Annunci

L’eremita (Seconda parte) (Scena unica-parte diciannovesima)


patata


Abelardo

Pensa alle patate… non so se hai mai notato… quando sono vecchie hanno delle protuberanze di un colore gialliccio… ebbene quello è lo scotto che devono pagare al tempo che passa senza che qualcuno le utilizzi… eppure le patate sono buone e da principio sembra davvero inverosimile che divengano guaste… così è per la vita, all’inizio chi ti voleva bene pensava che i tuoi talenti si sarebbero sviluppati, ma per un motivo o per l’altro sei rimasto chiuso nella credenza e così ora hai dei bitorzoli… poco male se ti sei guastato… tu non sei una patata fortunatamente…ma da solo non puoi che continuare a produrre bitorzoli… ecco perché devi accettare che qualcuno li tagli… i bitorzoli… è doloroso lo so, perché ormai fanno parte di te… e se vogliamo proprio sottilizzare… sono le spie di una nuova rinascita…ma per una pulizia efficace è necessario andare in profondità, togliere tutto l’involucro che peraltro è solo un cumulo di muffa e di sporcizia…ed avvolgerti in un panno che non ti è proprio… un panno candido che è caldo e confortevole, ma che è pur sempre un corpo estraneo… siamo d’accordo… questo panno è l’umiltà che si deve imparare quando si è nudi, ma nudi veramente… quando si abbandonano tutte le infrastrutture che la vita ci costruisce intorno e che sono alla fin fine false protezioni…chi ce lo porge in fondo è sempre in difetto, perché prima ci ha purificati con la sua gratuità fino all’osso ed il disagio è quindi garantito… ma non ci sono molte alternative.

L’eremita

In questa situazione è difficile pensare ad una rinascita… spesso mi sembra di avere una strada segnata soltanto verso la morte… tutti dobbiamo morire… lo so, ma chissà perché… ho quasi la certezza e nello stesso tempo il terrore di morire senza aver fatto quello che dovevo e che potevo… di essere condannato alla fine eterna senza alcun rimedio… e lo stridor di denti è già nella mia testa con quei maledetti acufeni che ritornano implacabilmente uguali a se stessi, nei periodi di maggiore preoccupazione… e poi sento spesso in gola la sensazione del metallo… è difficile spiegare a che cosa lo associo… ma la sensazione è netta… si tratta di qualcosa che non riesco a fare o a capire e che mi sembra invece alla portata degli altri uomini… si tratta della tecnica delle cose che non ho imparato e che non imparerò mai… il mondo mi pare davvero un insieme di regole occulte che giocano a nascondino con la mia povertà

Abelardo

Il gusto del metallo lo conosco bene anch’io e so di che  cosa parli quando ti riferisci a regole occulte… in linea di principio tutte le regole che non sembrano riguardarci direttamente lo sono… e soltanto Dio conosce quelle che appartengono ad ognuno di noi, perché da principio le norme sono state dettate da Lui… l’uomo è riuscito a polverizzarle in innumerevoli precetti tecnici che hanno la pretesa di ingabbiare ogni settore della vita, ma alla fine sono solo dieci i comandamenti che possono renderci felici e di questi dieci come ti ho già detto è stato fatto anche un mirabile condensato.
Se ami il prossimo tuo come te stesso vuol dire che lo accetti senza pretendere di comprenderlo: e dalla rinuncia alla comprensione nasce la compassione che è ben più alta e più profonda… è l’arte… la tecnica come la chiami tu… più elevata e raffinata che un uomo possa conoscere ed imparare… di fronte alla compassione si inchinano i Santi e gli Angeli si commuovono facendo sorridere le ali… Dio stesso Si stupisce di aver creato un essere così perfetto e prova un’irresistibile attrazione… ti dà modo certo di raffinarti sempre più con il dolore e l’ardore, fino al punto che il corpo si  consuma in una mirabile energia… l’energia dei miracoli che basta una invocazione a richiamare

L’eremita

Chi non ha imparato a compatire dunque ha trascorso la vita inutilmente…

Abelardo

È come una pietra esposta al sole nell’afa dell’estate: il suo calore è inutile, quando non è  molesto…

(continua)

Annunci

Una risposta

  1. eh sì..è prpoprio ciò che le ho appena scritto! Lasci lavorare Dio sui suoi bitorzoli, lasci che l’angelo (suo messaggero nella sua più pura e greca etimologia) tagli i bitorzoli e sia artefice della sua rinascita;lo lasci andare in profondità, fino a mostrarsi nudo: abbia fiducia, si abbandoni e non tema:non le ruberà nulla, nulla in cambio pretenderà…solo il suo bene. Solo il suo bene!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini

Bere e Mangiare partendo da Lucca

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

mediaresenzaconfini

ADR a 360 gradi Conciliazione, mediazione , arbitrato, valutazione neutrale, medarb e chi ne ha più ne metta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: