L’eremita (Seconda parte) (Scena unica-parte quindicesima)


L’eremita
Come faccio ad accogliere lo Spirito?

Abelardo
Apri le braccia e lasciaLo entrare nella profondità dove anche tu hai paura di guardare… in quel luogo dove la follia sta in agguato, sorniona, in attesa che arrivi un pensiero al limitare…fa’ che il pagliericcio di Gesù accolga anche un altro bambino, questa notte… guardati indietro con ardore…e  raggranella gli istanti di questa insicurezza inquieta…ti serviranno ad essere più consapevole, quando rimuoverai i primi passi e ti sentirai ancora unico figlio del mondo e del Padre… destinatario ancora di quel colloquio privilegiato che hai spezzato per una manciata di emozioni.

L’eremita
Per una manciata di emozioni…
Sì…piuttosto la follia che la consapevolezza di aver gettato al vento la propria vita… piuttosto quel lucido percorso verso un baratro su cui si cammina senza scegliere.

Abelardo
Perché ha scelto Dio la strada più opportuna, tanto elevata che gli uomini possono solo osservare da lontano, come dei poveri che in Chiesa si attendono l’elemosina e non la Parola… la mente umana di per sé è una monetina gettata nel pozzo… chi la recupera non può immaginare i pensieri di chi l’ha gettata…che cosa può dire una moneta del cuore dell’uomo… odora di contatto e forse anche del sudore che la rende opaca, ma non può parlare dei sogni e della libertà… di quello che rappresentava prima di essere gettata e dopo il grande salto.

L’eremita
Il salto nel pozzo…immagino che sia davvero profondo…il gesto non è invece che un momento o almeno così sembra

Abelardo
Quando si getta una monetina si vorrebbe sempre vedere dove essa va a finire…come se un luogo o un altro ne potesse mutare le sorti…o potessero avverarsi desideri destinati all’insuccesso…Non c’è luogo dove si possa buttare via la mente, né esiste un luogo dove si possa preservarla…ed il gesto è soltanto un divino capriccio che il tempo asseconda…per più o per meno…tutte le monete un giorno saranno recuperate e non ci sarà differenza tra il fondo ed il culmine del pozzo…tutte vedranno la luce per altri viaggi…e Dio è un vecchio parsimonioso…non smarrisce a lungo la Sua ricchezza e ci pensa sempre…è inutile rotolare negli angoli più improbabili della casa…e la follia…la follia ha un corso legale eterno…più dell’oro si ricerca dal Cielo perché raccoglie il valore inespresso e il non valore in una sintesi soprannaturale, la potenza e la potenzialità del Creatore che se solo volesse…ma non può…che può oltre il volere e vuole oltre il potere…Nella follia Adamo ed Eva si tengono per mano davanti ad un Dio incredulo: non sanno più di essere nudi…E nello stupore Dio continua a richiedere quella stretta, come se fosse una preghiera.

(continua)

Annunci

Pubblicato da

tieniinmanolaluce

Sono attualmente avvocato, mediatore civile e commerciale, formatore di mediatori e mediatore familiare socio Aimef. Per undici anni sono stato docente di letteratura italiana e storia antica al liceo classico. Sono accademico dell'Accademia Internazionale di Arte Moderna. Scrivo da sempre senza privilegiare un genere in particolare. Ho pubblicato diversi libri anche in materie tecniche. Tra quelli letterari ricordo da ultimo: Un giardino perfetto, Poesie 2012-2016, Carta e Penna Editore, novembre 2016. La condizione degli Ebrei dai Cesari ai Savoia, Carta e Penna Editore, aprile 2017 La confessione, Dramma in quattro atti, Carta e Penna Editore, aprile 2017 Ho iniziato questo blog nel febbraio del 2006 e mi ha dato grandi soddisfazioni. Spero continuino anche su questa piattaforma. Tutto ciò dipende fondamentalmente dalla interazione con tutti voi, cari lettori.

1 commento su “L’eremita (Seconda parte) (Scena unica-parte quindicesima)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.