Al volante/Almeno tu


Dalla poetessa….

Al volante

Vedo il tuo profumo
che si fa strada
tre le pieghe
di una mano
che ascolto
toccarmi il cuore
ed annuso col pensiero
il sapore di baci
mai ricambiati
che mi sussultano
in grembo

Pioggia su cotto

E da me…

Almeno tu

 

Almeno tu
possiedi il litorale
ed il picchiettio
della pioggia.
Io soltanto
questo respiro
raggomitolato
nella tiepida assenza.

Annunci

13 risposte a "Al volante/Almeno tu"

  1. Stupefatta incantata,non sapevo da dove iniziare a commentare…poi mi sono soffermata su queste note a due voci dove le parole si intrecciano in rivoli di anima…i miei più sinceri complimenti…

    Mi piace

  2. …a me invece richiama il Bacio di Klimt…non so il perchè ma le vostre immagini mi fanno balenare in testa quel bellissimo quadro. Sono versi dolcissimi quelli che scrivete…è bello riconoscersi in qualcosa, la poesia, che credevo fosse lontana da me. Elena M.

    Mi piace

  3. Ora l’uno offre la voce alla parola, ora l’altra la parola alla “musica” e ne nasce un canto dolcissimo, un unisono di due anime. “Al volante” è davvero una splendida interpretazione della femminilità. Un caro saluto

    Mi piace

  4. Sono frammenti, i vostri, nel senso che ogni lirica anzichè chiudersi in una propria compiutezza, deborda nella successiva o nella sua replica e ne risulta la necessaria situazione del non-finito che è sempre alla ricerca di una completezza che non si raggiunge nel hic et nunc ma solo in ciò che in futuro sarà detto. Grandissimo è il potere dunque della parola. Nicola Pertinace

    Mi piace

  5. Non credo che del litorale e della pioggia che picchietta sul parabrezza la donna se ne faccia molto…se ne fa di ciò che si porta dentro, là nel grembo…ed è merito dell’uomo che viene esaltato in tutta la sua virilità…ed infatti si crogiola, come un bimbo tra le braccia di una mamma. Siete forti veramente. Cris

    Mi piace

  6. Sublime “al volante”! a noi maschietti mancano davvero un po’ le basi se pensiamo alla forza delle donne…Eppure al volante è straordinaria proprio perchè senza la presenza maschile la donna non si sentirebbe così completa e non sarebbe in grado di completare se stessa…io la leggo come un ringraziamento all’uomo! Daniele

    Mi piace

  7. siete ammirevoli in questa corsa alla vostra essenza peculiare: prima la donna che sottolinea un silenzio che vive di presenza maschile e l’uomo che la rassicura di non essere sola, ora invece l’uomo quasi disarmato dinanzi alla forza creatrice della donna, ripiegato su se stesso quasi come fosse inviluppato, quasi un desiderio di ritornare nel tepore del grembo di una madre…mi pare magistrale come riusciate ad interpretare lo specifico dell’esser donna ed uomo.Una buona giornata Alessandra

    Mi piace

  8. …vedete, qui le posizioni che nelle due liriche precedenti si erano delineate si sono di colpo sovvertite: l’uomo non guida più, non conduce, ma assume un atteggiamento passivo, forse di attesa, sicuramente più statico rispetto a quello femminile che è un’eruzione vulcanica al confronto: la donna attende anche lei, ma è creatura creatrice!…di questo non si vanta (ed è garndissima l’umiltà che traspare dai versi) ma pare grata per i sussulti in cui riconosce già tratti familiari. Splendido gioco sinestetico mozzafiato. bravi!

    Mi piace

  9. passavo di qui e sono “inciampata” in un post a dir poco toccante…è proprio vero che si cammina sulla stessa strada, uomo e donna, e si vedono le stesse cose, ma si percepiscono e si colgono in modo differente..come viene spiegato bene tutto ciò da questi versi! non leggevo poesie da una vita. Riprenderò a farlo…grazie. Alice

    Mi piace

  10. molto molto belle…ecco la maternità, timidamente accennata e tutta la fragilità e l’impotenza di noi uomini dinanzi al prodigio di un qualcosa di cui non ci è dato partecipare se non in minima parte. Al volante è semplicemente straordinaria con quel gioco di sinestesie che prelude ad un incontro, quello con un erede che è solo vagheggiato con i tratti dell’uomo che si ama. Ed in casa chi c’è? in casa c’è un uomo solo, raggomitolato su se stesso…un gatto, quasi, in attesa di qualcuno a cui far le fusa, avvolto in un’assenza che solo apparentemente è tale, perchè è tiepida, come il grembo materno!Superbe!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.