi si corica,
l’anima.
Lo specchio si rompe:
un’unica voce
e mille schegge
di luce.
Nell’aria solo l’eco
di un nuovo inno
alla vita.

E da me…

Lazzaro


Come uno specchio
spezzato finì
Lazzaro
prima d’essere
ricomposto
e così
l’anima nostra
dopo
la dolce fine.

Comments

  1. A scuola ne leggiamo tanti di testi e in diverse lingue, ma confrontarsi così è davvero divertente oltre che estremamente utile per capire come si può fare una “critica” letteraria. Contate sulla mia presenza in futuro. Paola

    Mi piace

  2. Dovreste tenere un corso di poesia…davvero, non scherzo…Solo per il fatto di spiegarmi come si fa una metafora o una sinestesia! Lucia

    Mi piace

  3. a me fanno venire in mente Dorian Gray…ma con meno ansia nella lettura! Senza il vostro aiuto non avrei compreso la figura di Lazzaro! Sempre bravissimi Marta

    Mi piace

  4. originalissima la figura di Lazzaro…piena di vita, dirompente come un’onda la prima:sembra di vedere la scena descritta e alla fine non sai se hai fatto un sogno o hai visto un film oppure ciò che hai letto è solo un’orma di ciò che anche tu hai vissuto.

    Mi piace

  5. A me invece piace l’allitterazione specchio spezzato!, come la metafora sulla quale è incentrata la lirica e come le sinestesie così ben assortite della prima poesia. Trovo entrambe interessanti e belle. Carlo

    Mi piace

  6. Buona Giornata…Sm@ck

    Dory

    Mi piace

  7. a me piacciono molto entrambe, anche se la seconda senza la prima non l’avrei capita…e soprattutto non l’avrei intesa bene senza gli altri commenti. Alice

    Mi piace

  8. Trovo la prima lirica più vicina a me, più facile da interpretare, forse, e comunque più inneggiante alla vita, la tua lirica invece, parla della fine, della pace che si trova nella fine, ma pur sempre di fine si parla. Se posso osare, non mi piace l’accostamento di dei due termini – specchio e spezzato – la ripetizione dei suoni iniziali uguali appesantisce la fluidità di tutto il resto. Belle lo sono entrambe, ma per miei limiti, preferisco parlare di vita. Siete molto bravi. Un bacio a tutti e due.

    Mi piace

  9. alessandrarisso says:

    E’ vero…la prima per la narrazione così concitata, la seconda per quello spezzato e ricomposto…ma non è facile descrivere un amplesso!

    Mi piace

  10. mi mettono ansia. per questo le apprezzo.

    Mi piace

  11. alessandrarisso says:

    Mi piace quest’anima che prende forma, che si connota di attributi umani che urla prima di giacere nell’estasi per poi risorgere, Lazzaro miracolato, dinanzi a un nuovo specchio

    Mi piace

  12. bel topos letterario quello dello specchio: verità o illusione? cosa c’è lì dentro? due corpi o un’anima? Forse tutti e due che in modo sinestetico giocano a nascondino fino a rompere in mille schegge l’oggetto tanto è potente l’urlo di vita, così potente da infrangere un’anima che coricata aspetta di risorgere come Lazzaro. Bellissime immagini…belle veramente. Nicola P.

    Mi piace

  13. Solo un’osservazione sul finale delle due liriche: VITA e FINE. Vita e morte, amore che offre vita e morte, morte e vita in un ciclo continuo di amplessi e di rinascite, di resurrezioni, di corpi astratti e concreti…c’è tutto un mondo di affetti e di percezioni in questi due brani. Bravi davvero. Alberto

    Mi piace

  14. E dalla morte parte il poeta, una mote che però anche qui è biblicamente apparente dato che Lazzaro ritorna nel mondo dei vivi grazie all’intervento di Dio…forse la stessa cosa accade all’anima del poeta dopo l’intervento della donna? In prima istanza l’amore “uccide” i sensi, l’anima trova ace, requiescat…ma a poco a poco il corpo prende vigore dall’unione appena verificatasi e vive, vive dell’amore da cui trae forza ed energia….Molto belle anche oggi..ed il dialogo davvero è senza fine!

    Mi piace

  15. La prima lirica oltre al gioco di sinestesie è tutta concentrata sull’astratto ed il concreto…nella narrazione non si sa più chi sia il corpo e chi l’anima. Lo spechio rilette qualcosa di astratto che diviene concreto e nelo stesso tempo due corpi concreti che sono rappresentati come un’anima che si muove e prende forma, si anima e vive nell’illusoria realtà di uno specchio…ma la realtà dov’è? cos’è che è vero e cosa illusorio? L’illusione si rompe quando l’anima prorome nella stanza in tutta la sua forza, una “bianca potenza” avrebbe detto Archiloco. in grado con la sua metaforica voce di rompere la lastra e mostrare alla fine solo i due corpi, solo il concreto..ma riechegia in realtà solo un’eco, astratto, impalpabile come la vita e come l’amore…come la morte.

    Mi piace

  16. La prima gioca su sinestesie, la seconda su metafore..è un bello “scherzo” letterario, anche se il senso profondo di entrambe le liriche riconducono l’amore alla morte e nello stesso tempo alla vita: eros e thanatos si rincorrono in entrambe le liriche e mi pare che vinca alla fine eros, con l’inno nella prima, con la resurrezione nella seconda. Sempre eccezionali nelle vostre varianti liriche. In questo dialogo forse domina la variatio! Renato

    Mi piace

  17. Grazie Emilio..in effetti sentivo puzza di necrofilia nella lirica del poeta…forse per via di quel RICOMPOSTO. Ora è tutto chiaro ed il dialogo viene apprezzato decisamente in modo più completo…ha proprio ragione a Daniele a dire che il senso di questo vostro dialogare risiede tutto in quel verso della prima lirica. Buon lavoro a tutti e grazie di questi bellissimi versi. Cris

    Mi piace

  18. emilioconte says:

    Molto narrativa la prima, più criptica la seconda. Più solare la poetessa, più cupo e ripiegato su se stesso il poeta: la differenza sta nel come i due vedono la specchio. La donna lo usa come strumento per introdurre il lettore in un interno, per creare un’ambientazione. Esso è il mezzo per mostrare un’unica anima dei due corpi che si uniscono e all’acmè del piacere non è più la vista a farla da leone, bensì l’udito (voce, eco, inno)che rievoca un canto alla vita. L’uomo invece usa lo specchio come metafora: l’anima dopo l’amore è come Lazzaro nella tomba:l’amore rappresenta la pace dei sensi, la morte dei sensi…ma la carne (e con essa i sensi) resuscitano presto ad un nuovo incontro! Un buon lavoro a tutto lo staf di questo blog!

    Mi piace

  19. A me pare che nella prima lo specchio si spezzi per la potenza della voce, la seconda faccio fatica a comprenderla e aspetto i commenti degli addetti ai lavori.La nostra anima forse non è che uno specchio rotto quando si muore…oppure dopo l’amore? Aspetto con curiosità! Cris

    Mi piace

  20. …un’anima sola vedrai! Siete tutti e due in questa unica frase! Daniele

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: