post

Nello stesso arco/Sogni proibiti


Rimaniamo stupefatti di fronte al Vostro calore ed impegno e non possiamo che cercare di darVi un altro motivo per rinnovarli.

Salutiamo tutti gli amici, sempre col dolore nel cuore di non poterli raggiungere tutti, ed in particolare ringraziamo un nuovo amico, Renato, che si è aggiunto alla nostra festa.

Da me…

 Nello stesso arco

Riposa
il tuo arco
oh Ulisse
e Amore
ne farà
due corpi congiunti.
Combatterai così
soltanto
il desiderio
del mare
e Penelope
di te
che un talamo
scolpito
non trattenne.

E dalla poetessa…

Sogni proibiti

Nel sonno mordi
la mia innocenza,
tu,
febbrile bellezza
tragica e terrestre
non mio forse
e forse troppo mio
ora che cola tra le sbarre
del sacramento
il miele della purezza che
più non torna
più non torna

Comments

  1. Abe, hai deciso di non parlarmi più? Sono ualmeno un paio di volte che passo da te, ma non ricevo risposta. Come mai?
    Buona serata.

    Mi piace

  2. emilioconte says:

    Trovo assai interessanti gli interventi di Marta e Alice poichè sono veramente illuminanti dal punto di vista interpretativo:io non avevo preso in considerazione questa ulteriore chiave di lettura della bella parabola omerica! Complimenti alle ragazze che rendono questo “lavoro” sempre più completo ed esaustivo…gli autori ne saranno certamente felici! Grazie a voi da parte mia per questo bel forum che sempre ci vede tutti protagonosti uniti nel nome delle lettere.

    Mi piace

  3. Secondo me è stata scritta prima quella della poetessa e poi quella del poeta:ad un sogno proibito e descritto con maestria nel suo peccaminoso manifestarsi l’uomo risponde con un’icona mitologica, quasi una statua degna di Canova, due corpi piegati ad arco l’uno sull’altro: la donna si limita a sognare, l’uomo invece la possiede. A poco servono i sensi di colpa, quando il sacramento si celebra in un talamo scolpito, dopo anni di attesa l’uno dell’altra! Vivissimi complimenti. Renato

    Mi piace

  4. Effettivamente come dice Marta la figura di Penelope in sogni proibiti risulterebbe decisamente più umana rispetto a quella omerica (assolutamente incorruttibile), sarebbe forse più vicina alle eroine della tragedia e quindi più vicina a noi in un certo senso. Grazie, sempre,per queste belle letture che mi offrite. Alice

    Mi piace

  5. Effettivamente come dice

    Mi piace

  6. alessandrarisso says:

    La seconda lirica invece esprime una più dolorosa e femminile condizione : non sono più protagoniste le due figure epiche, ma un uomo e una donna, mortali e consapevoli dei loro limiti. L’ambientazione onirica è particolare:la donna sogna il suo uomo, e lo sogna mentre la possiede. E’ un uomo bellissimo, fa salire la febbre tanto è bello, ed è un amore tragico e terrestre (altrove invece c’è una tensione al Cielo). Troppo terreno e peccaminoso vista la sua tragicità. Qui gli aggettivi non sono messi a caso, tutt’altro…quel MIO non è casuale come non lo è quel FORSE. E dietro a quelle sbarre c’è il dolore di chi non può realizzare un sogno! Ed è straordinario come si possa riuscire ad esprimere tutte le sfaccettature di un inconscio che oniricamente si rivela …brava davvero!

    Mi piace

  7. alessandrarisso says:

    Qui parlerei di sublimazione dell’amplesso:nella prima lirica, così come nella seconda, ma con una bella variatio. Provo a spiegare. Il poeta vede Ulisse e Penelope in quel talamo scolpito abbracciati, vede i loro corpi flettersi come le corde dell’arco stesso a due diverse finalità: Ulisse quella del trattenersi dal lasciare ancora l’isola e la moglie, Penelope quella del trattenere il marito presso di sè. La freccia dunque per i due amanti viene scoccata nella stessa direzione! Ed ha ragione Davide a dire che siete le due facce della stessa medaglia (continua)

    Mi piace

  8. Il letto di Penelope e Ulisse era stato scolpito nel tronco di un livo intorno al quale l’eroe aveva fatto costruire tutta la stanza da letto…forse proprio qui, durante l’assenza di Ulisse, Penelope ha continuato a sognare suo marito nonostante la presenza dei proci oppure nell’assenza si è abbandonata a sogni proibiti perdendo per sempre la sua purezza di sposa fedele…due splendide interpretazioni dell’Odissea…grazie di cuore! Marta

    Mi piace

  9. A parer mio il sogno proibito consiste proprio nel fatto di essere nello stesso arco. Ma spesso quel tendere insieme la medesima corda e scoccare la stessa freccia dà un senso a tutta una vita intera e forse vi siamo anche chiamati in alcuni casi! Rossana

    Mi piace

  10. Cercherò di fare una sorta di crasi tra i due testi. Amore unisce i due corpi in un unico arco e Penelope si chiede se Ulisse è suo oppure no, se ci sarà ancora qualcos’altro a spingerlo nuovamente lontano da lei…troppe donne (e che bellissime donne!) ha incontrato Ulisse in venti anni di assenza ed il sacramento è stato violato, ma Penelope non ha mai smesso in sogno di unirsi all’unico uomo che ama. Bellissima interpretazione omerica

    Mi piace

  11. Io trovo in entrambi gli autori una forza iconografica, una potenza nel descrivere le immagini tale da farle apparire in modo netto e preciso sotto gli occhi del lettore. La poetessa è molto brava a concretizzare l’astratto (sacramento, purezza, innocenza) che viene associato a verbi/sostantivi (mordere, sbarra,miele) finalizzati a descrivere stati d’animo con particolare finezza e precisione. C’è un dolore che si percepisce in modo tattile e violento, come violentemente si stagliano nella prima sotto lo sguardo del lettore i due corpi nudi degli amanti flessi nell’abbraccio! Sono due pezzi splendidi! Alberto

    Mi piace

  12. La seconda lirica in effetti è soprattutto una riflessione filosofica. Splendido quel dubbio amletico “non mio forse e forse troppo mio”: è il sacramento che stabilisce ciò che è lecito e ciò che non lo è, ciò che è possesso e ciò che non lo è oppure è la passione che dirompe dalle sbarre? L’inconscio che nel sogno affiora palesa desideri che si celano durante la veglia … e basta un pensiero per peccare, per perdere la purezza che amaramente più non torna..che tormento in questi versi, versi bellissimi e di una profondità mirabile.

    Mi piace

  13. la prima lirica è il trionfo della famiglia, dell’amore coniugale, dell’amore ritrovato e celebrato nel talamo nuziale. E’ un dio a reggere nel testo omerico le vicende umane: Ares cede il posto ad Eros e l’eroe greco di Itaca può finalmente rientrare in possesso di ciò che è lecito…ma…che cos’è lecito? Non sa rispondere la poetessa, o meglio:lo sa bene e solo nel sonno i suoi sogni possono realizzarsi…di giorno lei vive con l’animo in gabbia, fedele ad una promessa, ma nell’inconscio trova libertà d’espressione che comunque la uccide con sensi di colpa.

    Mi piace

  14. febbrile bellezza tragica e terrestre: quando una donna sogna il suo uomo così significa che l’innamoramento è per sempre…beato lui!!! Lucia

    Mi piace

  15. il commento di daniele calza a pennello. ma, credo, non sarebbe possibile altrimenti: siete le due facce della stessa medaglia.

    Mi piace

  16. Mi ha colpito subito quella conduplicatio dolorosa (più non torna, più non torna)…è l’innocenza che non torna, la purezza che è svanita per sempre pur nel sonno…la forza della Bellezza è tale da rompere le sbarre del sacramento e lasciare solo l’amaro in bocca. Molto criptica questa lirica, molto difficile da comprendere nella sua pienezza. Le si contrappone un’icona mitologica anche qui non facilmente codificabile…l’arco potrebbe essere tanto quello di Ulisse quanto quello di Cupido, forse Cupido rappresenta metaforicamente la pace, il ricongiungersi dei due amanti…la guerra è lontana e solo le gioie dell’amore restano ai due sposi…non c’è gioia invece nella seconda lirica, se non un piacere estatico che risiede nella contemplazione eterna di una Bellezza che la donna possiede … purtroppo per lei…perchè è dannata! Ed il sogno è per lei una vera lotta per mantenere intatta la sua purezza…guerra e pace dunque in uno spettacolare dialogo in cui solo apparentemente i due interlocutori appaiono distanti. Carlo

    Mi piace

  17. emilioconte says:

    oggi il dialogo è il trionfo di Eros…grande sensualità oggi su queste “pagine”, una sensualità celata dietro figure mitologiche e dietro figure oniriche. La prima è più fredda, più barocca nell’esprime la gioia dell’amplesso, la seconda è decisamente tormentata ed esprime un dolore da cui non si vuol uscire (in questo richiama le parole dell’eremita in uno degli ultimi post!). Nella seconda ci sono delle immagini di grande potenza:l’uomo morde metaforicamente l’innocenza della donna, così come in precedenza la sbriciolava sulla coperta consunta e lisa. E lei è come estasiata, come Psiche dinanzi ad Amore…credo che pochi uomini siano stati così ben celebrati come simbolo di Bellezza..ed in questo ecco che la poetessa riprende il barocco…ed il cerchio, come per incanto, sempre si chiude! Siete sempre invidiabili

    Mi piace

  18. L’arco di Ulisse riposa, ma nella seconda non riposa affato l’animo della donna, tormentata quasi da sogni lussuriosi:questa lirica è estremamente complessa. Mentre la prima richiama assai il poetare di Marino, la seconda è più novecentesca, più concentrata sull’introspezione femminile. C’è una donna che sogna di essere di un uomo, l’uomo che rappresenta per lei la Bellezza…ma è una bellezza proibita (sbarre del sacramento) e c’è un tormento puntualizzato dal chiasmo della posizione degli aggettivi, dalla incisività degli aggetivi stessi (tragica e terrestre) dal chiasmo di quel MIO e dalla ripetizione finale. Molto belle entrambe! Nicola

    Mi piace

  19. L’arco di Ulisse riposa. Non più guerra, finalmente, solo pace.: Cupido si adopera affinchè la coppia epica immortalata da Omero possa ricongiungersi ed essere ancora una volta una cosa sola. Ma non del tutto perchè gli animi di Penelope ed Ulisse rimangono comunque distinti dal fatto che l’uno desidererebbe comunque ancora viaggiare, la sua curiosità è un qualcosa da cui non può snaturarsi, mentre Penelope farà i conti solo col desiderio che ha di suo marito nella speranza che egli non l’abbandoni più. (continua) Nicola

    Mi piace

  20. C’è un tempo per la guerra e uno per l’amore recita l’ecclesiaste! Nella prima è proprio così!La seconda mi scuote con quell’immagine dell’uomo che incarna la Bellezza, ed è bella perchè è terrestre al punto tale che lei la può possedere, o almeno avere tale illusione! Mi piace l’idea che sia una donna a celebrare la bellezza dell’uomo che ama…è molto sensuale! Cris

    Mi piace

  21. Non so da che parte cominciare…voi passate dall’aspetto mistico all’aspetto sensuale della vita mortale con una semplicità che stupisce e disarma nello stesso tempo. Daniele

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: