Annunci

Guardando Francesco/ Guardando mia madre


arcobalenoIeri sera  mi è venuta una gran voglia di continuare a scrivere il dialogo con Abelardo.
Nello stesso tempo avevo davanti una nuova e significativa composizione della nostra poetessa e volevo replicare; ed è ciò che alla fine ho fatto.
Dopo aver letto e riletto la replica, che Vi propongo insieme alla lirica della musa ispiratrice, ho pensato che nella mia mente fosse avvenuta una sorta di crasi tra le due esigenze, quella lirica e quella dialogica.
Non dico di più perché potreste chiamare il 118!
Oggi dopo aver letto i vostri commenti ho invece compreso che le nostre menti sono davvero entrate in una sorta di benefico contatto e che in realtà io scrivo ciò che Voi il giorno successivo pubblicherete.
Prendetemi pure per pazzo, ma le cose che Vi propongo sono legate a doppio filo con il Vostro affetto e le Vostre parole, come se stessimo tutti insieme e inconsapevolmente scrivendo un libro i cui benefici contenuti fossero già stabiliti… Sia Lode a Dio.

Dalla poetessa…

Guardando Francesco

Coi tuoi occhi, figlio,
vorrei guardare il mondo
e stupirmi se il vento
gualcisce i petali
del papavero.
Coi tuoi occhi
vorrei sentire sulla pelle
le lacrime di un temporale
e a bocca aperta bere
ogni sua goccia.
Coi tuoi occhi, figlio,
vorrei guardare in faccia Dio,
forse anche capire
perché l’arcobaleno
spunta solo quando
piove.

E da me…

Guardando mia madre*

Si specchia
in te
il Grifone
che muterà
in me.
E sarò
Figlio, Padre
e Spirito
ma tu
sempre
mia madre.

*Su puntuale ed amorevole considerazione di Feboapollo: il titolo da me pensato era “Il Grifone” ma giustamente non aiutava il lettore. Grazie infinite del suggerimento… 

Annunci

  1. lo so che gli scienziati dovrebbero sapere certe cose, ma piacerebbe anche a me chiedere a Dio guardandolo negli occhi perche l’arcobaleno spu nta solo con la pioggia. Trovo i due pezzi splendidi. come sempre. Rossana

    Mi piace

  2. L’anno scorso facendo il Purgatorio non mi sarebbe mai venuto in mente di leggere del grifone così come fate voi in queste tenzoni poetiche medievali che scaldano il cuore! Anche io sono asina e ho solo 19 anni, ma passo sempre a leggere le vostre poesie e mi fate venir voglia di studiare la letteratura! un bacio. Alice

    Mi piace

  3. a me mancano basi letterarie, quindi commento solo “a sentimento”. Trovo queste due poesie di un lirismo sconfinato anche se solo apparentemente appaiono così diverse. in effetti l’immagine del grifone è per pochi eletti, ma leggendo i commenti l’interpretazione risulta decisamente più chiara al lettore asinaccio quale sono io! La prima lirica è di una dolcezza senza fine, con quelle lacrime di temporale e la domanda posta a Dio…sembra di vivere in una favola, come fiabesco mi pareva l’immagine del grifone, che mai avrei associato a Cristo, ma in effetti così come i luminari dicono tutto ha un senso e >Francesco vede negli occhi della sua mamma Gesù, proprio come la mamma lo vede negli occhi del suo bimbo. Io le trovo molto circolari, molto uniche nel loro genere, e ad essere sincero, anche se sono ignorante come una scarpa, mi toccano il cuore. Grazie.

    Mi piace

  4. questa è sicuramente la lirica più bella che di lei ho letto. Lei tratta la tematica della maternità in modo straordinario…una vera teofania negli occhi di madre e figlio. Anche la prima lirica è molto toccante e esprime un anelito di pace che la donna ritrova solo guardando gli occhi del figlio. MOlto molto belle entrambe

    Mi piace

  5. Vorrei guardare in faccia Dio, forse anche capire…Capire! Forse i bimbi davvero sono angeli capaci di guardare con occhi limpidi il volto di Dio, lo stesso che il bimbo vede rispecchiato negli occhi della madre. Siete straordinari nella vostra sublime sempliità. Cris

    Mi piace

  6. Quanto Amore negli occhi di madre e figlio…quante domande, quante risposte riuscite a far sorgere nei nosti cuori nel leggere i vostri versi. Daniele

    Mi piace

  7. bella quella triplice anafora ripresa dal Figlio, Padre e Spirito. Bella la dolorosa constatazione che non si hanno più occhi puri di bambino ma si resta pur sempre una madre. Si guardano madre e figlio e nei loro sguardi c’è la presenza divina, una presenza che appartiene ad entrambi e che mai viene meno, nonostante il peccato! Grande tormento in queste liriche…un tormento che forse provava anche Dante prima che Matelda lo immergesse nel Lete…sia pace per i vostri cuori.

    Mi piace

  8. ieri mi ha ricordato Matelda..oggi siamo sempre là, nel XXXI del Purgatorio, con Dante che fissa gli occhi di Beatrice mentre lei guarda il grifone! e Dante non può che avere il cuore che gli scoppia di gioia. Mi par di capire che qui il bimbo è quasi in adorazione della mamma, una mamma che grazie alla grazia divina farà sì che il grifo muti nelle fattezze del figlio, perchè il bimbo come dice bene la poetessa possiede quell’innocenza, quel candore, quella purezza d’anima che lei ha perso e che è propria solo di creature angelicate. Tuttogiocato sugli occhi questo dialogo…siete mirabili! Nicola Pertinace

    Mi piace

  9. Colloquio intimo e mistico quello tra madre e figlio: delicata e stupita la prima, mistica la seconda. Nella prima c’è l’amareza per un’innocenza perduta, nella seconda la certeza che l’innocenza alla fine trionferà. una buona giornata

    Mi piace

  10. commovente dialogo tra madre e figlio al centro del quale sta la grazia divina che dona vita. Versi meravigliosi i vostri. una buona notte a entranbi. Marta

    Mi piace

  11. aiuti solo i lettori a capire chi parla nella seconda lirica, altrimenti rischiamo di non comprenderne il senso…il titolo non aiuta! magari con qualche dritta riusciamo a capire la conversazione. Grazie…lo dico perchè il tutto sia come sempre fruttifero, fecondo e costruttivo come piace a voi. Una buona serata

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

INMEDIAR

Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato - Organismo di Mediazione iscritto al n° 223 del registro tenuto presso il Ministero della Giustizia

Via senza forma

Amor omnia vincit

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare partendo da Lucca

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

Marino Cavestro

avvocato mediatore

ANDREA GRUCCIA

Per informazioni - Andreagruccia@libero.it

beativoi.over-blog.com

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Theworldbehindmywall

In dreams, there is truth.

priyank1126sonchitra

A fine WordPress.com site

giacomoroma

In questo nostro Paese c'è rimasta soltanto la Speranza; Quando anche quest'ultima labile fiammella cederà al soffio della rassegnazione, allora chi detiene il Potere avrà avuto tutto ciò che desiderava!

Aoife o Doherty

"Fashions fade style is eternal"

PATHOS ANTINOMIA

TEATRO CULTURA ARTE STORIA MUSICA ... e quant'altro ...

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

quando la fine può essere un inizio

perché niente è più costante del cambiamento

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

centoceanidistorie

Cento pensieri che provano a prendere forma attraverso una scrittura giovane e ignorante, affamata solo di sfogo.

ognitanto|racconto

alberto|bobo|murru

vtornike

A topnotch WordPress.com site

Dale la Guardia

It's up to us on how to make the most of it.

proficiscorestvivo

A blog about travel and food - If you don't know where you're going, any road will take you there.

postnarrativacarrascosaproject.wordpress.com/

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

Amù

Art Moves the World

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI ...

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Paolo Brogelli Photography

La poesia nella natura

TheCoevas official blog

Strumentisti di Parole/Musicians of words

valeriu dg barbu

©valeriu barbu

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: