Annunci

In questa radura/Picnic


La poetessa ha voluto replicare ad una mia lirica che alcuni di voi già conoscono per averla letta ne “La mia bottiglia” ed io non posso che proporle entrambe… con infinito affetto per tutti Voi

Da me…

In questa radura

In questa radura
coperta dal vento
vorrei concepire con te
e poi vederti
partorire
un bimbo
già vecchio
sul plaid spiegazzato.
Saprei allora
che tanto amore
non è stato vano
nemmeno dopo
la nostra morte.

E dalla poetessa…

Picnic

Mi sbricioli
Su una coperta
Consunta e lisa
Assetato d’amore
Mentre mordi
Un pane sapido
Di vita

Annunci

  1. Ho provato anche io l’ardente desiderio accompagnato dalla necessità quasi di voler concepire…è un desiderio che si prova solo dinanzi alla Donna, quella vera, l’unica alla quale si vorrebbe essere uniti, l’unica in grado di donarci immortalità, il pane della vita, il nostro pane, quello che sbricioliamo quotidianamente, tutti i pranzi, tutte le cene…senza il quale non potremmo vivere. Siete mitici! Daniele

    Mi piace

  2. La coperta è una tovaglia, il talamo una mensa…la vita null’altro è che amore, un amore che si gusta giorno dopo giorno negli occhi di un bimbo che è crasi di due anime per l’eternità. Alberto

    Mi piace

  3. La radura è coperta dal vento…ma il vento non si vede, si avverte, soffia ed è inafferrabile, così come l’amore:è per questo che l’uomo dice alla sua donna (Dio mio quanto la ama!) che vorrebbe concepire con lei, per afferrare qualcosa che in realtà è irraggiungibile: la maternità è destinata solo alle donne, solo loro hanno il dono di essere pane sapido, poche di loro sanno farsi sbriciolare con una passione colma di vitalità da sfidare la morte. Eccezionali entrambi! Renato

    Mi piace

  4. che incisivo quell’ossimoro bimbo/vecchio così come il metaforico “mi sbricioli” , splendido incipiti…due voci per esprimere un unico grande messaggio sulla vita e sull’amore, sul senso del nostro esistere e anche su quello del nostro morire. Ogni giorno passo di qua e me ne vado un po’ più ricco di quando son venuto. Carlo

    Mi piace

  5. molto molto belle. Nella prima quel participio coperta viene ripresa in variatio dal sostantivo plaid e poi dal sostantivo coperta nella seconda lirica.Il concepimento è un simposio, un incontro dei sensi…del resto la famiglia si riunisce ben intorno ad un tavolo, no? ed il pane non manca mai dalla mensa, il pane è vita, saba dicono in ebraico…fonte di nutrimento. A livello di metafore siete stati proprio originali oggi! Nicola P.

    Mi piace

  6. Ma siete buffi anche nei pic nic!!! Scherzo..molto bucolico questo incontro, lo trovo ricco di simboli…la coperta, il pane, il bimbo vecchio…un simbolismo pascoliano! Alice

    Mi piace

  7. Aspirazione all’immortalità nella prima, con quel bambino nato già vecchio..chissà, forse quasi una regressione per il porta, un desiderio di esserci da sempre, di amare da sempre e per sempre la stessa donna, l’unica che è in grado di assicurargli un’eternità…da questo punto di vista la donna non può che essere pane, fonte di nutrimento, sale della vita..bravissimi!

    Mi piace

  8. Credo che l’uomo non possa concepire nulla di più alto per dimostrare il proprio amore che il desiderio di concepire. Un desiderio di eternità che è fame e sete di amore, desiderio di pane di vita. Lucia

    Mi piace

  9. Bellissime entrambe…in modo diverso il desiderio di vita viene manifestato lì sul plaid. Mi ha sempre colpito l’immagine di un bimbo nato vecchio e mi piace l’immagine della donna che viene assaporata come un tozzo di pane…mi ricorda un po’ abelardo

    Mi piace

  10. Che bello e quanto è pieno di vita quel plaid, quella coperta spiegazzata, lisa e consunta da tanto amore, da tanta vita…cercate e trovate sempre metafore apparentemente banali per offrire una riflessione puntuale sul perchè del nostro esistere. Marta

    Mi piace

  11. Ho già espresso in precedenza il mio parere circa la prima:è molto significativa, molto lirica nel suo senso profondo di paternità…c’è un desiderio di perpetuare fino all’eternità un amore che si vorrebbe senza fine e che non può sfociare che in un figlio. La seconda è bella nella sua semplicità, in quel corpo sbriciolato e assaporato come un pezzo di pane caldo e fragrante fecondo, perchè sapido di vita.Ancora una volta uomo e donna, l’uno dinanzi all’altra, senza veli, con le loro peculiarità

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini

Bere e Mangiare partendo da Lucca

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

mediaresenzaconfini

ADR a 360 gradi Conciliazione, mediazione , arbitrato, valutazione neutrale, medarb e chi ne ha più ne metta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: