post

Sopra di me/ Come uno scialle


Carissime Marta e Lucia, i vostri commenti sono davvero illuminanti e mi persuadono sempre più che il blog può essere davvero un percorso complementare a quello scolastico per avvicinarsi alla parola.  

Da me…

Sopra di me

Sopra di me
ci sei
soltanto tu
perché il cielo
non entra
più tra
i seni e le mani.
Sopra di me
gli sguardi
sono saliva
e la saliva
è già
un’armonica
di carne.

E dalla poetessa…

Come uno scialle

Scivola via
dalle spalle
la vita
scoprendo la tua
anima
rotonda e bianca
profumata di
carezze.
Ti rimane quel nulla
quel niente
l’incanto d’un incontro
il poco che hai donato
il molto che hai perduto

tra le dita.

Comments

  1. alessandrarisso says:

    Ci ho ripensato…forse non è poi così triste la seconda, perchè tra le mani rimane qualcosa ed è comunque sostanzioso!

    Mi piace

  2. Nessun grazie…sono io che mi prostro semmai! Ha ragione Rossana:i commenti tante volte mi danno chiavi interpretative alle quali mai sarei arrivata, anche se devo dire che ciò che mi piace di questa vostra avventura è la libertà che ne deriva al lettore di fruire e godere e poi semmai di interpretare. La poesia è per me come una canzone:o piace e la canti e ti si ficca nella testa oppure ti lascia indifferente. Molto sentito anche questo dialogo:più potente forte virile la prima poesia, più sconsolata, femminile, delicata la seconda. Lucia

    Mi piace

  3. Mi regalate sempre un sorriso con i vostri versi, anche se sanno un po’ di malinconia come quelli odierni della poetessa, ma sono troppo belli, troppo veri per non incantarmici sopra…e poi…quanto bella è l’armonica di carne??! Io mi ci perdo a leggere non solo i testi, ma anche i commenti, che sono proprio illuminanti! Una buona serata ad entrambi. Rossana

    Mi piace

  4. A me la seconda non so perchè fa venire in mente quel frammento di ARCHILOCO, quello della chioma che ombreggia le spalle…a me piace molto quest’associazione di vecchio e nuovo:stimola la fantasia, accende ricordi e mi aiuta a creare rapporti interdisciplinari che ora vanno molto di mod! Vi leggo sempre con piacere ed ogni giorno è una sorpresa venire a farvi visita. Alice

    Mi piace

  5. …e mi guardo là, tra le dita, e vorrei anch’io scoprire tra le mani un’armonica di carne! Alberto

    Mi piace

  6. Personalmente non mi dovete ringraziare…voi siete molto bravi e anche in questo ennesimo dialogo date prova di come si possa apprezzare la poesia solo per il fatto di sentirla nostra, perchè ci si ritrova in un verso o in un’immagine e a volte un pensiero che mi balena per la mente voi siete in grado di trasformarlo in lirica e questo è magico. Ad esempio quest’ansia di non fare mai abbastanza, di temere di aver dato sempre meno del possibile..io la vivo proprio come la poetessa. Per me siete una bella parentesi umana della mia giornata e ve ne sono molto grata. Marta

    Mi piace

  7. Molto bella l’armonica di carne, il corpo vissuto, suonato, armonizzato…dall’unione dei corpi scaturisce musica che fa vibrare i cuori:è una immagine che richiama tante altre icone ed è potente proprio per questo. La replica è una galleria di immagini trattegiate con grande sensibilità e finezza d’animo. Grande femminilità nel dipingere verso dopo verso e con umiltà quella povertà che dinanzi alla morte ci troviamo a far scivolare dalle dita: trovo questi versi di un lirismo unico e anche se struggente inevitabilmente universale, ahimè! E la grandezza della poetessa consiste proprio nel trattare dell’universale con una semplicità che non può che commuovere. Grazie di voi. Carlo

    Mi piace

  8. alessandrarisso says:

    ancora una volta non posso che constatare la vostra altezza, l’una maschile e l’altra femminile, che in questo duetto spicca molto bene sotto gli occhi dei letori. Bellissima la prima lirica che ritrae un uomo goloso ed ingordo, completamente perso nell’universo femminile che lo ha conquistato…avvolto dal corpo lirico della donna al punto tale che sopra di lui è impossibile scorgere il cielo, solo occhi e baci, baci sonori….la seconda lirica invece è un piccolo capolavoro psicanalitico: con immagini nette e decise la donna è introspezione di se stessa e invece che farsi armonica si fa confessione, apre il cuore e denuncia le sue omissioni, ha paura che la morte possa coglierla senza che i suoi conti possano tornare! E soprattutto sa, nel profondo della sua anima, che è più ciò che ha ricevuto di quel che ha donato…ma è pur sempre così, non vi pare? Come diceva Orazio? Carpe diem…l’incanto di un incontro da cogliere al volo! In questo l’uomo riesce benissimo! Sempre mitici

    Mi piace

  9. Molto ben costruita la lirica della poetessa con quel finale sconsolato e ripetitivo quasi a sottolineare che tutto ritmicamente, proprio come il tempo, scivola impietosamente dalle dita. Splendida l’icona dell’armonica di carne, corpo muliebre vibrante di passione! Bravissimi. Davvero. Nicola P.

    Mi piace

  10. Bello sarebbe scoprire che la mia anima è bianca e profumata di carezze…magari fosse così! se alla donna nulla rimane tra le dita, l’uomo ha tutto, ma proprio tutto tra le mani! Ancora una volta siete superlativi nel confrontarvi, anche se questo duetto vede l’uno più allegro e appagato, l’altra più triste e affranta da sensi di colpa.

    Mi piace

  11. Ho pensato anche ad un’altra cosa, tra un coloquio e un altro con un tesista: Il poco che hai donato! E’ per questo che ieri mi sono accanito…perchè POCO se si può dare e dire di più? Non si può proprio vincere questa PAURA visto che rimane tra le mani il poco che abbiamo donato, il tanto che abbiamo ricevuto? Un abbraccio a entrambi con immenso affetto e stima per come mi interrogate sulla vita

    Mi piace

  12. no…secondo me non sono lontani..la donna è come uno scialle sopra l’uomo! La seconda invece è di questi tempi propria mia..ed è bello sentire mia una poesia scritta da altri…credo sia per la poetessa un complimento…mi fà tanto pensare “quel poco che hai donato”!….non ho tempo da perdere! Grazie sempre per come illuminate le mie giornate. Cris

    Mi piace

  13. Sento molto vicina al mio modo di amare la prima, mi commuove ed è scritta in modo splendido la seconda. Oggi siete molto lontani nel parlare…sembrate un po’ distratti e presi da vostre personali considerazioni…solo un’impressione, indice del fatto , però, che inizio a conoscervi. Un caro saluto ad entrambi e buon lavoro. Daniele

    Mi piace

  14. emilioconte says:

    Molto bene anche oggi con questo nuovo duetto: la prima lirica è la celebrazione dell’uomo che si perde nella donna che ama, sopra di lui, dentro di lui, intorno a lui c’è solo la donna, nient’altro che la donna e lui voracemente se ne impossessa e la divora di baci (bello e catullianana l’immagine!) mentre il corpo di lei suona, si fà armonica. La seconda lirica è come è stato giustamente notato più malinconica e introspettiva, riprende quella tematica della caducità della vita umana affrontata ieri: ha immagini delicate e di infinita tenerezza che si rincorrono verso dopo verso, molto incisive e significative con un bel ritmo incalzante…mi piace molto.

    Mi piace

  15. che lirismo nella seconda! L’anima è come una spalla dove qualcuno ha pianto…sulla quale qualcuno si è appoggiato, che qualcuno ha accarezzato con amore…Il tempo forse, ecco il tempo ci annichilisce e ci riamane dentro l’assurda paura di non essere che nulla, nessuno, in nessun luogo, mai (non me voglia la poetessa…ma la sua citazione rimane in casa!). La prima lirica è una nota di sole, il trionfo della donna che si fa armonica di carne sotto i baci dell’uomo…create sempre immagini sublimi.

    Mi piace

  16. molto malinconica la seconda… continuate…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

ATELIER c157

- ART & PHOTOGRAPHY -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: